HOME - Cronaca
 
 
15 Marzo 2010

I Fis: una bussola per orientarsi tra vantaggi e svantaggi

di Luca Massimo Accialini


Da qualche tempo, ha iniziato ad affermarsi il principio che il professionista deve farsi pubblicità e che il bilancio dello studio debba prevedere una nuova voce dedicata a questo. In linea di massima, chi fa comunicazione sostiene che un professionista dovrebbe investire circa il 3% del fatturato in pubblicità. La pubblicità è un costo certo, da sostenere in anticipo e i cui benefici possono arrivare solo dopo tempi lunghi. Un aspetto positivo dei Fis è che il gestore si fa carico di un’attività promozionale gratuita a favore dello studio. Nel caso di un Fis “chiuso” (rivolto a una specifica categoria di persone, per esempio ai dipendenti di una grande azienda automobilistica), il messaggio è centrato su un gruppo di persone omogenee per cultura, disponibilità economica e, in alcuni casi, anche per provenienza geografica. Al contrario, un Fis “aperto”, cioè rivolto all’intera cittadinanza, destinatario molto eterogeneo. I costi di tale promozione sono a carico del gestore e saranno pagati dal dentista, mediante una ridotta retribuzione, solo nel caso in cui vi sia effettiva affluenza di pazienti. Per entrambe le tipologie di Fis, la promozione dello studio avviene con vari meccanismi: la segnalazione da parte di organi pubblicitari e il passaparola - forse più veloce in quelli chiusi - che si viene a determinare tra gli iscritti. Indubbiamente, e questo è noto fin dai tempi degli storici terzi paganti, l’affluenza di pazienti assistiti negli studi convenzionati è cospicua. Un paziente iscritto a un Fis non ha diritto a trattamenti privilegiati. Per questa ragione, tali pazienti possono essere gestiti per ottimizzare i flussi di lavoro. Fatto salvo il massimo rispetto per l’assistito e la qualità delle prestazioni, è possibile calmierare la loro gestione in modo da minimizzare il rischio che la nota sindrome da poltrona vuota colpisca il nostro studio.
Il fatto che i Fis, come dimostra l’analisi comparata dei nomenclatori, non comprendano alcune terapie di cui i pazienti hanno bisogno è considerato in maniera positiva. Nei fondi è infatti previsto che il professionista possa erogare prestazioni fuori regime convenzionale che saranno fatturate direttamente al paziente attraverso il tariffario libero professionale. Ci sono poi considerazioni di carattere economico e fiscale: un Fis è puntuale nei pagamenti e consente una buona programmazione economica. Il modus operandi di un gestore di Fis è però molto impegnativo per uno studio. La burocrazia, ancora non ben definita e oliata e per di più di cospicua entità, ha un impatto pesante sul lavoro di segreteria. In alcuni casi, il gestore si riserva di fissare gli appuntamenti a nome del paziente, in altri la documentazione cartacea è complessa, ridondante e spesso non standardizzata. Un altro argomento che può essere portato contro i Fis è il nomenclatore/ tariffario. Si tratta del nodo più dolente per l’odontoiatra e merita di essere affrontato con il massimo rigore e con la massima serenità. Il tariffario di un Fis è nazionale ed è uguale in tutto il Paese.
Il problema però è che il costo del lavoro è molto diverso da una parte all’altra d’Italia, e differente sarà per forza di cose anche la marginalità che il tariffario di un Fis consente a professionisti operanti nelle varie Regioni. Anche se è vero che alcuni terzi paganti/Fis consentono agli odontoiatri aderenti un margine di negoziazione del proprio tariffario, è altrettanto vero che alcuni professionisti considerano il paziente inviato da un Fis economicamente poco appetibile. Uno studio che abbia elevati costi di gestione non può permettersi di ricevere troppi pazienti in convenzione e si vede costretto a limitare il loro afflusso a un tetto massimo del 15% circa della totalità. Al contrario, un collega che abbia costi molto contenuti sarebbe in grado di farsi carico di maggiori quantità di pazienti in convenzione. Se è vero che la decisione di collaborare con uno o più Fis può comportare anche una rivalutazione delle politiche d’acquisto, la ricerca della marginalità non dovrebbe comunque portare a un patologico scadimento della qualità delle prestazioni erogate.
Da anni operano in Italia gruppi d’acquisto per odontoiatri che riescono a mantenere alta la qualità dei prodotti utilizzati dai professionisti, anche a fronte di rilevanti risparmi nella gestione dello studio. Purtroppo il quadro legislativo non è ancora definitivo, all’orizzonte potrebbero esserci nuove regole che rischiano di stravolgere i Fis, rendendo il futuro di quelli aperti incerto. Da un punto di vista di categoria prendiamo atto con piacere della definitiva rinuncia all’idea che l’odontoiatria possa essere pubblica e che il legislatore abbia, di fatto, consegnato ai privati l’intero mercato. Il meccanismo individuato e costruito dai Governi che si sono succeduti è noto: ora tocca a noi professionisti fare serene valutazioni personali e apolitiche. Il panorama è talmente frammentato e vario che non sarà possibile prendere una netta posizione di categoria nei confronti del sistema ma, più probabilmente, solo posizioni individuali. In seguito, sarebbe forse utile e auspicabile che gli odontoiatri che avessero deciso di lavorare con i Fis si costituissero in associazioni che avessero titolo a rappresentarli: molti sono ancora gli aspetti da impostare.

GdO 2010; 4

Articoli correlati

Trovare soluzioni e risposte complete alle problematiche della clientela non è solo uno slogan, ma una costante che da oltre 40 anni anima il Gruppo Norblast, realtà...


In vista del Congresso della Digital Dental Academy che si terrà a Parma il 24-25 marzo dopo aver sentito Roberto Spreafico e Massimo Nuvina abbiamo sentito Franco Brenna (nella foto), un...


Walter Devoto, libero professionista in Sestri Levante (Ge) è sicuramente un "esperto" in tema di odontoiatria estetica: membro della Academy of Operative Dentistry, socio attivo della...


Sabato prossimo, 11 marzo presso il palazzo Pirelli di Milano, il Sindacato Italiano Assistenti di Studio Odontoiatrico celebrerà il suo Congresso nel decennale della costituzione.Una...


Nei giorni scorsi il presidente della CAO di Roma, Brunello Pollifrone (nella foto), è stato convocato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a seguito della sua denuncia...


Altri Articoli

Il prof. Gagliani pone l'attenzione su di una ricerca che evidenza come la scienza dei materiali e l’intelligenza artificiale possa contribuire a rendere l’ambiente poco ospitale per i virus

di Massimo Gagliani


Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


In attesa del Decreto con modalità operative, l’ENPAM ha dato il via libera alla procedura online per individuare i medici e gli odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero 


Si avvicina (nuovamente) la scadenza che obbligherà gli studi ad avere solo ASO qualificati. Ecco gli scenari per i già assunti, chi potrà essere assunto fino al 20 aprile e chi dopo


Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiali i Decreti firmati dal Ministro della Salute Roberto Speranza attraverso i quali assegna le deleghe al sottosegretario alla...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente