27 Ottobre 2016

Utilizzo di un micromotore implantare per la misura della densità ossea e della stabilità primaria in riabilitazione implantoprotesica: caso clinico

Caso clinico

G.B. Greco, D. Kraus, P. Arosio, D.A. Di Stefano

Obiettivi  Questo lavoro descrive il caso di un paziente parzialmente edentulo riabilitato attraverso chirurgia guidata e impianti a carico immediato. L'obiettivo è quello di illustrare l'utilizzo combinato dell'acquisizione preoperatoria di scansioni CBCT (Cone Beam Computed Tomography) ad alta risoluzione e di un micromotore in grado di fornire intraoperatoriamente misure di densità ossea e stabilità primaria.

Materiali e Metodi  Dopo l'esame CBCT il paziente è stato sottoposto, previa avulsione degli elementi ancora presenti, a chirurgia guidata e riabilitazione implantoprotesica tramite carico immediato. Durante l'inserimento implantare il protocollo di preparazione dei siti è stato ottimizzato al fine di massimizzare la stabilità primaria, in funzione della densità ossea misurata con il micromotore.

L'applicabilità del carico immediato è stata verificata, appena terminato l'inserimento implantare, attraverso misure di stabilità primaria. Il paziente è stato poi sottoposto a carico immediato.

Risultati  La riabilitazione è andata a buon fine e durante il follow-up non si sono verificati né episodi di perimplantite né perdita di impianti.

Conclusioni  Il caso descritto mostra come l'abbinamento di una tecnica diagnostica preoperatoria quale la CBCT ad alta risoluzione e l'impiego intraoperatorio di un micromotore che misura la densità ossea e la stabilità primaria permettano, rispettivamente, di selezionare accuratamente la tipologia di paziente da riabilitare tramite carico immediato e di standardizzare il trattamento, ottimizzandone la programmazione e la pianificazione.

Per continuare la lettura scaricare l'allegato.

doi: https://doi.org/10.19256/d.cadmos.08.2016.12




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi