HOME - Endodonzia
 
 
14 Aprile 2016

Successo del trattamento endodontico  chirurgico con Mineral Triosside Aggregate : follow-up a sei anni

di Lara Figini


L'obiettivo principale della terapia canalare è o prevenire o trattare la parodontite apicale. Se una lesione periapicale si sviluppa o non riesce a guarire dopo un trattamento canalare primario, lo step successivo è il ritrattamento canalare ortogrado e se anche quest'ultimo dovesse risultare fallimentare allora si deve procedere al trattamento endodontico chirurgico (SER).

Ma qual' è il grado di successo a distanza di questo tipo di trattamento?

Studi randomizzati e controllati (RCT) hanno dimostrato che l'approccio terapeutico del trattamento endodontico chirurgico SER risulta essere affidabile e di successo nei casi di parodontite apicale cronica con percentuali di successo che vanno dal 89% al 94% a 1 e 2 anni di distanza. In letteratura esistono diversi studi passati di coorte clinici che hanno valutato l'esito di SER da 3 a 10 anni dopo il trattamento ma le differenze nelle tecniche utilizzate, i materiali, e i periodi di follow-up hanno complicato il confronto diretto e la messa in comune dei dati per la meta-analisi. In un recente studio randomizzato controllato apparso sul Journal of Endodontics di aprile 2016 sono stati valutati gli esiti dei trattamenti endodontici dopo la chirurgia periapicale (SER) con follow up tra 1 e 6 anni, con e senza il posizionamento di triossido minerale aggregato (MTA).

Questo studio è stato condotto dal giugno 2005 all'ottobre 2006, includendo 44 pazienti (52 denti)
con infezione periapicale cronica su denti monoradicolati e si è paragonato il trattamento RCT di SER con riempimento apicale con MTA (MTA ProRoot bianco; Dentsply Tulsa Dental,
Tulsa, OK) con il trattamento di SER senza utilizzo di MTA ma con solo il livellamento dopo apicectomia della guttaperca posizionata nella terapia ortograda (GP). Tutti i trattamenti sono stati eseguiti da 1 solo operatore utilizzando un microscopio operatorio.
I denti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo 1 (MTA) o al gruppo 2 (GP) di trattamento.
Otto pazienti hanno contribuito con 2 denti.

I risultati dei trattamenti sono stati valutati a 1 e 6 anni di distanza. Le radiografie periapicali rilevate a 1 e 6 anni post-trattamento sono state valutate singolarmente in ordine casuale da 3 esperti osservatori in cieco, 1 radiologo e 2 endodontisti, e paragonate con le immagini radiografiche scattate a 1 settimana dopo l'intervento. Tutte le immagini periapicali sono state valutate secondo i criteri descritti da Rud et al e Molven et al e categorizzati come:
1. guarigione completa
2. guarigione incompleta (tessuto cicatriziale)
3. guarigione incerta
4. guarigione insoddisfacente

Un totale di 39 pazienti (46 denti) sono risultati disponibili per il follow-up a un anno.

Al follow-up di sei anni, sono risultati disponibili e esaminati 39 di 52 denti (il 75% della
quota di partecipazione). Nel gruppo MTA, 16 dei 19 denti (86%) e nel gruppo GP 11 di 20 denti (55%) sono stati valutati come successo (P = .04). Al follow-up a 1 anno si è registrato un successo nel gruppo MTA nel gruppo GP dell'80% e del 90%, rispettivamente. Tutti gli insuccessi nel gruppo MTA (3 denti) si sono verificati a causa della frattura verticale.

Da questo studio emerge che il trattamento endodontico chirurgico che prevede un sigillo apicale con Mineral triossido aggregrato (MTA) offre una percentuale di successo buona anche a distanza di sei anni di follow-up. Sono necessari però ulteriori indagini su campioni più estesi di pazienti per confermarne i dati.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoaitria33

Bibliografia:

- Setzer FC, Kohli MR, Shah SB, et al. Outcome of endodontic surgery: a meta-analysis of the literature—part 2: comparison of endodontic microsurgical techniques with and without the use of higher magnification. J Endod 2012;38:1-10.

- Tsesis I, Rosen E, Taschieri S, et al. Outcomes of surgical endodontic treatment performed by a modern technique: an updated meta-analysis of the literature. J Endod 2013;39:332-9.

- Casper Kruse, Rubens Spin-Neto, Ren_e Christiansen, Ann Wenzel, and Lise-Lotte Kirkevang, Periapical Bone Healing after Apicectomy with and without Retrograde Root Filling with Mineral Trioxide Aggregate: A 6-year Follow-up of a Randomized Controlled Trial; JOE — Volume 42, Number 4, April 2016

Articoli correlati

Una ricerca italiana pubblicata sul Journal of Dentistry prende in esame le prestazioni cliniche dei restauri indiretti parziali in disilicato di litio utilizzate per restaurare premolari e...

di Lorenzo Breschi


Gli strumenti rotanti in nichel-titanio (NiTi) possono presentare un rischio maggiore di frattura intra-operatoria all’interno del canale radicolare.Si può affermare che:la...

di Lara Figini


In questi anni sono stati creati diversi tipi di strumenti rotanti per la sagomatura del canale radicolare. Lo scopo dell’utilizzo di questi strumenti era quello di rispettare...

di Simona Chirico


In campo endodontico, i ritrattamenti stanno aumentando di numero. La percentuale media di successo è quasi dell’80%, ma la diversa impostazione clinica, le dimensioni della...

di Massimo Gagliani


ObiettiviIllustrare l’esecuzione di un intervento di endodonzia microchirurgica attraverso un approccio di tipo mininvasivo, accurato e sotto controllo operativo in tempo reale...


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio