HOME - Cronaca
 
 
22 Ottobre 2014

L'economia di un Paese si valuta guardano le prestazioni del dentista. Almeno secondo Businessweek


In periodi di rallentamento economico le cure odontoiatriche sembrano essere la prima componente a subire un brusco calo e, quindi, il monitoraggio dei rendimenti  del settore odontoiatrico potrebbero offrire una pratica immagine sulle prospettive di sviluppo dell'intera economia.

A sostenerlo è Eric Chemi reporter della rivista Businessweek che con Vijay Sikka, imprenditore Californiano fondatore della Sikka Software azienda che produce applicativi cloud per studi dentistici certificata ADA hanno recentemente pubblicato un articolo in cui motivano l'affermazione.

La Sikka Software possiede sterminate  quantità  di dati sulle terapie dentali di cittadini Americani che fanno capo ai 12.200  studi dentistici suoi clienti.
Gli indicatori negativi rilevati dall'analisi dei dati e che  Sikka attribuisce alla  mancanza di fiducia dei consumatori, sono 3:

1) Sempre più pazienti cancellano o non si presentano all'appuntamenti di follow-up necessario. E questo anche per trattamenti come l'igiene dentale. Il dato è peggiore di quello registrato negli anni in cui è cominciata la crisi economica (2007-2008)

2) Notevole aumento del numero di piani di trattamento proposti da parte degli studi, che si troverebbero in  una situazione "disperata" proponendo in modo aggressivo pianificazioni terapeutiche che non vengono accettate dal paziente.

3) Notevole aumento dei crediti da recuperare da parte degli studi che al termine del cicli terapeutici  hanno un grosso scoperto da esigere dal paziente.

E' interessante osservare  come la capillare diffusione dei software gestionali negli studi odontoiatrici, la spartizione del mercato tra tre o quattro grandi aziende che operano prevalente sul cloud e la capillare diffusione di linee internet veloci che consentono gli scambi tra lo studio e il server, abbiano permesso di realizzare una simile analisi incrociando dati clinici con quelli economici del mercato USA.

A cura di: Cussotto Davis, libero professionisti Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

Per la scelta si punta sullo studio tradizionale ma crescono studi in franchising e convenzionati


Foto forntia dal sito del Governo

La vittoria del No al referendum costituzionale e le dimissioni del premier Matteo Renzi (nella foto il momento dell'annuncio dele dimissioni), con conseguente crisi di Governo, potrebbero portare...


L'ultima è la pensione anticipata dalle banche a chi va via in anticipo, esodati inclusi, per una somma che il pensionato restituirà con gli interessi una volta che a pagare l'assegno...


La maggior parte degli studi dentistici USA ha vissuto negli ultimi 5 anni un calo di redditività. A rivelarcelo è Roger Levin dentista e consulente aziendale che ha dedicato a questo...


Altri Articoli

La chiusura dei centri low-cost lascia 3mila pazienti senza cure


Successo di presenze, ora si lavora per l’edizione del 2020


I consulenti fiscali AIO, consigliano: non aspettate l’ultimo momento


Apertura della FNOMCeO alla proposta. Incognite per odontoiatria


Qualche giorno fa viene in redazione un importante docente universitario e relatore di fama che con EDRA sta realizzando un libro di prossima uscita. Chiacchierando, mentre prendiamo un caffè, non...


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi