HOME - DiDomenica
 
 
09 Luglio 2017

Dando i numeri capiamo il settore, se si leggono con obiettività


Questa settimana Odontoiatria33 ha pubblicato una serie di notizie con tanti numeri. Numeri che fotografando alcuni aspetti del settore, consentono di dare una visione più dettagliata delle questioni permettendo analisi e, ovviamente, commenti. Spesso in politica i dati vengono letti a seconda di cosa si vuole sostenere. Esaltando un dato o omettendo di accostarlo ad un altro la stessa ricerca, a seconda di chi la commenta, può confermate o ribaltare le posizioni. E' capitato leggendo la stampa generalista che ha riportato alcuni dati o qualche pagina Facebook di settore che ha condiviso quegli articoli. Noi abbiamo cercato di mettere insieme i dati per confrontarli in modo da dare un quadro il più chiaro possibile.

Chi è il dentista ANDI?

I primi dati presentati sono stati quelli che certificano l'ennesima crescita di ANDI nel numero dei soci. La fotografia ha anche permesso di capire chi è il socio ANDI, che si conferma un titolare di studio (ovviamente visto che oltre l'85% degli esercenti è un libero professionista con partita iva) ma il 26% è altro: collaboratore senza studio socio di studio associato o società. Che in termini numerici fa quasi 7 mila dentisti. Un vero e proprio sindacato nel sindacato, un numero consistente di odontoiatri che per motivi differenti hanno fatto, in termini di modello di esercizio professionale, una scelta differente dal titolare di studio. In più occasione ho scritto della mia impressione che (oggi) questi professionisti fatichino a trovare una rappresentanza anche se vederli iscritti così numerosi ad ANDI sembrerebbe darmi torto. (vai alla notizia)

Da che dentista sceglie di andare il paziente?

La completa ed accurata ricerca Key-Stone sulle scelte dei cittadini in termini di offerta odontoiatrica presentata durante il primo evento pubblico di ANCOD (la associazioni dei centri odontoiatrici) conferma alcuni dati già rilevati sul tema e ne presenta altri molto interessanti, oltre ad avere il merito di aver dato un quadro dettagliato sulla questione. Dati che certificano come lo studio del dentista tradizionale viene scelto per fiducia mentre le strutture odontoiatriche, che non sono solo le catene ma anche le altre società ed i polimabulatori, vengono scelte dopo una più o meno attenta analisi che passa anche dalla ricerca del miglior rapporto qualità prezzo. Sapendo bene quali sono i fattori considerati dal cittadino come buona qualità: spesso estranei alla prestazione clinica. Ricerca che fotografa anche le differenze in tema di prestazioni erogate e di organizzazione. (vai alla notizia)

Vola l'industria del settore grazie agli sgravi fiscali

L'annuale Studio di Settore UNIDI, giunto alla undicesima edizione, ha evidenziato come per la prima volta la crescita del fatturato dell'industria italiana del settore è stato trainato dal mercato interno e non dall'export. E questo grazie agli incentivi fiscali concessi dal maxi-ammortamento.

Diversamente è andata per studi odontoiatrici e laboratori odontotecnici alle prese con un mercato altalenante. (vai alla notizia)

Norberto Maccagno

Articoli correlati

La notizia della settimana è certamente quella “dell’Italia che riapre”, come hanno titolato molti quotidiani. In realtà, come oramai tradizione in questo anno abbondante...

di Norberto Maccagno


Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


Immagine d'archivio

Ill.mo Ministro Speranza, so bene che non leggerà quanto Le scrivo (decisamente troppo lungo) e tantomeno mi risponderà. Sono consapevole che in questo periodo riceverà più...

di Norberto Maccagno


Il vero ascensore sociale della generazione di chi ha oggi 50-60 anni è stato quello del poter studiare ed ambire a stare meglio dei propri genitori, il proprio status sociale non...

di Norberto Maccagno


La politica è anche questione di prese di posizione, segnali, oltre che decisioni giuste ed eque. C’era molta attesa per il primo provvedimento del Governo Draghi, e non solo...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Immagine di repertorio

Riguarderebbe solamente la scadenza legata alla possibilità di assumere ASO non qualificate. Intanto il Ministro avrebbe dato il via libera per avviare l’iter per la modifica del DPCM


La presidente Elena Boscagin è la prima donna ad essere eletta nella CAO nazionale. Ci ha raccontato impressioni ed aspettative dopo la prima riunione 


Il rischio, scrive il presidente CAO di Cuneo, è che con la scusa della pandemia si possano allargare competenze professionali rischiando che atto medico ed atto sanitario vengano messi sullo...


Da sempre odontotecnici e odontoiatri di tutto il mondo si sono dibattuti per cercare il sistema per codificare e riprodurre la corretta dentatura umana secondo schemi ripetibili con un unico...


Su Wikipedia, alla voce “Artigiano Digitale”, si legge: “Un artigiano digitale (detto colloquialmente maker) è una persona che svolge attività di bricolage e, in generale, di fai-da-te...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente