HOME - DiDomenica
 
 
29 Aprile 2018

La tutela dell’odontoiatra sfruttato, vessato, sottopagato ed obbligato a lavorare il Primo Maggio

Norberto Maccagno

Come ogni Primo Maggio si riapre il dibattito se sia giusto o meno tenere aperti i centri commerciali. Chissà come si comporteranno gli studi odontoiatrici al loro interno?

La Festa del Lavoro nasce dai movimenti operai in un secolo in cui il lavoro da tutelare era quello dipendente, da una parte chi dava il lavoro e dall’altra il lavoratore. Una festa da sempre associata alle lotte sindacali, e quando parliamo di sindacati pensiamo a quelli confederali a CGIL, CISL, UIL, a quelli che tutelano i dipendenti, alle lotte contro i “padroni”.

Oggi sappiamo bene che il variegato mondo del lavoro comprende, certo, il dipendente ma anche altre figure spesso meno tutelate ma altrettanto attive e presenti. Mondo sindacale, oggi, chiamato a tutelare vari soggetti le cui esigenze e richieste sono spesso molto differenti.

Prendiamo ad esempio l’odontoiatria.

Anche solo 15-20 anni fa i dipendenti erano le assistenti, il personale amministrativo, qualche odontoiatria assunto nelle ASL ma poco altro. Se andiamo oggi a considerare solo il personale con un contratto di lavoro impiegato nello studio odontoiatrico, probabilmente, il quadro non cambia. Ma un odontoiatra (o igienista dentale) con partita iva che presta le proprie collaborazioni a percentuale nelle Catene, o nei singoli studi, è per esigenze di tutela più vicino ad un lavoratore dipendente oppure ad un libero professionista?

Sicuramente non ha tutele. “Come noi titolari di studio” direbbero molti di voi. Vero, anche se solo in parte, come dimostrano le critiche che avanzate alle Catene accusate di sottopagare i collaboratori, di costringerli a curare non secondo coscienza ma secondo le regole di bilancio.

Secondo l’indagine congiunturale presentata in Expodental nel 2016 dal Servizio Studi ANDI, gli odontoiatri dipendenti sono solamente lo 0,8% degli esercenti ma i collaboratori sono il 22%. Un recente sondaggio sul contenzioso odontoiatrico realizzato da Odontoiatria33 su di un campione rappresentativo della professione (lo presenteremo sabato 5 maggio a Milano) ha evidenziato come anche il 35% degli odontoiatri che esercitano come titolari di studio dichiarano di andare a fare collaborazioni in altri studi. Certo molti di loro saranno affermati chirurghi o ortodontisti che vengono chiamati per consulenze,  ma gli altri sono dentisti che non riuscendo a riempire l’agenda per tutta la settimana “arrotondano”con collaborazioni in altre strutture, magari proprio nelle “odiate” Catene.

Nei mesi scorsi la norma sull’equo compenso ha tentato di tutelare questi professionisti collaboratori dai “poteri forti”, almeno sul fronte “della paga” ma sappiamo, almeno per l’odontoiatria, che il compenso equo non è mai stato stabilito.

Quello dalla rappresentatività e tutela dei collaboratori sarà uno dei temi che le associazioni sindacali odontoiatriche dovranno affrontare, partendo dal chiarire chi vogliono rappresentare: i soli titolari di studio monoprofessionale, tutti i titolari di studio compresi quelli che hanno scelto il modello societario, oppure tutti quelli che esercitano la professione odontoiatrica anche come dipendenti, collaboratori, collaboratori nei centri low-cost, delle Catene.

Questo sarà uno dei quesiti che sottoporremo ai candidati alla presidenza ANDI nelle prossime settimane, questo è uno dei temi centrali del futuro della professione. Senza regole comuni non esiste una corretta concorrenza, un collaboratore sfruttato non può eseguire cure di qualità, sia in un centro low-cost che nello studio del dentista di provincia.

Per ora godiamoci la festa esprimendo solidarietà ai dentisti, agli igienisti dentali, alle assistenti, alle impiegate di quegli studi che martedì saranno costretti dalle regole del mercato a lavorare.

L’ultimo pensiero a chi il lavoro non lo può festeggiare perché non lo ha, l’augurio è che per loro “ritornasse presto lunedì, perche quando non lavori è sempre sabato”, tanto per citare uno dei massimi filosofi del nostro tempo: Jovanotti.

Articoli correlati

Da sempre il DiDomenica è un "mio spazio" per commentare una notizia, un fatto successo nella settimana che si è appena conclusa.Un commento che cerca di fare vedere la questione da un altro punto...

di Norberto Maccagno


Dall’8 marzo 2020, l’inizio del primo lockdown, abbiamo deciso di continuare ad informare senza considerare feste e ponti. D'altronde tutti i giorni erano uguali. Se ricordo...

di Norberto Maccagno


Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


Immagine d'archivio

Ill.mo Ministro Speranza, so bene che non leggerà quanto Le scrivo (decisamente troppo lungo) e tantomeno mi risponderà. Sono consapevole che in questo periodo riceverà più...

di Norberto Maccagno


Il vero ascensore sociale della generazione di chi ha oggi 50-60 anni è stato quello del poter studiare ed ambire a stare meglio dei propri genitori, il proprio status sociale non...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Ha ragione il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli quando all’Agenzia ANSA denuncia che “in una fase così delicata per il nostro Paese, con un'epidemia in corso e con una campagna...

di Norberto Maccagno


Attraverso il nuovo software OrisLab Q abbiamo simulato i nuovi adempimenti legati alla direttiva sui dispositivi medici in vigore dal 26 maggio


Il Presidente CAO Cosenza ricorre contro la proclamazione degli eletti a revisore dei conti FNOMCeO. “Una questione di principio per tutelare i diritti degli odontoiatri”          


Il Ministero della Salute emana una circolare sentito il parere del CTS. Non inficia l’efficacia della risposta immunitaria ma consente di aumentare il numero di immunizzati


A causa della pandemia da Covid-19, i casi di depressione sono aumentati notevolmente, forti ripercussioni anche per la salute orale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri rilancia il Tavolo Tecnico: è il luogo per discutere e concordare le risposte alle problematiche