HOME - Cronaca
 
 
03 Luglio 2015

Corruzione, anche gli Ordini professionali al centro della Relazione Anac. Rivedere potere sanzionatorio e maggiore trasparenza, alcuni dei "suggerimenti di Cantone


Ci sono anche le delibere sull'applicabilità della normativa anticorruzione e trasparenza agli Ordini professionali, tra quelle poste in evidenza dal presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone presentando la relazione annuale al Parlamento.

Si tratta di questioni, sottolinea Cantone, affrontate "in via interpretativa adottando delibere di carattere generale" e, infatti, il presidente Anac, indica tra gli interventi necessari "una rivisitazione del potere sanzionatorio; l'assenza, ad esempio, di conseguenze punitive nel caso di inosservanza degli ordini emessi dell'Autorità" continua "rende meno efficace il controllo, e non consente di raggiungere l'obiettivo perseguito dell'adempimento degli obblighi da parte delle amministrazioni".

In materia di inconferibilità e incompatibilità, sono ancora più numerosi aggiunge "i correttivi da adottare; gli ambiti della normativa sono, in più punti, incerti e contraddittori; il potere di vigilanza dell'Autorità finisce per limitarsi alla possibilità di esprimere un mero parere non vincolante e l'apparato sanzionatorio è di difficilissima applicazione concreta". Poi ci sono le questioni della trasparenza per le quali "sarebbe ad esempio opportuna una semplificazione degli obblighi, una migliore regolamentazione dell'accesso civico, una previsione di accesso generalizzato anche per attività per le quali non vi è obbligo di pubblicazione".

Questi problemi sono stati più volte segnalati dall'Anac, spiega Cantone, "che si è giovata di una commissione, istituita sin dalla fine del 2014, con l'apporto di studiosi ed esperti esterni (e in collaborazione con il Garante della privacy relativamente alle questioni della trasparenza).
Nel ddl sulla riforma della Pa, in corso di approvazione alla Camera, - ha concluso Cantone - si è previsto il conferimento di una nuova delega al governo per emendare il d.lgs. n. 33, con criteri e principi direttivi che consentiranno di superare gran parte delle segnalate criticità mentre si è deciso di rinviare l'esame delle modifiche del d.lgs. n. 39 a un prossimo ddl, che l'Autorità auspica possa essere adottato al più presto".

Marco Malagutti per Doctor33

Articoli correlati

L'amelogenesi imperfetta (AI) è un disturbo che colpisce principalmente lo smalto dentario ed è di tipo ereditario e, fortunatamente, poco frequente. Studi internazionali...

di Lara Figini


Il dott. Emilio Archetti impugna la Decreto Lorenzin al Tar


Pubblicato il bando con le indicazioni per chi vuole presentare la domanda


Possibile voto elettronico e si potrà votare una lista presentata prima delle elezioni


Altri Articoli

L’app DoctOral permetterà ai medici e odontoiatri di avere un percorso guidato nel riconoscimento delle lesioni del cavo orale e nel trattamento odontoiatrico


Il dott. Caprara avanza alcune ipotesi e suggerimenti su come gestire l’attuale momento, i costi e la ripartenza, a seconda di quanto avverrà


ENPAM: dopo le prime verifiche, nei prossimi giorni già i primi pagamenti; ma attenzione alle false autocertificazioni. Consigli anche per l’indennizzo ENPAM dei 1000 euro


Se le avete provate già tutte e non sapete più cosa fare, i consigli raccolti da esperti sul tema del gestire i timori e l’inattività. Il più efficacie è però quello di pensare ad organizzare...

di Davis Cussotto


L’Associaizone dei dentisti USA adotta il modello italiano ma indica quali sono le prestazioni odontoiatriche da considerare come “emergenza”

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP