HOME - Cronaca
 
 
26 Gennaio 2015

Cancro orale, parte da Milano la nuova campagna di informazione della popolazione


Un momento della COnferenza stampa di presentazione del progettoUn momento della COnferenza stampa di presentazione del progetto

"Guardarsi in bocca, un gesto semplice per la salute". Già dal claim della nuova campagna di informazione sul cancro orale lanciata nei giorni scorsi da Milano si avverte una novità: il destinatario della comunicazione è il cittadino e non gli operatori sanitari che erano invece stati al centro di analoghe iniziative condotte in passato nell'ambito della salute orale. La campagna è organizzata dal Cenacolo odontostomatologico italiano (Coi-Aiog) e dall'Università degli studi di Milano, in collaborazione con la Società italiana di patologia e medicina orale (Sipmo), l'Associazione igienisti dentali italiani (Aidi), l'Istituto nazionale dei tumori e il Comune di Milano: si assiste dunque a un'ampia convergenza del mondo scientifico e delle istituzioni. La partecipazione del Comune a un'iniziativa mirata alla tutela della salute può apparire inusuale, dato che le amministrazioni comunali non hanno competenze dirette in materia sanitaria ma, come afferma Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali e cultura della salute, "c'è una competenza diretta sulle politiche sociali e, particolarmente in una fase di deprivazione materiale per molti cittadini a causa della crisi economica, la prevenzione assume un ruolo di particolare rilevanza".

Il sostegno alla salute si coniuga dunque con il risparmio e il concetto è ribadito dal consigliere della Regione Lombardia Carlo Borghetti: "le risorse dedicate alla salute non devono essere viste come un costo ma come un investimento e comportano un risparmio a lungo termine, creano posti di lavoro e migliorano le condizioni di vita delle persone. Eppure, dal punto di vista della cultura della prevenzione abbiamo ancora molto da fare".

Anche secondo Antonio Carrassi, presidente della facoltà di Medicina dell'Università di Milano e Lorenzo Lo Muzio, presidente del corso di laurea in Odontoiatria e protesi dentaria dell'Università di Foggia e presidente della Sipco, la prevenzione non dovrebbe attuarsi soltanto attraverso iniziative volontarie da parte delle associazioni, ma dovrebbe essere compito prioritario del Servizio sanitario nazionale; "in particolare, se a livello centrale si sono assunte iniziative positive nella prevenzione dei tumori del seno o del collo dell'utero, il problema rappresentato dai carcinomi del cavo orale è stato finora trascurato".

Eppure i carcinomi orali rappresentano circa il 3-5% di tutti i tumori maligni e a questi vanno aggiunti gli adenocarcinomi delle ghiandole salivari minori, mentre più rari sono i melanomi maligni intraorali e altri tumori connettivali, i linfomi e i sarcomi.

Il carcinoma orale è caratterizzato da un alto indice di prognosi infauste con una mortalità, a cinque anni dalla diagnosi, del 56%. Ma la sopravvivenza è strettamente legata allo stadio in cui la neoplasia viene diagnosticata e in Italia il ritardo diagnostico è di ben 180 giorni.

Da qui l'importanza di questa campagna, di cui è stato propulsore in primo luogo il Cenacolo odontostomatologico milanese (Com); la presidente Federica Demarosi rileva che "spesso il cittadino ignora l'esistenza del cancro alla bocca; vogliamo dunque dare istruzioni su come poterlo intercettare e su come prevenirlo attraverso comportamenti che portino a una riduzione del rischio. Daremo al cittadino indicazioni e riferimenti di strutture a cui rivolgersi, sia pubbliche (Azienda ospedaliera San Paolo, Ospedale Maggiore Policlinico Fondazione Cà Granda, Istituto Ortopedico Galeazzi, Istituto Nazionale dei Tumori) che private".

Il prossimo appuntamento fissato per il prossimo 9 febbraio nella sala Alessi di Palazzo Marino, la sede cinquecentesca del Comune di Milano. Per quattro ore, docenti universitari approfondiranno l'argomento del cancro alla bocca e daranno indicazioni sui segni che richiedono approfondimenti diagnostici. La giornata di aggiornamento è rivolta ai volontari (odontoiatri e igienisti dentali, ma anche medici di base e medici specialistici) che si renderanno disponibili a visitare gratuitamente nei propri studi i cittadini. A partire dal 15 febbraio, i loro nomi saranno pubblicati in Internet, accessibili attraverso il sito www.cenacolomilanese.it.

Ma la campagna, come ha spiegato Maria Grazia Cannarozzo, presidente nazionale del Cenacolo odontostomatologico italiano, verrà estesa a tutto il territorio nazionale e vedrà una partecipazione entusiastica degli igienisti dentali: la presidente dell'Aidi Marialice Boldi ha assicurato di aver coinvolto tutti i presidenti regionali dell'associazione, che si faranno promotori dell'iniziativa.

Renato Torlaschi

Articoli correlati

Grande partecipazione e contenuti di alto livello scientifico per il XXIII Congresso Nazionale COI-AIOG svoltosi A Bologna lo scorso 29 e 30 Marzo.L’evento si è rivolto, come di...


Workshop in Expodental di COI-AIOG, ANDI, Fondazione ANDI e SIOH


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi