HOME - Cronaca
 
 
24 Giugno 2015

A scuola di alimentazione dai dentisti ANDI, al via l'iniziativa. Il 3 Luglio evento formativo per dentisti e medici su alimentazione e salute orale


"Expo è sulla bocca di tutti ... Noi siamo per la bocca dei pazienti". E' questo lo slogan che accompagnerà i dentisti ANDI in tutt'Italia che per i prossimi 6 mesi saranno protagonisti di una campagna informativa mirata a sensibilizzare i cittadini sulla corretta alimentazione in funzione della salute del cavo orale e della salute in generale.
Il progetto prevede un ruolo attivo dei dentisti ANDI e della Fondazione ANDI Onlus nella sensibilizzazione dei pazienti sulle tematiche promosse da EXPO 2015 che ha concesso, anche, il patrocinio all'iniziativa.
"Un modo per riaffermare il ruolo centrale che l'odontoiatria riveste nella prevenzione del cavo orale e della salute in generale", spiegano da ANDI.
Da Luglio, presso gli studi odontoiatrici aderenti sarà possibile ottenere consulenze mirate sull'alimentazione e ricevere materiale informativo sul tema della corretta alimentazione in funzione di una corretta prevenzione della salute orale.

Ma l'iniziativa prevede anche una parte formativa per i dentisti ed i medici.

Si parte venerdì 3 Luglio con un workshop organizzato Palazzo Reale di Milano (ore 9 piazza Duomo 12) dal titolo "Stile di vita e alimentazione come fattori di rischio per la salute orale e salute orale come fattore determinante della qualità di vita".

L'appuntamento formativo organizzato in collaborazione con Fondazione ANDI Onlus, che gode del patrocinio di EXPO 2015, affronterà due temi relativi all'alimentazione in relazione alla salute orale, gli effetti negativi dei Fattori di Rischio derivanti da sfavorevoli condizioni di vita o da stili di vita non sani sulla salute orale e, viceversa e parallelamente, gli effetti della salute orale sulla qualità di vita.
Parallelamente sarà organizzato un corso FAD gratuito ed aperto anche ai medici abbinato ad un libro dal titolo "Interazione tra alimentazione, salute generale e salute orale e loro rapporto con la qualità della vita". I dentisti ANDI aderenti all'iniziativa riceveranno, anche, un kit con materiale educativo per i pazienti.

Articoli correlati

Manifesto chiede interventi urgenti contro lo stigma


Bibite gassate, le bevande considerate salutari, come quelle "energetiche", acque aromatizzate e succhi di frutta e poi gli zuccheri, merendine e tutti quegli stili di vita poco salutari stanno...


"La dieta del sorriso mangiare bene per la salute della bocca" è il titolo del libro (editore Mondadori) del prof. Luca Levrini che sarà presentato domani ore 18,30 al Mondadori...


Il fallimento, le fratture e la perdita di integrazione degli impianti hanno cause multifattoriali: lo ricorda Dennis Flanagan, odontoiatra che esercita la sua attività nel Connecticut, sul...


Molti studi hanno evidenziato come il tempo dedicato alla masticazione influisce in maniera determinante sull'apporto calorico complessivo, determinando anche il raggiungimento del fisiologico senso...


Altri Articoli

La settimana che ha preceduto questa quarta domenica del #iocomincioanonpoternepiùdistareacasa è stata caratterizzata dalla corsa per richiedere i 600 euro di bonus per gli autonomi ed i...

di Norberto Maccagno


Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP