HOME - Cronaca
 
 
12 Luglio 2010

Il segreto del sorriso: denti e bocca giocano un ruolo fondamentale

di Norberto Maccagno


Un’indagine condotta nel mese di gennaio 2010 in Europa (10.000 intervistati tra uomini e donne dai 21 ai 51 anni, 2000 per ogni Paese interessato: Germania, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Italia) ha rivelato che il 6% degli italiani non è soddisfatto del proprio sorriso e che questa posizione aumenta con l’età.
I dati dell’indagine sono stati raccolti da Opinion Matters, un’agenzia europea indipendente che svolge ricerche di mercato sulle abitudini e i comportamenti delle persone in diversi settori.
In media, ogni giorno, gli europei sorridono 54 volte. Le donne lo fanno 14 volte in più rispetto agli uomini (52% contro 38%) e lo fanno più frequentemente tra i 25 e i 34 anni.
Secondo il 72% degli intervistati il sorriso è un segnale di amicizia, per il 20% è uno strumento di seduzione, mentre per il 18% è fondamentale per avere successo nel lavoro.
Gli uomini sono i meno romantici, visto che il 4% degli intervistati maschi dichiara che il sorriso non ha nessuna importanza, mentre solo l’1% delle donne ha dato la stessa risposta.
Per il 71% degli europei sono i denti la caratteristica che può influire maggiormente sul sorriso, seguono le labbra (10%).
I nostri connazionali sorridono mediamente 45 volte al giorno, l’indice più alto tra tutti i Paesi in cui è stato fatto il sondaggio. Verosimilmente, rispetto alle donne europee, le italiane sono quelle che sentono di più che il principale problema del loro sorriso sono le labbra (14%).
Rispetto agli europei, gli italiani sono quelli che direbbero con più probabilità al loro partner che si sono sottoposti a trattamenti iniettivi delle labbra (82%). Più sincere le donne (89%) rispetto agli uomini (74%), mentre le over 55 sono meno propense ad ammettere di essersi sottoposte al “ritocchino”.
Abbastanza ovvi i motivi per cui si tende a non rivelare al proprio partner l’intervento: imbarazzo (21%) o anche il fatto che il partner potrebbe disapprovare il costo (18%). Sopratutto le donne (20% contro il 9% degli uomini) lo ammetterebbe solo dopo che il compagno l’avesse notato.
Per gli italiani, avere labbra morbide è un requisito importante perché sono più piacevoli da baciare (63%); il 64% dei nostri concittadini userebbero con più probabilità il sorriso per chiedere un favore (64%).
I prodotti per aumentare il volume delle labbra sono utilizzati dal 23% degli intervistati, mentre solo il 9% fa uso di trattamenti iniettabili; a prevederli sono soprattutto le donne (41% contro il 6%).
Si opta per la scelta di un trattamento mininvasivo iniettabile per ridefinire il contorno delle labbra (37%), per sentirsi più sensuali (20%), per aumentare l’autostima/la fiducia in sé (20%).
A frenare l’uso di questi trattamenti è principalmente la paura di avere un look poco naturale (53%), il timore che il trattamento non dia il risultato voluto (12%) e il costo (6%).
Si preferiscono le labbra morbide (63% degli intervistati), seguite da quelle sensuali (22%) e da quelle carnose (9%).
Il 65% degli intervistati non bacerebbe chi ha le labbra screpolate, il 20% chi ha labbra secche, mentre il 12% evita di baciare chi ha labbra sottili.
Le persone di età compresa tra i 20 e 24 anni sono più propense a considerare positivi questi trattamenti estetici per “ravvivare” le proprie labbra rispetto a chi ha tra i 35 e i 44 anni. Infine - e come si poteva farne a meno - la ricerca ha stilato una classifica dei personaggi famosi con il sorriso più invidiato. Tra le donne vince quello di Julia Roberts (42%).

GdO 2010;11

Articoli correlati

In uno studio pubblicato sul Journal of Dental Research di marzo 2020, gli autori introducono le conoscenze essenziali su COVID-19 e forniscono protocolli di gestione per i dentisti dei trattamenti...

di Lara Figini


I terzi molari, o denti del giudizio, normalmente erompono tra i 17 e i 26 anni e poiché sono gli ultimi denti a entrare in arcata in un’elevata percentuale di casi non trovano...

di Lara Figini


In 13 anni già donati oltre 1,6 milioni di dollari destinati a promuovere la diagnosi precoce, migliorare l’acceso alle cure delle donne


Sfuma l’ipotesi di proroga, ma il MEF ribadisce che lo strumento non è di controllo ma di verifica ed anche in presenza di punteggi insufficienti è possibile intervenire per migliorarli 


Tra le tante novità che il 2019 porta sui temi fiscali c’è anche il “pensionamento” degli Studi di Settore che vengono sostituiti con gli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità) e che si...


Altri Articoli

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni