HOME - Cronaca
 
 
11 Febbraio 2015

"Guardarsi in bocca". Al via il progetto del Cenacolo Odontostomatologio


E' partito ufficilamente lunedì 9 febbraio il progetto "Guardarsi in bocca un gesto semplice per la salute" organizzato dal Cenacolo Odontostomatologico insieme all'Università degli Studi di Milano e patrocinata dal Comune di Milano, dalla Società Italiana di Patologia e Medicina Orale, la Fondazione IRCCS-Istituto Nazionale dei Tumori, l'AIDI e l'Associazione Italiana di Odontoiatria Generale.
Primo evento il corso di informazione e aggiornamento organizzato a Palazzo Marino, aperto a medici, odontoiatri e igienisti volontari chiamati a visitare i cittadini che chiederanno l'appuntamento per il controllo di eventuali lesioni orali.

Il progetto, infatti, si prefigge di promuovere la prevenzione del carcinoma orale nella popolazione milanese con le seguenti modalità: informare sull'esistenza del cancro della bocca e sulla sua prognosi infausta in caso di diagnosi tardiva; dare istruzioni su come osservare la propria bocca per identificare eventuali lesioni sospette; far conoscere i fattori di rischio del cancro orale; comunicare gli stili di vita corretti per la prevenzione del cancro orale; elencare le strutture milanesi dove viene fatta diagnosi di cancro orale.

I cittadini milanesi vengono invitati a "guardarsi in bocca". Al minimo dubbio il cittadino potrà rivolgersi a centri, pubblici o privati, elencati nei siti del Comune, dell'Università e del Cenacolo, per un esame alle mucose. Le visite saranno effettuate presso le strutture pubbliche universitarie che hanno aderito all'iniziativa, e avranno luogo entro una settimana dalla richiesta oppure presso i dentisti privati aderenti.
Le strutture pubbliche che hanno dato l'adesione sono gli ambulatori di Patologia Medicina Orale e gli ambulatori di Chirurgia maxillofacciale dell'ospedale San Paolo, dell'Istituto Ortopedico Galeazzi, dell'Istituto dei Tumori e del Policlinico. Le strutture private sono volontarie e lavoreranno su base assolutamente gratuita. I risultati delle visite che avranno luogo nel 2015 saranno protocollati e riassunti in appositi formulari trattati a fini statistici. Essi daranno vita a una survey che verrà presentata a ottobre in un apposito convegno nel Padiglione Italia di Expo.

"Questo progetto conferma l'importanza di proporre una prevenzione non di azioni sporadiche, bensì dotate di una linea comune e in grado di mettere in relazione più soggetti per il bene dei cittadini - ha dichiarato in una nota Pierfrancesco Majorino, assessore alla Politiche Sociali e Cultura della Salute - Solo un sistema misto, che unisca pubblico e privato, enti e organizzazioni sociali, può rendere più sostenibile l'accesso alle cure mediche odontoiatriche e agire efficacemente per garantire davvero la cura della salute".

Per aderire al progetto iscriversi on line nel sito www.cenacolomilanese.it oppure contattare la segreteria associativa al numero 02/29412295.

Sull'argomento leggi anche:
26 Gennaio 2015: Cancro orale, parte da Milano la nuova campagna di informazione della popolazione

Articoli correlati

Abbiamo intervistato i promotori del corso “Il paziente col cancro della bocca: dalla diagnosi alla riabilitazione”, i professori Biglioli e Lodi


Per l’Ospedale Fatebenefratelli all’Isola Tiberina di Roma sono 9700 nuovi casi in un anno in Italia. Attivata campagna di prevenzione con visite gratuite


L’associazione che vuole assistere concretamente i cittadini per combattere il cancro della bocca


L’eccessivo consumo di alcol modifica il microbioma orale, aumentando la presenza  di batteri patogeni; questa condizione può  favorire lo sviluppo di tumori della...

di Davis Cussotto


A Milano il 5 maggio, corso sul cancro orale e mostra fotografica


Altri Articoli

Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni