HOME - DiDomenica
 
 
05 Maggio 2018

Il dubbio del Carabiniere del NAS: cerco la “pagliuzza” o mi basta l’evidente?

Norberto Maccagno

Siamo veramente il Paese delle mille leggi non solo non applicate perché non “gradiamo applicarle”, ma perché il buon senso non sempre è associato alla loro interpretazione. E già il fatto che una legge possa essere interpretata è un paradosso, basterebbe scriverla chiaramente in modo che leggendola, sia chiaro come deve essere applicata. Ma sappiamo che l’incertezza aiuta gli “audaci”. 

Così da una parte possono fare sorridere -anche noi li abbiamo posti- i dubbi legati al profilo dell’ASO: cosa avrà voluto dire il Ministero quando ha scritto nel decreto del profilo che è “fatto assoluto divieto all'assistente di studio odontoiatrico di intervenire direttamente sul paziente anche in presenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore”. 

Tenere ferma la lingua con lo specchietto, utilizzare l’aspira saliva, aiutare il dentista ad allontanare il labbro o sorreggere un lembo durante un intervento può essere considerato intervenire direttamente sul paziente? 

Ma può un ASO assistere il dentista senza intervenire sul paziente, ma soprattutto, cosa vuole dire “intervenire sul paziente”?  

La CAO chiede -e vorrei sottolineare che ha fatto non bene ma benissimo- al Ministero di emanare una nota esplicativa nella quale precisa che all’ASO è fatto divieto effettuare le prestazioni di competenza dell’odontoiatra mentre può effettuare quelle di mera assistenza. 

E la richiesta è meno banale di quanto sembri, stessa richiesta l’ha avanzata anche il SIASO. Non si vuole cercare la “pagliuzza” nella legge ma evitare che in caso di un controllo “zelante” possano sorgere questioni. Nei giorni successivi all’entrata in vigore della Legge Lorenzin, in alcuni post, dei dentisti si chiedevano se sarebbe stato incriminato per concorso in esercizio abusivo l’odontoiatria che faceva prendere l’impronta alla sua Assistente, oppure gli faceva cambiare gli elastici ad un bandaggio ortodontico o cementare un ponte. 

Sui casi sopra credo che la risposta sia evidente, anche se mi sembra che i NAS in questi anni abbiano sanzionato situazioni molto più eclatanti di esercizio abusivo della professione (per esempio tipo assistente che faceva la detartrasi al posto del titolare dello studio e della laurea) e sono convinto che anche se anche il Ministero non chiarisse, ma ripeto è giusto pressarlo per ottenere un chiarimento ufficiale, prima di denunciare una ASO perché tiene ferma la lingua del paziente con lo specchietto, credo che i Nas abbiano ancora molto lavoro più “evidente” da svolgere

Nota: La foto di copertina di questo DiDomenica ritrae una slide di un sondaggio sull’attenzione verso la salute orale svolto via web ai cittadini lettori del portale Dica33, sondaggio presentato durante il Congresso nazionale del COI-AIOG del 2017. La domanda era: Chi ti ha effettuato la detartrasi? 

Articoli correlati

Nella classifica della tipologia di notizie più lette su Odontoiatria33, quelle ordinistiche quasi mai arrivano ai primi posti: salvo non trattino di procedimenti disciplinari e...


Anche l’evoluzione dell’odontoiatria al digitale, come tutte le evoluzioni di una professione, si divide tra chi vede il cambiamento con euforia tecnologica e chi lo vede come...

di Norberto Maccagno


La condizione degli anziani ospiti nelle RSA, isolati da quasi un anno, è certamente una delle tante situazioni critiche dettate dalla pandemia. Molti i racconti, toccanti, di...

di Norberto Maccagno


Una delle conseguenze della pandemia per gli studi odontoiatrici è stata quella di costringerli a modificare l’organizzazione dello studio e la gestione del paziente. La...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Rimangono in vigore sia le indicazioni operative che quelle per prevenire la legionella nei riuniti. Fino al 6 aprile stretta sulla scuola, si attendono interventi sui congedi parentali anche per i...


Con una lettera al Ministero vengono offerti ambulatori e personale per far fronte all’emergenza sanitaria in corso e viene chiesto di autorizzare gli odontoiatri a somministrare le dosi


Non esiste obbligo vaccinale per il COVID, garantita la copertura assicurativa anche per il lavoratore che lo ha rifiutato


I tre punti assolutamente da considerare durante la negoziazione secondo il legale che aggiunge: anche nelle piccole acquisizioni si devono valutare con attenzione tutti gli aspetti


L’attuale situazione sanitaria, l’andamento della pandemia, i ritardi nelle vaccinazioni, le varianti del virus che appaiono, i disagi che tutti subiscono nel viaggiare e anche nella...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP