01 Giugno 2021

Una Sapienza condivisa e inclusiva

Intervista a... Antonella Polimeni

Lorena Origo

Antonella PolimeniAntonella Polimeni

Fondata nel 1303, questi i numeri dell’Uni­versità La Sapienza di Roma: 11 facoltà, 58 dipartimenti, 287 corsi di laurea, di cui 55 in lingua inglese, 85 corsi di dottorato e di ri­cerca, 84 scuole di specializzazione, 18 musei, 2 aziende ospedaliere universitarie, 115mila studenti, quasi 6000 docenti.

Dal dicembre 2020, alla sua guida è An­tonella Polimeni, già preside della Facoltà di medicina e odontoiatria, che ha con­quistato al primo turno il 60,7% dei voti dei colleghi docenti e dei rappresentanti degli studenti e del personale, votazione che per la prima volta si è svolta on-line a causa della pandemia da coronavirus.

Antonella Polimeni ha una grande cono­scenza del funzionamento e della realtà de La Sapienza: da studentessa ha rico­perto il ruolo di rappresentante e poi è stata componente del nucleo di valuta­zione e consigliere di amministrazione.

Lo scorso febbraio, durante la cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2020-2021, la Magnifica Rettrice ha te­nuto una prolusione incentrata su “disu­guaglianze, mobilità sociale e istruzione: quale ruolo per l’Università?”.

Rettrice, in apertura del suo intervento cita una frase di Seneca: “Che sono infatti un cavaliere, un liberto o uno schiavo… sono solo etichette… si può salire in cielo anche alzandosi da un cantuccio…".
Il senso di questa citazione è chiaro: non esistono opportunità predefinite solo per alcuni, non esistono posizioni cristallizza­te solo a vantaggio di qualche individuo; viceversa, chiunque lo voglia deve poter­si innalzare, anche se inizialmente relega­to in una nicchia della società, chiunque deve avere le possibilità per migliorarsi ed elevarsi e toccare il cielo ed è anche compito dell’Università far sì che questo accada.

È necessario pertanto garantire il rispetto dei diritti di tutti e contrastare con fer­mezza tutte le forme di discriminazione ed esclusione.

Di fronte alla crescita di disuguaglianze a cui stiamo assistendo è infatti necessario combattere il rifiuto delle diversità, non esiste distinzione tra italiano e straniero, tra ricco e povero, tra abile e disabile, tra uomo e donna.

L’ideale democratico a cui si ispirano le nostre istituzioni è che le persone si per­cepiscano come titolari di una comune umanità e portatori di uguali diritti; la Co­stituzione afferma la pari dignità sociale di tutti i cittadini e impegna i pubblici po­teri a rimuovere gli ostacoli al pieno svi­luppo della persona.

Tema che lei pone al centro del suo sessennio, con un’attenzione particolare al diritto allo studio.
La preoccupazione dei dirigenti scolasti­ci è di non poter realizzare efficaci pro­getti per contrastare la povertà educati­va… In Italia, genere, condizione socio-economica e cattive condizioni di salute generano l’impossibilità di concludere un ciclo di formazione universitaria.

Spetta quindi a chi ha l’opportunità e l’o­nore di lavorare nell’istruzione superiore – in un paese in cui i laureati triennali sono ¼ della media europea – l’impegno nel promuovere e sostenere l’accesso all’i­struzione di base e superiore che deve essere coniugato in ottica universale co­me strumento contro le disuguaglianze. Forse l’Università non è un motore di mo­bilità sufficientemente potente per con­trastare le disuguaglianze, ma è di sicuro il migliore di cui ad oggi si dispone. I dati ce lo dicono… l’Università agisce sui red­diti: a parità di genere ed età, il differen­ziale retributivo medio annuo tra un lau­reato e un diplomato è pari al 31%. Quasi 13 milioni di persone, il 39% degli adulti tra i 25 e i 64 anni, possiedono la terza media e un adulto su due ha biso­gno di una riqualificazione.

Un nostro professore emerito, Tullio De Mauro, sui livelli di alfabetizzazione in Ita­lia lanciò un preciso allarme sociale: “so­lo il 20% degli adulti della popolazione italiana è in grado di orientarsi nella socie­tà contemporanea”.

Per continuare la lettura gli abbonati possono scaricare l'allegato.

doi: https://doi.org/10.19256/d.cadmos.06.2021.02




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 

Annunci


CERCO
OFFRO
24 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
23 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio