HOME - DiDomenica
 
 
01 Ottobre 2017

Ma figurati, tanto non diventa legge, io non lo consegno e non mi ammalo di diabete


So bene che chi come voi ha un preparazione scientifica tende a vedere le cose o bianche o nere. Invece, nella vita, ci sono i colori e le infinite sfumature. Partecipando ad eventi in cui si ipotizzano gli scenari futuri della professione odontoiatrica, ed a parlare non è un dentista, non mi stupiscono più le facce dei partecipanti: un po' spaesati se non contrariati, pronti ad auto convincersi che non è così.

Sembrano dire: ma mancano le certezze, la sequenza di procedure da attivare. Oppure, ma va ... io sono un medico e non devo cercare i miei pazienti sono loro che devono adattarsi alla mie esigenze, io sono il più bravo. È capitato così anche dopo l'interessante lezione tenuta dalla prof.ssa Erika Mallarini durante l'evento organizzato da Edra dal titolo "Dal paziente 4.0 al dentista 4.0".

La docente della Bocconi, per quanto si possa fare in 40 minuti, ha cercato di spiegare come cambiano le esigenze dei pazienti e come l'offerta di salute si sta attrezzando per assecondarli, con un interessante focus sull'odontoiatra.

Semplificando l'intervento, la prof.ssa Mallarini ha evidenziato come i pazienti del futuro (molti già di oggi) saranno quelli che cercano servizi utilizzabili quando loro hanno tempo e non quando ha tempo il professionista.

Ovviamente non ci sarà uno sterminio di massa di pensionati disponibili a soggiornare nella vostra sala d'attesa per ore ma un graduale avvicendamento tra chi in vacanza andava a telefonare a casa dalla cabina telefonica e quelli che considerano terzo mondo la spiaggia senza WiFi 4g e che contemporaneamente devono portare il figlio a calcio, andare in ufficio, seguire la mamma anziana e fare la spesa.

Quando qualcuno presenta nuovi modelli di esercizio professionale o vi indica le esigenze del paziente non vuole dire che domani sarà così, che tutti avranno quelle esigenze e tutti dovranno tramutarsi in centri iper tecnologici aperti 24 ore su 24 con tanto di brand. Vi spiegano un cambiamento in atto fatto di tane sfumature sociali, territoriali, culturali. Un serio imprenditore le analizza cerca di capire e sopratutto adatta la sua impresa al mercato che interessa.

Certo voi curate le persone, come le curano i dentisti che lavorano nelle catene o all'Asl, ma a differenza loro siete anche titolari di studio, quindi imprenditori e forse dovreste guardarvi intorno e poi decidere a quale paziente volete rivolgervi. Solo allora avrete fatto una scelta consapevole, altrimenti il rischio e di rimanere dalla finestra a sbottare sul cambiamento in corso senza averne capito e colto le opportunità. (vai al servizio)


Se mai diventerà legge

Sono in molti a scommettere che il Ddl Lorenzin non verrà mai approvato prima della fine della legislatura. Per ora "festeggiamo" il via libera della Commissione Affari sociali che lo ha inviato in Aula per la discussione ed approvazione. Tra le tante norme il Ddl contiene un inasprimento di sanzioni per abusivi e prestanome. Una norma attesa da decenni e mai approvata. (vai alla notizia)

 

Preventivo obbligatorio

Tra le norme contenute della Legge sulla Concorrenza, più conosciuta nel settore per le cose che potrebbe aver detto ma non dice che per quelle che dice veramente, quella sull'obbligo di consegna del preventivo. Il dott. Marco Scarpelli ci spiega come realizzarlo ma soprattutto come comportarsi in caso ci siano modifiche in corso d'opera. (vai alla notizia)



Salute orale e diabete

Non è certo una novità ma il fatto che i diabetologi dedichino un loro congresso scientifico alla malattia parodontale e alle implicazioni che la salute orale può avere sulla malattia mi sembra una cosa interessante a confermare quella interdisciplinarietà tra la professione di medico e quella di odontoiatria spesso sollecitata. (vai alla notizia)

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Dato un numero certo di guanti, tovaglioli ed aspirasaliva acquistati in un anno, sapendo che l'assistente ha le mani più piccole ed utilizza i guanti diversi da quelli del dentista, che si...


Ma fare l'abusivo o il prestanome, "conviene"? Il dubbio mi è venuto scrivendo la notizia del dipendente del centro odontoiatrico e il direttore sanitario denunciati a Milano per concorso in...


Che un bel sorriso sia un ottimo biglietto da visita è risaputo. Vederlo come requisito necessario per poter partecipare ad un concorso pubblico mi ha, positivamente, incuriosito. Il requisito...


Aiutatemi a fare due conti. Secondo l'Agenzia delle Entrate i medici e i dentisti con partita iva sono circa 170 mila. Quanti di loro nel 2017 hanno effettuato almeno una fattura ad un paziente...


Non è direttamente riferita al settore odontoiatrico ma credo che non possa passare in secondo piano la vicenda della signora di mezza età che si è rifiutata di farsi visitare...


Altri Articoli

Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


Dopo aver raccolto più di 400 reclami dai propri iscritti, di cui quasi 200 arrivati nel primo semestre 2019, AltroConsumo ha deciso di rivolgersi all’Autorità Garante della Concorrenza e Mercato...


“Bene la flat tax delle famiglie, ma non lasciamo a metà il lavoro fin qui fatto su professionisti e partite Iva. Bisogna infatti allargare il regime agevolato anche agli studi professionali,...


La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


In queste settimane su gruppi Facebook, ma anche alcuni di voi lettori ci hanno scritto, vi interrogate su come mai ci siano ancora in giro pubblicità che propongono prestazioni...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi