03 Febbraio 2020

Frattura coronale in regione estetica: recupero biologico-funzionale chair-side assistito

Caso clinico

Franco Brenna, Lidia Tordiglione, Adriana Brenna, Sergio Porro

Obiettivi  Nel seguente caso clinico si espo­ne la risoluzione di un trauma coro­nale in regione estetica con esposi­zione pulpare in un paziente di gio­vane età.

In una prima fase di ur­genza, si dimostra la conservazio­ne della vitalità dell’elemento me­diante l’impiego di materiali bio-attivi.

In una seconda fase provvisoria, si adottano metodiche conservative e adesive per monito­rare la vitalità e il recupero morfo-funzionale dell’elemento.

Una terza fase clinica descrive le procedure di protesizzazione definitiva dell’e­lemento attuate con materiali e si­stematiche CAD/CAM chair-side.

Materiali e metodi  Il caso clinico descrive la riabilita­zione adesiva di un incisivo cen­trale vitale con frattura coronale complicata ed esposizione dell’or­gano pulpo-dentinale, eseguita mediante metodica chair-side as­sistita in un paziente di 13 anni di età. Nella prima fase di urgenza è sta­ta eseguita una pulpotomia came­rale dell’organo pulpo-dentinale per preservare la vitalità dell’ele­mento.

La polpa dentale vitale è stata protetta mediante cemento per in­cappucciamenti diretti (Tech Bio­sealer Capping; Isasan) e sigillata con sistemi adesivi (Optibond FL; Kerr) e composito fluido (Tetric Evoflow; Ivoclar-Vivadent). In una seconda fase, è stato pos­sibile realizzare un restauro prov­visorio per monitorare la vitalità e recuperare le condizioni morfo-funzionali dell’elemento trattato.

La corona provvisoria è stata rea­lizzata mediante sistematiche CAD/CAM chair-side attraverso l’acquisizione di un’impronta di­gitale (Cerec Bluecam; Dentsply- Sirona), la progettazione del re­stauro (Software Cerec 4.3; Dentsply-Sirona) e la fresatura di un blocchetto in resina nano-ce­ramica (Lava Ultimate; 3M ESPE). La corona provvisoria è stata ce­mentata nello stesso appunta­mento clinico mediante procedu­re adesive.

In seguito a 4 anni di controllo cli­nico e radiografico, su richiesta estetica del paziente, è stata rea­lizzata una corona definitiva in di­silicato di litio (IPS e.max CAD; Ivoclar-Vivadent). In questa fase la corona è stata eseguita acquisen­do un’impronta digitale in modali­tà copia biogenerica (Cerec Blue­cam; Dentsply-Sirona) per poter conservare l’aspetto morfologico dell’elemento precedentemente restaurato.

Risultati  Nei primi 4 anni di controlli clinici e radiografici l’elemento traumatiz­zato, conservato e riabilitato prov­visoriamente ha mantenuto la vita­lità pulpare.

Con la riabilitazione definitiva, mediante materiali che hanno permesso una migliore resa estetica, l’elemento ha dimostrato di mantenere la vitalità fino a un controllo di 6 anni dall’inizio della terapia.

Conclusioni  In caso di contaminazione o dan­neggiamento dell’organo pulpare non superiore a 1 mm di spesso­re, le polpe vitali possono essere trattate con minime pulpotomie.

La gestione corretta di un evento traumatico dipende dalla tempe­stività dell’intervento, da una cor­retta diagnosi, da una terapia e da controlli specifici per favorire una prognosi più longeva possibile. Le sistematiche CAD/CAM chair-side possono garantire ottimi risultati predicibili.

Significato clinico  Il presente caso clinico propone una soluzione terapeutica che possa essere sia biologicamente che funzionalmente conservativa in presenza di grave compromis­sione della struttura dentale in pa­zienti di giovane età.

L’impiego di materiali bio-attivi e di sistemi adesivi permettono, oggigiorno, di garantire una prognosi a lungo termine di elementi definitivi. Inol­tre, l’adozione di metodiche CAD/ CAM chair-side ha mostrato che è possibile raggiungere buoni risul­tati estetici e funzionali in tempi contenuti.

Per continuare la lettura scaricare l'allegato.

doi: https://doi.org/10.19256/d.cadmos.02.2020.07




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo