26 Maggio 2015

Dislocazione di un impianto dentale nel seno mascellare: caso clinico e revisione della letteratura


Obiettivi. La dislocazione degli impianti dentali a livello del seno mascellare è una seria complicanza che spesso segue un'inadeguata riabilitazione del mascellare superiore. Scopo dello studio è descrivere un caso di migrazione implantare nel seno mascellare.

Materiali e Metodi. Il paziente è stato sottoposto a una riabilitazione del mascellare superiore attraverso metodiche di rigenerazione ossea, tra cui un rialzo di seno bilaterale.
Dopo 6 mesi di attesa per la guarigione degli innesti ossei è stata eseguita la chirurgia implantare. Ai successivi 6 mesi dall'inserimento delle fixture è emersa la presenza di una fistola suppurante a livello dell'impianto 1.6: una radiografia endorale di controllo ha confermato la dislocazione dello stesso. A distanza di 7 giorni si è proceduto al recupero chirurgico della fixture implantare in anestesia locale attraverso l'antrostomia precedentemente eseguita per il rialzo di seno.

Risultati e Conclusioni. Una volta ottenuta la guarigione del sito chirurgico, confermata sia clinicamente sia radiograficamente, si è proceduto alla protesizzazione degli impianti restanti. La migrazione implantare è stata causata, in questo caso, dalla scarsa stabilità primaria dell'impianto associata a una qualità non ottimale dell'osso innestato.



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi