HOME - Cronaca
 
 
08 Marzo 2010

Una possibile diagnosi delle alterazioni osteoporotiche grazie alla radiografia panoramica

di Renato Torlaschi


Sempre più spesso ai dentisti è affidato un ruolo di prima linea diagnostica nell'individuazione di malattie sistemiche. È in quest'ambito che si sta sviluppando un dibattito sulla possibilità di utilizzare le radiografie panoramiche nella diagnosi precoce dell'osteoporosi. Le opinioni restano controverse e, mentre certi studiosi sostengono che esiste una correlazione tra una ridotta densità minerale ossea (Bmd) e alterazioni radiografiche ai mascellari, altri autori negano che in questi pazienti vi sia una presenza generalizzata di rarefazione ossea e segni ben identificabili nella morfologia della corticale mandibolare.
A sostegno dell'utilità delle radiografie panoramiche delle arcate dentarie nell'analisi di eventuali segni osteoporotici si è espresso il professor Akira Taguchi del Department of Oral Maxillofacial Radiology dell'Hiroshima University Hospital, con uno studio pubblicato sul Japanese Dental Science Review. L'approccio dello studioso giapponese è molto pragmatico. È ben nota la diffusione dell'osteoporosi e il suo configurarsi come malattia sociale dai costi umani ed economici crescenti con il progressivo invecchiamento della popolazione. La densitometria ossea con la tecnica Dexa, che utilizza i raggi X, è oggi il metodo diagnostico più universalmente riconosciuto per determinare la densità dell'osso, però le apparecchiature per effettuare la Dexa non sono ampiamente disponibili in tutti i Paesi. D'altro canto, le radiografie panoramiche sono molto diffuse nel mondo (17 milioni ogni anno solo negli Stati Uniti) e costituiscono una procedura di routine per esaminare patologie dentali come la carie o la parodontite.
È evidente che vi sarebbero enormi benefici se si potesse approfittare di queste radiografie per un secondo utilizzo, identificando donne in post-menopausa (e sempre più spesso anche uomini oltre i 50 anni) con osteoporosi non diagnosticata e indirizzarli agli specialisti per un trattamento appropriato. L'apertura di un canale di comunicazione tra ortopedici e odontoiatri consentirebbe inoltre di affrontare successivamente eventuali cure a base di bifosfonati in modo coordinato per minimizzarne gli effetti avversi. L'obiettivo della revisione realizzata da Taguchi è di fornire le informazioni di base e le evidenze scientifiche relative agli indici più significativi ricavabili dalle radiografie panoramiche per identificare gli individui a rischio di osteoporosi, di rimarcare le correlazioni tra questi indici e i parametri legati al rischio di fratture osteoporotiche e infine di suggerire lo sviluppo di una tecnica di diagnosi assistita dal computer che renda più facile e veloce acquisire le informazioni utili allo scopo. Si sono recentemente messe a punto apparecchiature per effettuare radiografie panoramiche digitali e sono in rapida diffusione.
Le immagini non sono riprodotte sulle tradizionali lastre, ma vengono inserite direttamente a computer, sono ad alta risoluzione e possono apparire molto ingrandite sul monitor. Tra i tanti vantaggi, c'è la possibilità di effettuare la diagnosi anche di patologie minime. Proprio in Giappone è stato sviluppato negli scorsi anni un sistema per determinare in modo automatico gli indici che misurano il grado di erosione dell'osso mandibolare e lo spessore della corticale nella mandibola. In tutto il mondo si stanno accumulando evidenze che, secondo il professor Taguchi, fanno ragionevolmente sperare nello sviluppo di una diagnosi multidisciplinare e precoce dell'osteoporosi, tuttavia diversi importanti problemi devono ancora essere risolti. In primo luogo bisognerà mettere in condizione gli odontoiatri generici di identificare con la competenza e accuratezza necessarie i segni riconducibili alle alterazioni osteoporotiche nelle radiografie panoramiche. Occorrerà poi verificare se effettivamente questo intervento potrà portare a una prevenzione e riduzione delle fratture da osteoporosi. Serviranno a questo proposito studi randomizzati controllati per valutare la possibilità di produrre differenze statisticamente significative nei gruppi di intervento rispetto ai gruppi di controllo.

Fonte: Akira Taguchi. Panoramic radiographs for identifying individuals with undetected osteoporosis. Japanese Dental Science Review (2009);45:109-120.

GdO 2010; 3

Articoli correlati

La salute orale ha un impatto significativo sulla qualita` della vita delle persone. Una buona salute orale consente di soddisfare i bisogni essenziali, come mangiare in maniera adeguata, gustare i...


ObiettiviDescrivere gli effetti delle terapie multimodali in pazienti affetti da rabdomiosarcoma (RMS) del capo e del collo e valutarne l’approccio terapeutico.Materiali e metodiRiportiamo un caso...


OBIETTIVI. Benché il fluoruro possa favorire un corretto sviluppo dello smalto, un suo eccesso può essere causa di fluorosi dentale attraverso meccanismi ancora poco conosciuti. Poiché è stato...


clinica-e-ricerca     17 Ottobre 2008

Scegliere la vita

Il tumore del cavo orale rappresenta il 3% di tutte le neoplasie maligne nell’uomo ed il 2% sulla donna; quando diagnosticato a uno stadio iniziale, può essere curato con una percentuale di...


Altri Articoli

Con tale misura sarà possibile effettuare test antigenici rapidi come ausilio diagnostico sui pazienti che arrivano negli studi peraltro già sottoposti a triage. Peirano (CAO): gli odontoiatri...


Controllate aziende e laboratori di analisi, privati e convenzionati, ed altre strutture similari operanti nel commercio e nell’erogazione di test di analisi molecolari, antigeniche e sierologiche...


Il TAR respinge il ricorso presentato dalla CAO La Spezia contro un Centro DentalPro e legittima l’esercizio anche delle società non STP. Sarà il Consiglio di Stato a chiarire definitivamente la...


Iscritto all’Ordine di Cosenza sospeso per un mese per violazione articoli 1,2, 24,25  e 64 del codice deontologico. Ecco le motivazioni ed il commento del presidente CAO Giuseppe Guarnieri


Il JDR pubblica una interessante ricerca che conferma quanto il dentista possa essere utile per effettuare screening sulla popolazione, diventando, lo definisce nel suo Agorà del Lunedì il...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciali in Evidenza

 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali