23 Gennaio 2017

La prevenzione e la gestione delle complicanze in chirurgia orale estrattiva

Corso ECM

M. Chiapasco, V. Capilupi, G. Tommasato

Obiettivi  Scopo del lavoro è fornire al lettore le informazioni necessarie per:

a) conoscere e saper identificare le controindicazioni sistemiche e locali agli interventi di chirurgia orale;

b) conoscere e saper preservare le strutture anatomiche nobili a rischio durante tali interventi;

c) saper prevenire le principali complicanze intra e postoperatorie e, qualora dovessero verificarsi, saperle affrontare tempestivamente e nel modo corretto.

Materiali e Metodi  Attraverso l'analisi dei dati della letteratura si procede alla trattazione sistematica degli eventi avversi che si verificano con maggiore frequenza in chirurgia estrattiva, evidenziando:

a) le controindicazioni all'intervento chirurgico;

b) i rapporti con le strutture anatomiche nobili adiacenti la zona d'intervento;

c) le modalità di prevenzione e di gestione di tali eventualità.

Risultati  Gli eventi avversi che più frequentemente occorrono durante l'avulsione degli elementi dentari sono suddivisibili in intraoperatori e postoperatori.

Tra i primi si riscontrano:

a) lesioni dei tessuti molli (lacerazione del lembo chirurgico, erniazione della bolla del Bichat);

b) lesioni dei tessuti duri (frattura delle pareti ossee, comunicazione orosinusale, frattura di mandibola);

c) lesioni ai denti adiacenti;

d) dislocazioni di elementi dentari o frammenti radicolari; e) lesioni vascolari ed emorragie intraoperatorie;

f) lesioni neurologiche.

Le complicanze che si riscontrano con maggior frequenza in fase postoperatoria sembrano invece essere:

a) edema, sanguinamento tardivo, trisma e dolore postoperatorio;

b) deiscenza della ferita chirurgica;

c) osteite alveolare;

d) infezioni e ascessi sottoperiostei.

Conclusioni  La chirurgia estrattiva degli elementi dentari può comportare, specialmente nei casi più complessi, la comparsa di complicanze intra e postoperatorie che l'odontoiatra deve essere in grado di affrontare e, quando possibile, prevenire. L'incidenza delle complicanze chirurgiche è strettamente correlata al grado di invasività dell'intervento, all'età del paziente e all'esperienza dell'operatore.

La conoscenza approfondita dell'anatomia, la corretta valutazione preoperatoria e un piano di trattamento ben definito sembrano poter ridurre drasticamente il verificarsi di tali eventualità.

Per continuare la lettura scaricare l'allegato.

doi: https://doi.org/10.19256/d.cadmos.01.2017.06




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi