HOME - DiDomenica
 
 
26 Settembre 2021

L’AGCM condanna Dentix sancendo che l’odontoiatria è una pratica commerciale ed il paziente deve essere tutelato in quanto cliente

di Norberto Maccagno


Ha fatto bene Federconsumatori a sottolineare come nel giorno della notizia della condanna di Dentix da parte dell’Antitrust a pagare un milione di euro per pratiche commerciali scorrette, al Senato l’emendamento che avrebbe voluto evitare situazioni analoghe è stato cassato. Un emendamento che per Federconsumatori “ avrebbe introdotto maggiori tutele per i cittadini nell’ambito delle cure odontoiatriche”.   

L’ho scritto molte volte: il fallimento di Dentix quello della spagnola IDental, i problemi nati con Ideasorriso ed altre piccole o medie catene che negli anni hanno lasciato con le cure da finire i propri pazienti, confermano che l’esercizio dell’odontoiatria in forma societaria necessita di regole più specifiche. 
Poi ovviamente si può e si deve discutere su quali queste devono essere. 

A non trovarmi d’accordo è invece considerare le due decisioni –Antitrust e bocciatura emendamento- come in antitesi.
Io trovo che, invece, si basano sulla stessa considerazione della materia, ovvero che l’esercizio dell’odontoiatria è considerata una pratica commerciale

L’Autorità Garante Concorrenza del Mercato nel sanzionare Dentix non entra nel merito del fallimento e di come poterlo evitare, non tutela i pazienti che si erano rivolti agli studi del Gruppo in quanto “malati” ma in quanto consumatori.
E per farlo utilizza le regole del Codice del Consumo, della pubblicità, ovvero quanto Sindacati odontoiatrici ed Ordine da sempre combattono spiegando che queste regole non devono e non possono essere associate all’attività odontoiatrica perché negli studi si curano le persone, non si vendono denti.
“Non si deve mercificare l’odontoiatria”, si è sempre detto. 
Ma in questo caso Dentix è stata sanzionata solo perché non ha rispettato le regole del mercato

E gli stessi principi che regolamento il mercato considerati dall’AGCM per sanzionare Dentix sembrano essere stati considerati anche dal Governo nel dare parere negativo all’emendamento Lorefice: l’esclusione delle società di capitali dalla possibilità di esercitare l'attività odontoiatrica  introdurrebbe una limitazione non giustificata alla concorrenza e al principio di libertà di stabilimento di cui all'articolo 49 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, ha detto il Sottosegretario Amendola in Commissione

Di cure e di pazienti non se ne parla né in Commissione né nella decisione dell’Antitrust, se non marginalmente. 

L’AGCM non sanziona Dentix perché ha creato disagi alla salute dei pazienti lasciati con le cure da terminare che spesso hanno continuato a pagare, sanziona Dentix -si legge nella decisione dell’Authority- perché attraverso volantini pubblicitari e sul proprio sito “si è proposto ai consumatori come un operatore serio ed affidabile, capace di fornire prestazioni dentistiche e odontoiatriche basate su tecnologie all’avanguardia, pressi bassi ed equipe multidiscipliare”.
Ma siccome, scrive l’AGCM, numerosi consumatori che si sono recati nei centri Dentix, “avviando un percorso di cure per lo più coperto dai prestiti contratti con gli intermediari finanziari”, hanno visto “disattese le loro aspettative ed hanno dovuto affrontare disagi legati alle mancante cure e disservizi organizzativi”, il Gruppo Dentix viene sanzionato per pratiche commerciali scorrette
In sostanza, quanto promesso non è stato mantenuto facendo venire meno il contratto tra il cliente/paziente e Dentix.  

L’asciando da parte la questione “di principio” (non certo da sottovalutare) del considerare una cura una pratica commerciale, guardando solo l’aspetto “pratico” la sanzione dell’AGCM delinea una strada per tutelare i clienti/pazienti anche in tema di pubblicità. Se ti prometto di masticare in 24 ore e non lo faccio posso essere sanzionato, se ti prometto denti fissi e poi non riesco a farci stare gli impianti posso essere sanzionato e via elencando promesse pubblicitarie. 

Nella sentenza AGCM c’è anche la questione della tutela del paziente consumatore dalle finanziarie, dal credito al consumo

Per Graziano Urbinati, presidente Federconsumatori Rimini “restano purtroppo in ombra, nella sentenza, le responsabilità delle finanziarie che operavano con Dentix: Fiditalia, Cofidis e Deutsche Bank. Perché quello del finanziamento era parte integrante delle condizioni per attivare le prestazioni di Dentix, e solo una minima parte dei pazienti ha pagato con altre modalità”.
Manca completamente nella decisione del Garante –continua Urbinati-, la responsabilità delle finanziarie circa l’accertamento dello stato finanziario e organizzativo di Dentix, della mancata presentazione dei bilanci, delle opacità gestionali, come tempestivamente segnalato da Federconsumatori”. 

Garante ha invece considerato il comportamento delle finanziarie corretto ritenendo che abbiano assistito i clienti e rimborsato le cure non usufruite come da contratto.
Ma AGCM va oltre ed indica l’impegno preso da una di loro (Cofidis, unica minacciata di sanzione se non manterrà le promesse) il modello da seguire garantendo ai clienti/pazienti di evitare “in un periodo di crisi economica che potrebbe determinare, con frequenza, casi analoghi a quello di Dentix”.  

L’impegno proposto da Cofidis è quello di creare un “protocollo di emergenza” per i casi di inadempimento degli studi (la loro chiusura) che porti la finanziaria a dirottare i clienti/pazienti verso altri studi odontoiatrici partner della finanziaria per terminare le cure iniziate e finanziate. 

Per AGCM, lo scrive, quanto prospettato ed adottato dalla finanziaria potrebbe “costituire una best practise nel settore del credito al consumo e nel rapporto tra operatori e consumatori, aumentando la consapevolezza della clientela sull’operato delle società finanziarie”. 
Di fatto AGCM si compiace che la finanziaria applichi alle cure odontoiatriche le stesse garanzie che applica quando finanzia altri prodotti (televisore, auto, viaggi), ovvero di dare garanzie al cliente che in qualsiasi caso venga in possesso del bene acquistato a rate.  L’ultima considerazione è sulla multa da un milione di euro comminata a Dentix, società in fallimento.

In realtà, si legge nella decisione, la sanzione sarebbe dovuta essere da 1.200.000 euro ma siccome la società ha problemi economici è stato applicato uno “sconto”.
Ma proprio perché la società è in fallimento, è opportuno sanzionare Dentix con un milione di euro che se mai verranno versati, andranno a togliere fondi ai creditori, pazienti inclusi? 

Articoli correlati

Da sx: Pollifrone;Tuzio;Pelillo;Dili.

Le STP cominciano ad interessare sempre più studi professionali. Abbiamo sentito gli esperti su natura del reddito societario e le regole per consulenti e collaboratori


Sulla pubblicità viene modificata la norma Boldi non consentendo comunicazioni con offerte, sconti e promozioni che possano determinare il ricorso improprio a trattamenti sanitari


Il presidente Damilano (CAO Cuneo) avanza una proposta per superare la spinosa questione del rispetto dei principi deontologici da parte delle società di capitale 


Il presidente CAO: la concorrenza vale se le regole sono uguali per tutti. Oggi non è così, i professionisti sono penalizzati così come i pazienti 


Le STP sono escluse ma non tutte. Oltre 5 milioni di euro quanto incassato da ENPAM ma lo scorso anno solo il 50% delle società lo ha versato. Le sanzioni per gli inadempienti


Altri Articoli

Poca letteratura si occupa dell’efficacia dei metodi di comunicazione in questo settore, sottolinea il prof. GaglianiIndicando come diafano l’atteggiamento che il dentista generico ha nei...

di Massimo Gagliani


La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Elite Computer Italia, una delle aziende leader nello sviluppo di software e servizi informatici per il settore dentale, parte di Henry Schein One, presenta le ultime soluzioni nel...


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Più sicuro se abbinato ad una registrazione analogica. L’esperienza di Costanza Micarelli: la tecnologia è un enorme aiuto ma solo se abbinata ad esperienza e conoscenze del clinico e del tecnico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio