21 Settembre 2017

Odontoiatria difensiva nell’era del less is more

In tema di

M. Niola, C. Buccelli, V. Graziano, R. Lo Giudice, E. Capasso, L. Fortunato, M. Amato

Obiettivi  Il progressivo aumento di accuse di malpractice ha determinato una diffusione di atteggiamenti improntati all'odontoiatria difensiva. Scopo del lavoro è prendere in esame tale fenomeno, caratterizzato dalla messa in atto di comportamenti atti a evitare addebiti di responsabilità professionale.

Metodi  L'odontoiatria difensiva si traduce spesso in condotte di evitamento nei confronti di pazienti o pratiche pericolose, nell'iperprescrizione di indagini. In tempi recenti è sorto il movimento less is more; esso tiene conto che test diagnostici e trattamenti inappropriati possono causare danni e che le decisioni cliniche devono scaturire dall'integrazione delle migliori evidenze scientifiche, nel rispetto delle preferenze e delle aspettative del paziente.

Risultati e conclusioni  Il medico è sempre tenuto a esercitare le proprie scelte considerando la specifica situazione del paziente, nel rispetto della sua volontà, al di là delle regole cristallizzate nei protocolli medici. Le linee guida rappresentano uno strumento normativamente previsto per valutare i profili di colpa dell'esercente la professione sanitaria; tuttavia, non rappresentano uno strumento di valutazione della condotta sanitaria da impiegare in maniera cieca e assoluta, dovendosi comunque tener conto delle specificità del caso concreto qualora presenti caratteristiche che richiedano di discostarsi dalle raccomandazioni generali.

Per continuare la lettura scaricare l'allegato.

doi: https://doi.org/10.19256/d.cadmos.07.2017.06




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi