HOME - Cronaca
 
 
16 Luglio 2015

Bibite dolci, i medici inglesi propongono tassa. In Italia si apre il dibattito


Applicare una tassa del 20% sulle bibite dolcificate e impiegare il ricavato per abbassare il prezzo della frutta e della verdura: è la misura drastica proposta dalla British medical association per migliorare le abitudini alimentari dei cittadini britannici. Secondo le stime, infatti, sarebbero ben 70 mila all'anno i decessi nel Regno Unito riconducibili alle conseguenze di una alimentazione non salutare.

Nonostante la prevedibile alzata di scudi dei produttori, i medici britannici riferiscono che una misura analoga, attuata in Messico, si è mostrata efficace nel ridurre il consumo di bevande che contengono grandi quantità di zuccheri.

E proprio riguardo all'assunzione degli zuccheri attraverso la dieta, è atteso nei prossimi giorni il parere dello Scientific advisory committee on nutrition che, secondo indiscrezioni, raccomanderebbe un dimezzamento del consumo attuale. Ovidio Brignoli, vice presidente della Società italiana di medicina generale (Simg), ritiene che l'idea dei colleghi britannici sia interessante, "perché ridurre gli zuccheri, presenti anche nelle bevande dolcificate, e aumentare il consumo di verdura e frutta sono pilastri della buona alimentazione; saranno infatti due degli obiettivi indicati in settembre dagli esperti dell'Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (che dopo la soppressione dell'ente sono confluiti nel ministero dell'Agricoltura), nella loro revisione delle linee guida in materia".

Tuttavia la misura, pur rispondendo a criteri condivisibili, potrebbe non essere particolarmente efficace nel nostro Paese.
"Lo studio condotto un paio di fa dalla Simg in colaborazione con la Nutrition foundation of Italy - ricorda Brignoli - ha mostrato che l'assunzione di zucchero da bibite dolci, in Italia, è medio-bassa. Per combattere l'obesità sarebbe probabilmente più efficace puntare su un'operazione stabile di tipo educativo: sull'alimentazione corretta bisognerebbe agire già sui bambini dai tre ai sei anni, mentre la promozione dell'attività fisica dovrebbe essere rivolta a persone di ogni età e in particolare agli adolescenti".

Renato Torlaschi per Doctor33

Articoli correlati

Nelle superfici in cui si producono rifiuti speciali non è dovuta la TARI ma incombe sul contribuente l’onere della prova.È questa la sintesi delle indicazioni del Ministero della Finanze rese...


Grazie al nostro lavoro, odontoiatri e medici hanno ottenuto l'agevolazione


Una Circolare chiude a favore degli odontoiatri una querelle durata anni


È fissata per venerdì 16 febbraio 2018 la scadenza per il pagamento dei premi INAIL "speciali anticipati" per la detenzione degli apparecchi RX.In una nota ANDI ricorda che "l'importo del...


Tra le novità della Legge Lorenzin approvata a fine anno e prossima all'entrata in vigore con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, c'è la possibilità per gli Ordini di...


Altri Articoli

Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Caprara: è una strada da percorrere per il nostro bene e quello dei nostri pazienti, non per tornaconti personali o per strategie di marketing


Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi