HOME - Cronaca
 
 
26 Novembre 2014

ECM, ancora nessuna sanzione per chi non si aggiorna. Conte (FNOMCeO): poco etico estenderle a tutti


Ma come si può procedere a sanzioni disciplinari se l'offerta formativa è carente? Se lo chiede Luigi Conte componente della Commissione Nazionale per la Formazione Continua a margine della V conferenza nazionale che si è chiusa ieri a Roma.

L'aspetto delle sanzioni, infatti, è uno di quelli al centro delle trattative dell'intesa Governo Regioni. Gli effetti del mancato aggiornamento per alcune categorie di medici sono già operativi, come spiega Conte "si tratta dei medici competenti che esaminano i lavoratori sulla base delle disposizioni delle leggi 626/96 e testo unico 81/2008 contro gli infortuni, per i quali è obbligatorio assolvere ad almeno il 70% degli eventi formativi in medicina del lavoro". Ma il vincolo è vigente anche per i dipendenti del privato accreditato "per i quali" sottolinea Conte "la mancata soddisfazione dell'obbligo Ecm può portare la struttura a perdere il convenzionamento.

Per il liberi professionisti, invece, l'obbligo c'è ma non è sanzionato anche se l'Ordine, al termine del triennio formativo, potrebbe "sentire" l'iscritto che non ha raccolto il numero di crediti necessari chiedendo chiarimenti come previsto dalla normativa.

Per Conte la sanzione sarebbe poco etica in virtù della "mancanza di proposte sul fronte formativo".
Tra gli altri dati segnalati dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua (che opera sotto l'ala dell'Agenzia dei servizi sanitari regionali Agenas) e dal Ministero della Salute c'è poi quello relativo ai provider che accreditano i propri corsi ma sono soggetti a controlli (260 le verifiche quest'anno).

Ad oggi il censimento effettuato da Commissione e Regioni parla di 327 provider standard operativi, 777 provvisori, 44 standard sotto verifica di accreditamento e ben 885 provider sospesi. "Un dato" riprende Conte "che conferma come il sistema stia progressivamente andando a regime". Infine c'è il capitolo dossier formativo rispetto al quale il rappresentante FNOMCeO sottolinea la transizione in atto "da una fase esclusivamente quantitativa a una qualitativa, che permetterà al professionista, collegandosi a Cogeaps, di indirizzare il proprio percorso formativo secondo una direzione scelta". Un passaggio che nel triennio in corso sarà volontario e diventerà obbligatorio a partire dal 2016 pdf tutti i professionisti della sanità.

"Il nostro sistema Ecm" conclude Conte "si distingue rispetto a quelli degli altri Paesi europei per la sua apertura a tutti i professionisti della salute e non solo ai medici".

Marco Malagutti

Articoli correlati

Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta (ANCAD) che denuncia: il commercio elettronico nel settore odontoiatrico rischia di ignorare leggi e controlli e favorire abusi


Per gli odontotecnici l’unico che può fabbricare la protesi è il laboratorio, per i dentisti quanto realizzato in studio non è un dispositivo protesico


Dall’ANCAD alcune precisazioni sulle scadenze e sulle procedure di “registrazione” dei dispositivi medici


L’europarlamentare Nicola Danti presenta interrogazione per verificare che non siano state violate le norme su libera concorrenza  


L’ultimo esempio, in ordine cronologico, di come le opportunità che le nuove tecnologie offrono a fantasiosi ed illuminatati imprenditori possono destabilizzare le regole del sistema è la...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Insediati i nuovi organi direttivi 2021-2024, Giudo Giustetto confermato presidente OMCeO. Ecco nomi e cariche della nuova Commissione Albo Odontoiatri


Molti i dubbi sulla tipologia di eventi sospesi e sulla utilità. Intanto il primo evento di settore a farne le spese è il Congresso AIO, Fiorile: provvedimento incomprensibile


Il Consiglio dei Ministri approva il Ddl sulle lauree abilitanti. Soddisfazione di Di Lenarda (Collegio) e Iandolo (CAO)


Dopo l’approvazione del Ddl sull’abolizione anche per odontoiatria dell’esame di stato, Iandolo(CAO) chiede: “Ora conferirle valenza specialistica” 


"Siamo tutti pazienti special needs. La personalizzazione della strategia terapeutica”: un momento formativo di elevato spessore scientifico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio