HOME - DiDomenica
 
 
16 Luglio 2017

Equo compenso che non è il tariffario indicativo, si è perso un Ddl, i dentisti si preferiscono imprenditori


Tra i messaggi che ricevo giornalmente due mi hanno dimostrato che sulla questione equo compenso c'è un po' di confusione. Un lettore inserisce un commento all'articolo sul Ddl Sacconi sull'equo compenso e chiede: "mai i collaboratori? Sono previsti parametri per i professionisti collaboratori che forniscono prestazioni agli studi o società?" Un altro così commenta sulla nostra pagina Facebook: "proprio oggi ho letto di un all on four a 2.500 euro...", lasciando intendere che questa norma potrebbe impedire il dilagare di tariffe particolarmente basse per le prestazioni rese ai cittadini. Il dibattito politico nato in questi mesi sull'equo compenso e le proposte di legge presentate sul tema, di cui quella del Senatore Sacconi non è che l'ultima in ordine cronologico, vanno nel senso di tutelare i collaboratori professionisti.

Se si arriverà ad una legge sarà più difficile pagare un dentista 10 euro l'ora ma sarà sempre possibile trovare uno studio che offre un impianto a 10 euro. Diverso è se fosse stato preso in considerazione l'emendamento sul tariffario indicativo che ANDI aveva proposto al Ddl sul lavoro autonomo. In quel caso sì che sarebbe stato necessario stilare un tariffario delle singole prestazioni da rendere pubblico per dare una indicazione al paziente sulla cifra sotto la quale probabilmente si nascondono problemi. Invece tutti i Disegni di legge sull'equo compenso indicano chiaramente che le tariffe minime che saranno indicate valgono esclusivamente nei rapporti tra professionisti o tra professionisti ed enti e non tra professionisti e cittadini.

E non potrebbe essere diversamente. Come indicare un tariffario per le prestazioni professionali che possa andare bene per il collaboratore ed il cittadino. I duemila euro (faccio un esempio) che un paziente paga per corona ed impianto sono la somma di tanti costi: la professionalità del dentista, i costi di gestione dello studio, l'ammortamento delle attrezzature ed arredi, il personale, il laboratorio, i materiali utilizzati, l'impianto. Diverso invece dare una indicazione minima del solo valore del lavoro del professionista. E se quelle tariffe diventeranno pubbliche, il cittadino saprà fare tutte le cerette considerazioni quando pagherà una seduta di igiene orale, durata 40 minuti, 150 euro (è sempre un esempio) e avrà letto che l'equo compenso per un odontoiatria è di 50 euro l'ora? (vai alla notizia)

 

AAA Ddl Abusivismo cercasi

Bella domanda quella posta dal presidente ANDI: che fine ha fatto il Ddl Marinello? Direi che sta per fare una brutta fine. Nonostante alcuni (nel settore) sostengano che il "Bruto" sia da ricercare tra chi vuole tutelare i prestanome, il settore dentale non è neppure la causa dell'insabbiamento ma lo sono i veti dei veri "poteri forti" come gli editori che, per esempio, si vedrebbero confiscare le redazioni dei giornali se un non giornalista scrive un articolo (e sono tantissimi) o i ragionieri che potrebbero essere accusati di abusivismo se tengono la contabilità di un negozio. Come aveva ammesso ad Odontoiatria33 il Sen. Marinello tempo fa: forse sarebbe stato meglio limitare l'aumento delle pene per i soli reati in ambito sanitario. In teoria questo potrebbe ancora succedere con l'approvazione del Ddl Lorenzin, altro provvedimento a rischio non approvazione prima della chiusura della legislatura. (vai alla notizia)

La professione abbandona il modello tradizionale di esercizio?

In questo periodo alcune inchieste di Odontoaitria33 hanno confermato il cambiamento in atto del modello di esercizio professionale che rimane, però, ancora saldamente basato sullo studio monoprofessionale. Però il numero di dentisti senza studio che hanno scelto la collaborazione e le tante società nate in questi anni dimostrano una nuova tendenza. Solo il tempo indicherà quanto si radicalizzerà. Da approfondire quanto abbiamo rilevato a Milano, ovvero che negli ultimi 3 anni si aprono più società che studi tradizionali. (vai alla notizia)

Dentista e pubblicità

Amore e odio quello tra dentisti e la pubblicità. Da una parte l'odontoiatria organizzata con le campagne da milioni di euro e dall'altra i dentisti tradizionali che cercano di farsi conoscere utilizzando vari strumenti di comunicazione sul territorio e quelli che non ne vogliono sapere ritenendola uno strumento negativo per l'immagine della categoria. Una inchiesta di Odontoaitria33 ha cercato di capire quanti sono gli studi che utilizzano la pubblicità per farsi conoscere e dove e quanto investono. (vai alla notizia)


Norberto Maccagno

Articoli correlati

La nuova stretta del Governo verso i no-vax che dal 10 gennaio ha portato restrizioni a chi non ha il Green pass rafforzato per accedere ai mezzi di trasporto, bar, ristoranti, palestre, piscine etc,...

di Norberto Maccagno


Come spesso capita a ridosso della fine dell’anno, per rispettare le scadenze costituzionali ed in questo caso gli impegni con Bruxelles, il Parlamento ha approvato in fretta e furia tutta una...

di Norberto Maccagno


Trovo, ma sicuramente è solo una mia impressione, che il settore o almeno una parte degli odontoiatri divida l’evoluzione della professione al digitale in due momenti totalmente distinti...

di Norberto Maccagno


In questa settimana la cronaca ha portato Odontoiatria33 a parlare di Codice Deontologico.Ne abbiamo parlato indirettamente dando la notizia del dentista con il braccio di gomma ora,...

di Norberto Maccagno


L’approfondimento odierno doveva essere sul nuovo Decreto con l’obbligo vaccinale (terza dose inclusa) esteso anche ai dipendenti non sanitari che da domani diventa operativo (ma come abbiamo...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

La nuova stretta del Governo verso i no-vax che dal 10 gennaio ha portato restrizioni a chi non ha il Green pass rafforzato per accedere ai mezzi di trasporto, bar, ristoranti, palestre, piscine etc,...

di Norberto Maccagno


Agorà del Lunedì     16 Gennaio 2022

Comprare vita ai denti

Come mai oltre la metà dei trattamenti periapicali fallisce? La domanda è lo spunto per il prof. Gagliani per fare alcune considerazioni sul tema dei ritrattamenti

di Massimo Gagliani


Sono già 20 le cliniche dentistiche Sanitas che raccolgono mascherine destinate al riciclaggio. Una mascherina FFP2 può impiegare 400 anni per decomporsi


Dall’Università di Ferrara il “Postgraduate Program for Proficiency in Periodontology” diretto dal prof. Trombelli. Iscrizioni entro 28 gennaio


Tra i punti: laurea triennale in facoltà ad indirizzo scientifico-tecnologico; professionista tecnico in ambito sanitario; esclusivo fabbricante di dispositivi medici su misura ad uso odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi