HOME - Cronaca
 
 
03 Maggio 2010

Diffondere la musica in studio? Attenzione al portafoglio

di Andrea Telara


Ascoltare un po' di musica nello studio e diffonderla nella sala d'aspetto. Per molti odontoiatri italiani (e più in generale per parecchi camici bianchi) è un'abitudine irrinunciabile, per rendere più gradevole il proprio lavoro quotidiano e per allietare i pazienti in attesa. Eppure, anche questa “innocente usanza” potrebbe trasformarsi in futuro in uno dei tanti balzelli che gravano sul portafoglio dei dentisti di tutta la Penisola. Già, perché il Consorzio fonografici (Scf), un ente che gestisce i compensi per le case discografiche, derivanti dalla diffusione al pubblico di brani musicali, vorrebbe far pagare una commissione a tutti i professionisti che, all'interno del proprio ambulatorio, utilizzano apparecchi stereo e radiofonici. Si tratta, è bene ricordarlo, di un compenso diverso da quello dovuto ogni anno alla Siae, la Società italiana autori ed editori. Quest'ultima percepisce infatti i diritti relativi alla composizione dei brani, da corrispondere agli autori di musica e testi. La somma da sborsare a Scf, invece, riguarda i diritti relativi all'incisione dell'opera, che spettano al produttore del disco e al musicista che ha prestato la propria interpretazione - che può essere diverso dall'autore. I compensi spettanti al Consorzio partono di solito da un minimo di circa 70 euro l'anno per i pubblici esercizi con piccola superficie, fino a 150 metri quadri, e arrivano a un massimo di quasi 400 euro, per le strutture di oltre 500 metri quadri (si veda la tabella).
“Persino la Chiesa” ha detto nelle settimane scorse il presidente di Scf, Gianluigi Chiodaroli, “attraverso la Conferenza episcopale italiana, ha da tempo stipulato con noi una convenzione per la diffusione della musica nelle parrocchie. Ci domandiamo allora perché, a questo punto, i dentisti non dovrebbero pagare”. In realtà, la questione sollevata da Chiodaroli è molto complessa e ha già portato a un lungo braccio di ferro in tribunale tra la Scf e il mondo dell'odontoiatria. Tutto è partito da Torino, dove il Consorzio fonografici ha avviato una causa civile contro un dentista, per aver diffuso brani musicali all'interno del proprio studio senza pagare i relativi diritti discografici. Prima che il contenzioso giungesse a una sentenza definitiva, Scf, dopo aver subito una sconfitta in primo grado, ha chiesto alla corte d'Appello del capoluogo piemontese di sospendere il giudizio e inviare le carte alla corte di Giustizia europea. Saranno dunque gli organi togati del Lussemburgo a mettere la parola fine su una questione che va avanti da anni e risale addirittura al 2005, quando il Consorzio fonografici diede il via alla prima azione legale su questa materia.
Cinque anni fa, ci fu anche un tentativo di risolvere amichevolmente la questione attraverso una trattativa con l'Andi, finita poi in un nulla di fatto. Ma Scf ha scelto di non mollare l'osso, cioè di portare fino in fondo la propria iniziativa giudiziaria. Con quale risultato? È difficile stabilirlo a priori, visto che la questione appare abbastanza complicata. Secondo i fonografici, lo studio medico o dentistico è di fatto assimilabile a un pubblico esercizio e, come tale è soggetto al pagamento dei relativi diritti d'incisione. Non la pensano però allo stesso modo alcuni Ordini dei medici e degli odontoiatri che, attraverso i propri consulenti legali, hanno espresso diverse volte un parere contrario. È il caso, per esempio, dell'Ordine dei medici di Modena che nel 2007 si è occupato della questione dei diritti musicali con un'analisi molto approfondita. In pratica, l'organismo rappresentativo dei camici bianchi modenesi ha fatto notare l'impossibilità di equiparare l'ambulatorio a un qualsiasi pubblico esercizio operante in Italia
 Addirittura, nelle leggi in vigore nel nostro Paese, non esiste nemmeno una definizione specifica di pubblico esercizio. Ci sono soltanto alcune norme in materia di sicurezza dei cittadini, che qualificano come pubblici esercizi le attività subordinate “alla concessione di una licenza del questore”, come “gli alberghi, le locande, le pensioni, le trattorie, le osterie o i caffè”. Si tratta dunque di strutture ben diverse da uno studio odontoiatrico, dove il compito principale del titolare è quello di erogare cure mediche, nell'ambito di un rapporto di fiducia con il paziente. Inoltre, secondo i professionisti del mondo sanitario, gli ambulatori privati non possono essere considerati pubblici esercizi perché non sono qualificabili come strutture “aperte” alle quali tutti possono accedere. Spetterà però alla corte di Giustizia europea stabilire chi ha ragione.

GdO 2010;7

Articoli correlati

Gli studi scientifici portano sempre maggiori evidenze riguardo al fatto che l’ansia del paziente odontoiatrico può essere contenuta attraverso metodi economici e non invasivi come la diffusione...


"Professionisti del Sorriso Dentisti Consorziati" nasce nell'Aprile del 2012 ed ha come scopo quello di  riunire studi dentistici che condividano la necessità di fare gruppo per accedere...


In tanti, nel settore dentale stanno, perseguendo varie ricette per cercare di fare "quadrare i conti".Non esiste, ovviamente, un modello ideale e neppure i tanti tentativi sperimentati hanno portano...


Per ora è una promessa e per vederla mantenuta ci vorrà ancora un po' di tempo ma quanto deciso dal Consorzio Bancomat, 594 soggetti tra cui banche, società capogruppo di gruppi...


Gli Stati dell’Unione Europea devono sempre riconoscere i titoli universitari conseguiti in uno dei 28 Paesi europei, anche se sono stati ottenuti seguendo contemporaneamente due corsi di laurea. A...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Per l’Agenzia delle Entrate la causa ostativa non potrà trovare applicazione se i due rapporti di lavoro persistono senza modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza


Il problema è per gli studi al piano strada. La provocazione di Migliano: “se non venite voi a prenderli, ve li portiamo noi”


I centri dentistici DentalPro collaboreranno con la rete degli Empori Solidali delle Caritas diocesane per offrire cure gratis a determinati pazienti


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi