HOME - Cronaca
 
 
25 Dicembre 2010

L’odontoiatra è utile anche a distanza

di Debora Bellinzani


La prognosi dei traumi dentali è strettamente legata al modo in cui viene prestato soccorso ma, come diverse ricerche hanno provato, le persone che si trovano a prestare le prime cure spesso non hanno le informazioni basilari che consentono, per esempio, di salvare un dente avulso. Ponendosi l’obiettivo di capire quali interventi possano migliorare questa carenza di efficacia del primo soccorso, un gruppo di ricercatori svizzeri ha valutato l’utilità di un servizio telefonico per emergenze mediche scoprendo che proprio questa può essere una delle chiavi per aiutare efficacemente le vittime di traumi dentali.
“La nostra ricerca, in via di pubblicazione su Dental Traumatology, si è basata sull’archivio delle telefonate giunte tra il 2001 e il 2008 a Medgate, il servizio di assistenza medica offerto da una grande compagnia di assicurazione i cui clienti corrispondono a circa un terzo della popolazione svizzera” racconta Nicolas Lienert, ricercatore presso il Centro di traumatologia dentale dell’Università di Basilea, in Svizzera. “Il servizio, disponibile 24 ore, in quei sette anni ha ricevuto 3430 chiamate per problemi dentali, in 672 delle quali gli utenti hanno chiesto un consulto in relazione a traumi. Dai dati emerge che le vittime sono molto giovani: due terzi delle chiamate riguardavano infatti bambini con meno di 6 anni che avevano subito dislocazioni (67%), fratture (24%) o avulsioni (9%); in generale, comunque, le vittime erano prevalentemente giovani dal momento che l’88% circa di tutti i traumi riguardava persone con meno di 20 anni.”
Gli operatori del servizio telefonico, preparati anche riguardo a problemi dentali, hanno suggerito agli utenti di cercare urgentemente cure specialistiche in un terzo dei casi, di rivolgersi a un odontoiatra nel giro di 24 ore nel 9% dei casi, mentre sono riusciti a fornire tutte le indicazioni più urgenti nel corso delle restanti telefonate. “La disponibilità immediata e la rapidità delle risposte degli operatori rende questo tipo di servizio utile e apprezzato dagli utenti anche per quanto riguarda i problemi legati al cavo orale; in particolare è stato utilizzato da persone che vivono in aree rurali, dove reperire un odontoiatra o recarsi in un Pronto soccorso può richiedere più tempo” spiega il ricercatore.
“Il vantaggio per il quale questo tipo di servizio telefonico è attualmente allo studio delle politiche sanitarie del Governo svizzero è però un altro, ossia l’ottimizzazione del servizio sanitario: si sta pensando infatti di rendere obbligatoria una valutazione telefonica del problema prima di rivolgersi al personale medico per indirizzare il paziente verso il passo successivo più adeguato ed evitare per esempio l’affollamento dei reparti di Pronto soccorso. In effetti la consultazione telefonica in ambito odontoiatrico può essere utile per ottimizzare costi e risorse ma anche, e soprattutto, per aiutare l’utente quando per qualsiasi motivo le cure odontoiatriche non possono essere immediate.”

GdO 2010:10

Articoli correlati

Per Dentix Italia sono solo indiscrezioni di stampa ed assicura che non ci sono problemi per pazienti e collaboratori 


Alla vigilia dalla scadenza, TSRM anticipa un’applicazione “morbida” dell’obbligo di invio dei dati delle fatture emesse al StS da parte delle nuove professioni sanitarie, Igienisti Dentali...


Pillole di evidenza scientifica per la pratica quotidiana è il nuovo approfondimento per i lettori di Odontoiatria33 curato dal prof. Esposito. Oggi si parla di impianti


Il contratto avrà la durata di 12 mesi per un progetto di prevenzione e gestione delle malattie paradontali, domande entro il 7 gennaio 2020


L’obbligo violerebbe la privacy dei pazienti che hanno già effettuato i pagamenti. Uno studio di consulenza fiscale evidenza la criticità e presenta un reclamo


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni