HOME - Cronaca
 
 
24 Novembre 2014

Troppi dentisti, il sistema è da riformare: il congresso AIO analizza e propone soluzioni ai ministeri


Solo quest'anno nelle Facoltà straniere si sono laureati in odontoiatria 1080 italiani. In Italia se ne sono laureati circa 800. Il nostro paese avrà più del doppio dei dentisti che ha programmato. Le conseguenze del surplus ci sono già e sono drammatiche: il 52% di tutta l'emigrazione formativa in Europa è Italiana. I dati sono stati presentati al 4° Congresso Politico dell'Associazione Italiana odontoiatri.

"La pletora odontoiatrica continua a crescere e il test d'ammissione ai ben 34 corsi di odontoiatria sparsi negli atenei italiani per com'è congegnato non basta ad evitarla", afferma Gerhard Seeberger, speaker della Federazione mondiale delle Associazioni odontoiatriche-FDI. Al Congresso, che celebrava il Trentennale dell'Associazione davanti ai fondatori (presenti anche i past president Aldo Ciolfi, Francesco Occipite di Prisco oltre a Giulio Del Mastro e allo stesso Seeberger), una giuria "simbolica" composta da rappresentanti della professione, esperti di sistemi sociali e della sanità e da studenti  ha riaffermato "a maggioranza" la necessità di una programmazione agli accessi.

"Il sistema Italia non può permettersi di laureare tutti - ammette Sodano - la formazione di un dentista in sei anni costa intorno ai 220 mila euro, che moltiplicati per i soli laureati in odontoiatria attivi darebbero una spesa virtuale sostenuta in questo paese da circa 7 miliardi; tuttavia qualcosa deve cambiare".

"Così com'è il test - afferma il Vice Presidente AIO Fausto Fiorile - non fa argine al desiderio di molti giovani di diventare dentista, né evidenzia vocazioni visto che molte domande sono fuori centro e alcune assurde: in un caso è persino stato chiesto l'anno di nascita di una conduttrice tv nota ai gossip.  E se è vero che l'università non può reggere l'impatto di un primo biennio universitario in cui si valutano tutti gli aspiranti sanitari (medici dentisti infermieri igienisti etc, com'è stato proposto) è anche vero che i corsi di laurea sono troppi in confronto alla media degli studenti che licenziano. Dai lavori - conclude Delogu -  è emersa la necessità di riformare la modalità degli accessi con un attenzione particolare alle attitudini individuali e alle reali vocazioni con un percorso di indirizzo e valutativo che parta già dalla scuola media superiore".

A cura di: Ufficio Stampa AIO

Articoli correlati

Fiorile: una disparità di trattamento probabilmente intenzionale ma anche un clamoroso autogol, siamo stufi valutiamo forme di protesta clamorose 


Parere positivo dalla Conferenza Stato Regioni all’accordo di proroga di 12 mesi per assumerne ASO non qualificate


Sindacati odontoiatrici divisi. Chiedono un rinvio AIO e SUSO, schierata per le elezioni nei tempi previsti ANDI che scrive a Conte  


Domani potrebbe arrivare il primo via libera necessario per prorogare di un anno le scadenze previste dal nuovo profilo ASO su assunzioni


AIOP apre la stagione dei congressi nonostante l’obbligo della distanza sociale e porta il Meeting on line. Ecco come funzionerà


Altri Articoli

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni