19 Dicembre 2017

Clinical case of non surgical endodontic retreatment of maxillary second molar with unusual anatomy

Massimo Amato, Dina Abdellatif, Alfredo Iandolo

Clinical case

Obiettivi  Scopo di questo caso clinico è presentare un ritrattamento endodontico non chirurgico di un fallito trattamento canalare di un secondo molare mascellare con un'anatomia inusuale. Inoltre, si vuole evidenziare l'importanza dell'uso di tecnologie moderne, come il microscopio operatorio e le punte ultrasoniche, per migliorare i risultati dei trattamenti.

Materiali e Metodi  Un paziente di 32 anni è stato inviato da un collega alla nostra osservazione per una valutazione e il possibile ritrattamento del secondo molare destro mascellare (dente numero 17). Il ritrattamento canalare è stato effettuato usando strumenti rotanti NiTi con l'uso del microscopio operatorio e l'ausilio di strumenti ultrasonici. L'otturazione tridimensionale del sistema dei canali radicolari è stata eseguita usando guttaperca termoplasticizzata. Un controllo a 9 anni è stato effettuato utilizzando un esame diagnostico tridimensionale, CBCT, e analizzato attraverso un software di nuova generazione.

Discussione  Il molare mostrato in questo lavoro ha una particolare morfologia (che non era stata scoperta nel corso del precedente trattamento endodontico). La particolarità di questo molare è la presenza di 4 radici e di 5 canali radicolari (ogni canale in ciascuna radice, tranne in quella mesio-vestibolare la quale ha due canali, MB1 e MB2). Oltre alle radici mesio-vestibolare, disto-vestibolare e palatale che sono presenti quasi sempre in ogni secondo molare superiore, questo elemento dentale aveva anche un'extra ausiliare piccola radice localizzata al centro della camera pulpare che aveva un canale radicolare separato.

Conclusioni  Il successo del trattamento endodontico si basa sull'identificare, esplorare e trattare completamente l'intero complesso del sistema dei canali radicolari. Il tutto può essere portato a termine con una conoscenza appropriata delle possibili varianti anatomiche e usando le tecnologie più recenti per individuare le possibili varianti.

Per continuare la lettura scaricare l'allegato.




 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi