21 Gennaio 2015

"Odontoiatri a cinque stelle" il titolo del nuovo editoriale di Dental Cadmos. Giovanni Lodi ragiona sull’utilizzo del web per fare conoscere lo studio odontoiatrico


Un collega che si è laureato da poco prova a convincermi dell'utilità, anzi della necessità, per un odontoiatra libero professionista, di utilizzare social media come Facebook e Google e siti specifici per la ricerca e la valutazione di medici e odontoiatri.
Mi spiega che oggi come ieri i pazienti scelgono il professionista da cui farsi curare i denti non sulla base della pubblicità, ma del passaparola. Solo che il passaparola è cambiato. Adesso avviene meno faccia a faccia e più sul libro delle facce. Meno nella piazza e più nella rete.

La differenza è sostanziale.

Infatti, se con il metodo tradizionale un paziente soddisfatto parla bene del proprio curante ad almeno tre persone (l'ho letto da qualche parte), il commento lasciato online dal medesimo paziente è invece accessibile a tutti e per sempre (più o meno).

Lo stesso collega mi spiega anche che la parola chiave di questo passaparola virtuale è "reputazione". Reputazione 2.0 ovviamente. Che si basa sui giudizi formulati dai pazienti che abbiamo avuto in cura e più in generale sull'insieme delle informazioni che si possono trovare sul nostro conto.

Concludo la conversazione sentenziando che il web 2.0 non mi interessa e che la reputazione di un medico non può essere misurata come la margherita della pizzeria sotto casa. Il collega alza un sopracciglio.

Rimasto solo studio il problema per qualche ora. E scopro che esiste già una discreta letteratura, che il mio atteggiamento è molto comune tra i colleghi ma probabilmente è sbagliato, che l'utilizzo di questi strumenti da parte dei pazienti è solo all'inizio, che una stella in più nella valutazione può significare un aumento del 9% del fatturato, che esistono PR digitali, che healthgrades.com raccoglie 5 milioni di giudizi su 3 milioni di medici e viene consultato da un milione di americani al giorno e che alla Statale di Milano esiste un programma di ricerca per lanciare una piattaforma simile.

Un po' ho cambiato idea. Ma solo un po'.

Buona lettura.

Prof. Giovanni Lodi, Direttore Scientifico Dental Cadmos

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi