HOME - Cronaca
 
 
31 Ottobre 2014

Incompatibili cariche politiche e ruoli negli Ordini. Nelle norme anti corruzione rientrerebbe anche il presidente FNOMCeO Sen. Bianco


Tutti gli Ordini e i Collegi professionali sono soggetti alle norme contenute sia nella legge anticorruzione (190/2012), sia nel decreto legge sulla trasparenza (33/2013) e perciò tra i loro obblighi c'è il divieto di assegnare ruoli dirigenziali a chi già ricopre o ha ricoperto altre cariche amministrative o politiche. A sancirlo una delibera del presidente dell'Anticorruzione Raffaele Cantone fatta su misura per medici, farmacisti, odontoiatri e infermieri, che sembrerebbe mettere la parola fine al contenzioso tra ordini professionali e ministero della Salute sulla possibilità che i presidenti di Ordine possano anche ricoprire cariche politiche.

E' il caso del presidente degli Ordini dei medici Amedeo Bianco (Pd), della presidente della Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi, Annalisa Silvestro (Pd), e del presidente dell''Ordine nazionale dei farmacisti, Andrea Mandelli (Fi) nonché del suo vicepresidente Luigi d''Ambrosio Lettieri (Fi) che, come noto, siedono tutti in Parlamento.

Una doccia fredda che, pur non entrando nel merito dei singoli casi, non sembra lasciare molto spazio ad alternative per i presidente di Ordine, visto che la delibera ribadisce come gli ordini siano enti pubblici "non economici" e non "enti associativi" e come tali devono sottostare alle norme per la trasparenza e anticorruzione.

"Ho visto il parere di Cantone" dice il presidente FNOMCeO Amedeo Bianco "ma ci riserviamo di approfondire per capire se il nostro incarico coincida con le fattispecie considerate dalla delibera. Se la questione si ponesse ne prenderemmo atto e ne trarremmo le conseguenze con rispetto della legge dovuto da persone delle istituzioni quali siamo". Nei prossimi 30 giorni l'Autorità dovrà vigilare sul rispetto dell'obbligo, da parte di Ordini e Collegi, di predisporre il Piano triennale di prevenzione della corruzione, il Piano triennale della trasparenza, di adottare il codice di comportamento del dipendente pubblico e di nominare il Responsabile della prevenzione della corruzione. Trenta giorni nei quali gli Ordini potranno fare le opportune verifiche sul fatto che, come presume Bianco "la carica di presidente di Ordine possa rientrare in una fattispecie differente in quanto elettiva".

Marco Malagutti

Articoli correlati

Come ogni elezione nuovi nomi ed eccellenti esclusioni caratterizzano le liste dei candidati che i partiti presentano. Tra le prime ad essere ufficializzate quelle del Partito Democratico.Il primo...


La ricostruzione dei denti frontali in resina composita può risultare molto impegnativa per l'odontoiatra e tale aspetto non è tanto legato alla tecnica di esecuzione ma piuttosto alle...


La Federazione dei Medici ed Odontoiatri avrà sicuramente un nuovo presidente visto che il Sen. Amedeo Bianco ha annunciato di non ricandidarsi alle elezioni che, nel Marzo prossimo,...


#diamo speranza alle speranze. È questo l'hashtag con cui si conclude la lettera indirizzata dal presidente FNOMCeO Amedeo Bianco al premier Matteo Renzi per sottoporgli le criticità del...


L'approvazione della nuova edizione del Codice di Deontologia Medica, del Giuramento professionale e delle note applicative non è stato esente da critiche, oltre alle azioni legali promosse da...


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni