HOME - DiDomenica
 
 
21 Maggio 2017

Promesse, disattenzioni, unità e deroghe attese


Sono convinto che molti di coloro che hanno letto su Odontoiatria33 la dichiarazione dell'onorevole Pelillo, fatta durante l'evento organizzato in Expodental Meeting dal Gruppo Tecnico sull'Odontoiatria, in cui suggerisce al comparto di proporre sgravi fiscali differenziato per prestazione avranno pensato: si le solite promesse di un politico. E qualche sguardo in sala mi è sembrato giungere alla stessa considerazione; peraltro alcuni dei presenti si ricordavano probabilmente dei continui pellegrinaggi al Ministero delle Finanze da parte delle associazioni di settore tentato di spiegare ai politici che quegli sgravi servirebbero per aiutare i cittadini, prima che il comparto, ricevendo sempre cortesi "comprendiamo ma...". E tra quelli che evidenziavano i ma, in qualche occasione, anche lo stesso Pelillo.

Invece questa volta potrebbe essere quella buona. Crederci costa comunque poco.

Il perché, ha suggerito l'onorevole, a chiedere ai ministeri competenti gli sgravi non deve farlo la professione ma il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e non per il settore ma per i cittadini che non riescono ad ottenere risposte dal SSN.

Capiterà questo?

Secondo il consigliere del Ministro Lorenzin, gen. Condò, la cosa sarebbe possibile, e solitamente, chi parla a nome del Ministro tende a sbilanciarsi solo se ha delle certezze. (vai alla notizia)

Quando la disattenzione dei dentisti causa la carie

L'indagine EduCarie dell'Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (AIC) ha evidenziato come è aumenta l'attenzione verso le cure odontoiatriche degli adolescenti ma come sia ancora troppo scarsa la conoscenza delle regole verso la prevenzione della carie e troppo poche le diagnosi precoci e corrette. La colpa è quindi anche degli odontoiatri. (vai alla news)

Se l'unità del comparto non si limita ad una fotografia

Saranno i fatti a dimostrare se veramente quella fotografia scattata durante la manifestazione organizzata dai liberi professionisti per l'equo compenso, dove i dirigenti CAO, AIO ed ANDI Roma hanno sfilato uniti, sarà solo uno scatto buono per le copertine della stampa di settore oppure una reale intenzione per portare all'esterno un'unica voce del comparto. E non passerà molto tempo prima di accorgercene. (vai alla news)

In attesa della deroga

A partire dal 1 giugno prossimo non sarà più possibile, per coloro che dovranno fare compensazioni con qualsiasi credito fiscale, utilizzare il modello F24 mediante l'utilizzo del servizio Home Banking dei propri istituti bancari. Coloro che vorranno continuare a pagare direttamente l'F24 dovranno farlo attraverso il servizio "Fisco on-line" dell'Agenzia delle Entrate ed utilizzare l'apposito programma per la presentazione della delega di pagamento. L'alternativa sarà quella di delegare il proprio commercialista o gli intermediari abilitati. Un ennesimo impiccio burocratico che ha creato non pochi mugugni. ANDI è riuscita a far presentare un emendamento che cerca di sistemare le cose. Vedremo la risposta della politica. (vai alla news)

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Italia e Spagna, in queste settimane, sono alle prese con lo stesso tema: come tutelare i pazienti che si rivolgono alle Catene odontoiatriche. Spagna che dovrebbe essere anche un...

di Norberto Maccagno


La notizia della presa di posizione del Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri contro gli emendamenti al decreto Rilancio che volevano includere anche i professionisti tra i...

di Norberto Maccagno


Per commentare la vicenda Dentix potrei fare copia incolla di quanto avevo scritto nel DiDomenica di giusto due anni fa (24 giungo 2018) all’indomani della chiusura, in Spagna,...

di Norberto Maccagno


Giusto tre mesi fa’, il 7 marzo 2020, l’Italia si preparava a chiudere per pandemia. Quando qualche giorno prima il dott. Matteo Groppi (odontoiatra di Codogno) ci aveva...

di Norberto Maccagno


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Uno studio dell'Università di Padova ha valutato la conoscenza del COVID-19, la percezione del rischio e l’attitudine al trattamento odontoiatrico nella popolazione dei dentisti italiani


ANSOC al Ministro Speranza: serve una revisione tariffaria, troppa incongruenza tra il costo di produzione delle prestazioni odontoiatriche e le rispettive tariffe corrisposte


L’obiettivo dichiarato è riaprire in sicurezza al più presto per prestare le cure necessarie ai pazienti, ristrutturare il debito finanziario, tutelare i creditori, i dipendenti e collaboratori....


Premiato il rigore scientifico, la volontà nel perseguire l’eccellenza divulgativa e l’entusiasmo che caratterizzano il lavoro di tutto il Consiglio Direttivo della SIOI


Immagine d'archivio

Il professionista proprietario dello studio lo avrebbe messo a disposizione del fino dentista, entrambi denunciati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION