HOME - DiDomenica
 
 
02 Aprile 2017

Proposte congelate, proposte accolte, buoni propositi e passi indietro


Come spesso capita quando parliamo di questioni previdenziali, la notizia della decisione della Consulta quota B dell'ENPAM di congelare e per ora non avanzare la richiesta di prevedere un contributo integrativo del 2% sulle parcelle dei dentisti a carico del cliente, non è stata certamente la notizia più letta della settimana. (Vai alla notizia)

Merita però una riflessione. Il contributo avrebbe certamente gravato sulle tasche dei pazienti che già faticano ad accedere alle cure sanitarie, e per questo motivo probabilmente non sarebbe stata accolta dai ministeri competenti. Dall'altra parte avrebbe aiutato non solo le casse dell'ENPAM ma in particolare quei giovani odontoiatri che a fine carriera vedranno il loro assegno pensionistico proporzionato ai contributi versati condizionati al ribasso, oltre dalla crisi, dall'aliquota contributiva non certo elevata rispetto ai lavoratori dipendenti. Una soluzione potrebbe essere quella tanto richiesta possibilità di detrarre le spese sanitarie da parte dei cittadini, a quel punto il 2% non sarebbe più un peso, come l'intero costo della cura.

Spesometro: esenzione concessa

Dopo le richieste di Ordine e sindacati, il Ministero delle Finanze ha concesso ai sanitari che inviano i dati delle fatture attraverso il Sistema Tessera Sanitaria la possibilità di non inserirli tra quelli da inviare attraverso lo Spesometro. Una vittoria a metà (la richiesta dei sindacati era anche quella di un esonero totale) che rende, però, merito al lavoro di lobbie, ricordandoci che ogni tanto la politica sa ascoltare e tornare sui propri passi. (Vai alla notizia)

Prevenzione

La prevenzione, prima che la cura, è la mission del medico. Al XXI Congresso del COI-AIOG si è parlato di questo. Odontoaitria33 ha anticipato i dati di un sondaggio sull'argomento secondo i quali emerge una attenzione sia da parte dei cittadini che dei dentisti con alcuni distinguo. Dati che saranno approfonditi e sviluppati in un prossimo evento dedicato al tema. (Vai alla notizia)

Ma sul tema prevenzione ricordiamo anche la ricerca che ha messo a confronto le abitudini in tema di prescrizione di antibiotici e antibatterici per la cura della parodontite da parte dei dentisti europei. (Vai alla notizia)

Liberalizzazioni, possibile dietro front?

Delle dichiarazioni del ministro Andrea Orlando in cui ammette che il liberismo esasperato ha fatto il suo tempo e bisogna tutelare il mondo delle libere professioni, ne parleremo domani su Odontoaitria33. Nella settimana appena conclusa abbiamo raccolto dichiarazioni simili di un altro importante uomo di sinistra, l'On. Bersani, che si è detto contro l'ingresso del capitale nelle professioni protette. (Vai alla notizia)

Vuoi vedere che il tanto odiato da buona parte del settore dentale autore delle "lenzuolate", potrà essere colui che raccoglie le istanze dei sindacati odontoiatrici?

Articoli correlati

Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


L'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat), come ogni anno, pubblica un una classifica delle varie professioni, anche quelle sanitarie, in base al numero dei professionisti in funzione del...


Da qualche giorno anche i possessori di smartphone e tablet della "mela morsicata" possono scaricare l'app realizzata dalla CAO Nazionale contro abusivi e prestanome.L'applicazione presentata il 14...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi