HOME - DiDomenica
 
 
10 Settembre 2017

Dentista poco trasparente, dentista radiato, dentista insicuro, dentista alle prese con il cambiamento


Preciso subito che leggendo la sentenza che ha giudicato un dentista non colpevole del reato di truffa per aver impiantato una corona in resina invece di quella preventivata (e credo pagata) in ceramica, non si capisce se sono state date le motivazioni al paziente, se il cambio è stato dettato da problemi tecnici o clinici intercorsi durante la riabilitazione. Dubito visto che il caso è arrivato fino alla Cassazione.

Sul fronte giuridico la sentenza conferma chiaramente che la protesi è parte integrante della terapia e che il dentista non la rivende ma la utilizza per la cura. Con buona pace delle richieste di fatturazione disgiunta sulla protesi ed anche del Ddl Concorrenza che impone un preventivo dettagliato anche specificando i costi di materiale e dispositivi utilizzati.

Per questo motivo il reato di truffa non è contestabile per una prestazione odontoiatrica. Sentenza che ribadisce anche, con l'archiviazione dell'accusa di lesioni, che di fatto i il materiale utilizzato per il dispositivo protesico (nel caso sotto esame) non influisce sull'esito della cura.

Ribadito questo ci sono però tutte le considerazioni morali, professionali, deontologiche che impongono in un rapporto tra medico e paziente (dove il paziente è la parte debole, quello che si fida e si mette nelle mani del professionista per essere curato) il massimo della trasparenza. Ho già più volte sottolineato che la differenza tra curare e lucrare sulla malattia non è la tariffa applicata ma sulla correttezza della terapia proposta. (vai alla notizia)

 

Prestanome radiato, CAO (finalmente) trasparente

Inutile sottolineare che la notizia della decisione della CAO di Roma di radiare un prestanome condannato ha interessato, e molto, i lettori di Odontoiatria33. Molti i commenti di soddisfazione sui social. A mio parere la vera fonte di soddisfazione non deve essere tanto nel fatto che un prestanome è stato radiato ma che una CAO ha deciso di rendere pubblica la decisione. Non è la prima volta che una OMCeO prende decisioni estreme contro un iscritto ma è il fatto che la CAO non si sia opposta alla pubblicazione della notizia ed abbia persino voluto commentarla a rendere il fatto importante. Importante per la trasparenza dell'operato di un Ente ausiliario dello Stato, ma soprattutto importante perché dimostra che chi sbaglia viene sanzionato. Sono molti i procedimenti che le CAO provinciali aprono nei confronti degli iscritti per vari motivi e la maggior parte si concludono in sanzioni. Ma queste decisioni rimangono per la quasi totalità una questione tra iscritto e CAO, nessuno viene informato, non sono pubbliche (nonostante dovrebbe esserlo). Certo che non ci interessa sapere il nome e cognome dell'iscritto sanzionato (anche se il rischio di vederlo reso pubblico sarebbe un ottimo deterrente) ma credo che tutti gli iscritti siano interessati a sapere il perché si può essere sanzionati e che il proprio Ordine fa il proprio dovere, ovvero verifica l'operato degli iscritti. Quindi applauso alla CAO di Roma non tanto per aver fatto il proprio dovere ma per la trasparenza. (vai alla notizia)

 

Dentiera in prova

In questi giorni i post con la nuova pubblicità di Doctor Dentist che propone la prova gratuita della dentiera per 30 giorni, hanno scatenato commenti e discussioni. Un messaggio pubblicitario, sono convito, corretto dal punto di vista della norma e che sfrutta una tecnica di comunicazione utilizzata in altri settori. L'obiettivo è quello di convincere il paziente che si può fidare visto che la struttura è disposta a riprendersi la protesi se il cliente non è soddisfatto. Come avviene per chi acquista il divano Ektorp all'Ikea.

Quando vedo queste pubblicità, e leggo i commenti polemici, la prima cosa che penso è se il paziente che viene attratto dal messaggio è un paziente che a voi dentisti interessa curare, un paziente che magari gira 4-5 studi in cerca di preventivi, un paziente che è convinto che una protesi sia un oggetto e non un dispositivo medico. Il paziente che si rivolge a questo centro si rivolgeva prima ad un odontoiatria tradizionale oppure ad altri? Poi certo c'è la questione economica delle difficoltà di accedere alle cure per alcuni: ma la pubblicità non parla di prezzo. Dice solo che se non ci si trova è possibile restituire la dentiera e gli vendono restituiti i soldi (anche se questo non viene indicato), come probabilmente avete fatto anche voi con la vecchina che proprio la nuova protesi non la sopportava.

Il problema di fondo, prima ancora di richiedere norme restrittive, la cultura del paziente che pensa che il dentista non è un medico che lo cura ma un professionista che risolve un problema attraverso delle protesi che vengono considerati oggetti. Invertire questa cultura è la vera sfida per il settore. (vai alla notizia)

 

Cambia il paziente o cambia il dentista

Cercheremo una risposa il 25 settembre a Milano durante un workshop organizzato da EDRA attraverso i dati di SDA Bocconi, e le riflessioni degli esperti di settore. (vai al programma)


Norberto Maccagno

Articoli correlati

Uscire di casa solo se strettamente necessario. E’ questo l’invito che in questi giorni politica ed esperti stanno diffondendo per cercare di contenere la pandemia.Nonostante i DCPM e le...

di Norberto Maccagno


Diventa sempre più difficile trovare argomenti da approfondire che non riguardino la questione Covid, da quasi nove mesi non si parla d’altro, sia sui media che nei palazzi della...

di Norberto Maccagno


Da clinico e da docente universitario il prof. Gagliani porta il suo punto di vista sulla questione nata dopo il servizio della Gabanelli sui Fondi integrativi

di Massimo Gagliani


Ieri 10 ottobre, in Sardegna, si è chiuso il 77° Congresso Nazionale FIMMG, il sindacato dei medici di medicina generale con più iscritti.La cinque giorni sarda ha visto, come ad ogni Congresso,...

di Norberto Maccagno


In attesa di capire se e come l’Antitrust si interesserà dell’esposto promosso da ANOMeC, l’iniziativa ha già raggiunto un primo obiettivo: coinvolgere i media. Almeno il Data Room di Milena...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Aziende     30 Ottobre 2020

Informati, ispirati ed educati

TePe Share è un progetto per accrescere ulteriormente la consapevolezza riguardo l’importanza di una buona igiene orale


Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per tre posti a tempo indeterminato. Le domande entro il 23 novembre 2020 


Molti i temi in agenda della neonata Commissione: dalla questione dell’abusivismo, alla sentenza del Consiglio di Stato, passando dall’organizzazione dei rapporti con le Commissioni territoriali...


Video incontro con Giacomo Derchi ed Enrico Manca con consigli, indicazioni e considerazioni su materiali e tecniche da utilizzare. Occasione anche per sfogliare insieme il loro libro edito da Edra


Dal report settimanale del Ministero della Salute, forti preoccupazioni in molte regioni: “si va verso uno scenario 4”, quello di un lockdown. Fine settimana di valutazioni per il Governo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo