HOME - Cronaca
 
 
25 Giugno 2015

Tra i bambini disabili nell'ambulatorio del COI a Mostar. Una esperienza che merita fare


Nada in Serbo-Croato significa speranza ed è il nome di una ragazzina di tredici anni affetta da sindrome di Down.  
Suo papà  ha guidato per cinque ore dal Montenegro, dove vivono, lungo le tortuose strade dell'Erzegovina fino a Mostar, all'ambulatorio dentistico Sveta Obitelj (Sacra Famiglia) dove prestano servizio i dentisti della Cooperazione Odontoiatrica Internazionale (COI) onlus.
Con sede a Torino il COI opera da oltre venti anni per migliorare la salute orale nei paesi a basso reddito e nelle comunità svantaggiate in Italia.  

L'ambulatorio di Mostar in Bosnia Erzegovina ha coinvolto in dieci anni di attività  46 operatori sanitari  (odontoiatri, igienisti, assistenti e odontotecnici)  che hanno curato oltre 700 minori disabili in narcosi.
Lo studio è ben equipaggiato con arredi provenienti da donazioni Italiane tra cui  l'apparecchiatura per l'anestesia generale gestita da personale dell'ospedale di Mostar.

Io sono stato uno di quei 46 operatori. È stata una esperienza gratificante sotto il profilo umano e professionale quella di far parte di un team di lavoro a Sveta Obitelj.
Due odontoiatri, due igienisti, tre assistenti con l'anestesista  dell'Ospedale di Mostar hanno eseguito in due giorni di missione: 14 interventi in narcosi, altrettante prime visite, 8 sedute di  igiene e 4 impronte per protesi mobile che verranno realizzate da volontari odontotecnici triestini. 

Gli interventi in narcosi, a quattro mani, durano mediamente due ore durante le quali si eseguono interventi di chirurgia, conservativa ed endodonzia.
Sveta Obitelj, dove ha sede l'ambulatorio COI, è una  casa di cura e soggiorno dalla Caritas Mostar per bambini disabili. 
Ai suoi esordi nel 2004, le ferite della guerra di Bosnia erano ancora fresche e venivano trattati i soli  ospiti della casa.
Con i progressivi ampliamenti del bacino d'utenza, l'ambulatorio Sveta Obitelj è, di fatto, diventato  il centro di riferimento per i problemi odontoiatrici dei disabili della Bosnia Erzegovina. 
Spesso afferiscono anche pazienti dalle Nazioni vicine (Croazia, Serbia e Montenegro).
Le cure vengono offerte a disabili di tutte le etnie e religioni senza alcuna distinzione.

Chiunque sia interessato  a collaborare a questa o ad atre iniziative umanitarie del COI in Italia o all'estero può consultare il sito.

A questo link una raccolte di fotografie scattate durante la mia permanenza.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto
 

Articoli correlati

Il 30 aprile è partito il primo crowdfunding italiano sull'odontoiatria sociale promosso dal Coordinamento di Odontoiatria Sociale in Rete nell’ambito della sperimentazione di crowdfunding 2019...


Grande partecipazione e contenuti di alto livello scientifico per il XXIII Congresso Nazionale COI-AIOG svoltosi A Bologna lo scorso 29 e 30 Marzo.L’evento si è rivolto, come di...


L'osteointegrazione di un impianto necessita di alcuni mesi di guarigione, come minimo, e questo periodo, che richiederebbe il non immediato inserimento dei denti, viene quasi...

di Lara Figini


Sabato 17 Novembre a partire dalle 14,00 avrà luogo nell’Aula  Magna della Dental School di Torino (via Nizza 230)  il convegno: Odontoiatria Sociale in Piemonte:...


Altri Articoli

Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


Dopo aver raccolto più di 400 reclami dai propri iscritti, di cui quasi 200 arrivati nel primo semestre 2019, AltroConsumo ha deciso di rivolgersi all’Autorità Garante della Concorrenza e Mercato...


“Bene la flat tax delle famiglie, ma non lasciamo a metà il lavoro fin qui fatto su professionisti e partite Iva. Bisogna infatti allargare il regime agevolato anche agli studi professionali,...


La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


In queste settimane su gruppi Facebook, ma anche alcuni di voi lettori ci hanno scritto, vi interrogate su come mai ci siano ancora in giro pubblicità che propongono prestazioni...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi