01 Marzo 2019

Rialzo del pavimento sinusale per via crestale con tecnica modificata. Un caso con 2 anni di follow up

Articolo originale

Michele Perelli, Roberto Abundo, Giuseppe Corrente, Carlo Saccone, Paolo G. Arduino

Obiettivi  Scopo del presente lavoro è la valutazione del guadagno osseo radiografico e la stabilità implantare a 2 anni di follow up in un’edentulia singola posteriore mascellare trattata mediante rialzo del pavimento sinusale per via crestale con tecnica modificata stadiata.

Materiali e metodi  Un paziente maschio presentava una monoedentulia molare caratterizzata da una estrema atrofia ossea. Il rialzo del pavimento sinusale venne effettuato con tecnica “future site” per via crestale mediante utilizzo di 2 materiali da innesto. Dopo 6 mesi di guarigione l’impianto venne inserito contestualmente a un ulteriore rialzo crestale con solo collagene. Dopo 4 mesi l’impianto venne protesizzato.

Risultati  L’impianto fu integrato correttamente e il guadagno osseo radiografico fu di 4 mm. La corticalizzazione dell’osso perimplantare continuò nel periodo di osservazione coprendo l’apice implantare.

Conclusioni  Il rialzo del pavimento sinusale per via crestale mediante tecnica modificata si è dimostrato efficace nel promuovere guadagno osseo radiografico e nella stabilità implantare.

Per continuare la lettura scaricare l'allegato.

doi: https://doi.org/10.19256/d.cadmos.03.2019.07




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni