HOME - Cronaca
 
 
15 Ottobre 2015

Test medicina e odontoiatria, torna il rischio ricorsi. Conte (FNOMCeO): numero chiuso da non toccare


Sarebbero migliaia le denunce di irregolarità avvenute durante i test d'ingresso ai corsi di medicina e odontoiatria dell'8 settembre scorso. Tutte pronte a trasformarsi in ricorsi.
Il segretario FNOMCeO Luigi Conte (nella foto) vede "una precisa strategia di voler mettere in discussione un elemento positivo come il numero programmato che consente prospettive di lavoro a tutti gli immatricolati ai corsi di laurea e a chi entra nei corsi di specialità. In realtà è dimostrato che troppi medici fanno male alla salute dei cittadini e ho l'impressione che i reclami contro il test d'ammissione all'università si debbano solo al numero eccessivo, in Italia, di avvocati e di strutture che vivono di queste cose".

Anche quest'anno varie falle si sono aperte nel dispositivo concorsuale predisposto dal Ministero dell'Università come dimostrano le denunce catalogate da Consulcesi. Prima falla, l'anonimato: in alcuni casi, i ragazzi lamentano che dovevano attaccarsi da soli l'etichetta da un foglio all'altro e non c'erano in genere dispositivi atti a che altri non assistessero all'operazione e non vedessero il contrassegno. Seconda, il tempo a disposizione: da una parte, per alcuni l'esame è durato di più, avevano la penna in tasca mentre chi si presentava a mani vuote doveva renderla allo scadere del tempo chi aveva la penna di riserva se non restituiva subito il foglio fruiva di minuti preziosi.
In alcune facoltà il tempo ha invece giocato a sfavore di tutti: a Trieste il test sarebbe durato 15 minuti in meno e a Verona 8; per via di ritardi nell'inizio, i candidati sarebbero stati svantaggiati rispetto agli altri atenei. Terza falla, la presenza di supporti esterni: chi è arrivato in ritardo in certi casi non è passato sotto il metal detector e cellulari avrebbero squillato indisturbati a Bari e a Roma; a Salerno e in Umbria ci sarebbero stati vari candidati "vecchietti" e qualcuno si è posto l'interrogativo se il concorrente avesse mandato il parente più grande. In una sede un presidente di commissione avrebbe attaccato personalmente il codice a un candidato, in una terza ci sarebbero fogli con macchie d'inchiostro "sospette". Se tutti i "reclamanti" fossero riammessi ci sarebbero aggravi ingenti di costi per le casse pubbliche.

Per Conte "non solo non ci sono alternative al numero chiuso ma il rapporto costo-beneficio dell'attuale sistema è di gran lunga più conveniente. Il sistema francese in cui al primo anno entrano tutti e la selezione avviene prima del successivo sposterebbe i tempi dei ricorsi, ma non la quantità".
"Come Fnomceo -dice Conte - vogliamo garantire qualità alla formazione. I dati dicono che dacché esiste il numero programmato è migliorata la qualità dei laureati ed è diminuito l'indice di abbandono. D'altronde se facessimo entrare 20 mila candidati l'anno, fermo restando un fabbisogno di 7 mila unità, avremmo una quantità di medici disoccupati impossibilitati a tenere il passo con l'aggiornamento da cui il cittadino potrebbe aspettarsi poco o nulla. E' poi evidente che il calo di medici per via dei tanti prossimi pensionamenti sarà in parte mitigato dalla tecnologia che consente consulti a distanza e altre evoluzioni della medicina".

Conte ammette che con l'esordio della graduatoria unica una percentuale di famiglie può esser spinta a rinunciare. Già: da quest'anno, chi si classifica con un punteggio che non gli consente di iscriversi nel corso di laurea della sua città, a 19 anni deve andare a vivere fuori. "Lo abbiamo fatto in tanti, un'esperienza entusiasmante ma per qualcuno proibitiva. Però anche qui - dice Conte - si potrebbe venire incontro con piccole misure: un contributo dello stato per le famiglie meno abbienti, un accesso particolare dello studente a determinati finanziamenti, esenzione dai costi della mensa universitaria. I sistemi si trovano, ma per crescere, non per tornare indietro".

Mauro Miserendino per Doctor33

Articoli correlati

Confermate le anticipazioni: circa cento posti in più rispetto allo scorso anno. Aumenta anche il numero degli atenei che salgono a 37  


Nisio: serve una programmazione su almeno 5 anni che tenga conto anche delle lauree estere e si deve rivedere il numero degli atenei italiani


Iandolo: numeri che non tengono conto della reale situazione e rischiano di creare nei prossimi anni un numero importante di disoccupati


L’emergenza Covid ha costretto il MIUR di modificare le date ai Test di ammissione, ecco quelle per medicina, odontoiatria ed igiene dentale


I presidenti CAO scrivono all’Assessore Iardi: ancora una volta si tenta di fare discriminazione all'interno della classe medica 


Altri Articoli

Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION