03 Febbraio 2020

Neoformazione esofitica mucogengivale

Quesito diagnostico

Sara Attuati, Riccardo Mauro Bonacina, Umberto Mariani, Francesco Ruscitti, Alberto Barbaglio, Antonino Cassisi

Un paziente di 41 anni giunge alla nostra osservazione per reci­diva di neoformazione gengivale vestibolare all’elemento 26. La lesione era stata escissa dal curante di fiducia 6 mesi prima. L’e­sito istologico evidenziava mucosa ulcerata con iperplasia va­scolare e infiltrato infiammatorio.

Successivamente alla biopsia, l’elemento dentario 26 adiacente alla neoformazione era stato estratto dal dentista curante. L’anamnesi medica del paziente ri­vela epilessia in terapia con acido valproico.

All’esame obiettivo intraorale si riscontra una massa esofitica roseo-rossa di circa 4 cm, con base larga di impianto a partenza dalla zona edentula del primo molare superiore sinistro ed estesa vestibolarmente agli elementi dentali attigui. Le restanti mucose orali ap­paiono indenni da lesioni di significato patologico. Alla palpazio­ne labbra e pavimento orale non presentano neoformazioni.

Si esegue un’ortopantomografia delle arcate dentarie: dall’esame radiografico si evidenzia opacamento del seno mascellare sini­stro e malattia parodontale diffusa. Per approfondimento dia­gnostico si programma TAC Cone Beam (CBCT) e biopsia inci­sionale della neoformazione.

Per continuare la lettura scaricare l'allegato.

doi: https://doi.org/10.19256/d.cadmos.02.2020.03




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio