HOME - Endodonzia
 
 
14 Novembre 2016

Endodonzia guidata: il futuro? Dalla letteratura vantaggi e svantaggi

di Lara Figini


Il primo e fondamentale step nei trattamenti canalari è la preparazione della cavità di accesso. La forma ottimale della cavità di accesso deve permettere di accedere ai canali in maniera comoda e senza interferenze coronali ma deve anche essere il più conservativa possibile per evitare conseguenti fratture dentali future. Ecco perché questo primo step endodontico oltre a richiedere mani esperte richiede anche molto tempo per l'adeguata realizzazione. Una cavità d'accesso corretta e idonea non solo agevola e semplifica gli step successivi, e cioè la sagomatura e la detersione canalare ma ne riduce notevolmente anche i tempi.. Ultimamente si è parlato molto di implantologia guidata, ma la stessa metodica può essere applicata anche in endodonzia e si può parlare quindi di "Endodonzia guidata".

Uno studio svizzero pubblicato sull'Internationa Endodontic Journal di ottobre 2016 ha voluto proprio indagare gli aspetti positivi e quelli negativi dell'endodonzia guidata e l'effettivo ausilio che questa innovativa metodica può garantire all'endodontista principalmente nella realizzazione di una ottimale cavità di accesso e seguente individuazione e sagomatura del canale radicolare.

Gli autori di questo studio hanno preso in considerazione sessanta denti umani estratti per motivi parodontali i quali sono stati inseriti in sei modelli di arcate mascellari superiori.

Preoperatoriamente avevano eseguito scansioni CBCT intra-orali ed elaborate mediante software coDiagnostixTM. Le cavità di accesso di ogni elemento dentale sono state pianificate virtualmente e conseguentemente sono state create delle dime di orientamento mediante una stampante 3D, analogamente a quanto viene fatto per l'implantologia guidata. La preparazione delle cavità di accesso sono state eseguite da due operatori distinti mediante il supporto delle dime create.

Dopodichè sono state realizzate delle scansioni CBCT e sovrapposte per valutare quanto il disegno reale delle cavità di accesso realizzate si discostasse in forma e dimensioni dalle cavità virtuali pianificate dal software.


I risultati ottenuti dallo studio sono stati i seguenti: tutti i canali radicolari sono risultati accessibili dopo la preparazione della cavità di accesso con l'endodonzia guidata. Le cavità virtuali pianificate e le cavità di accesso preparate si discostavano in maniera minimale in forma e dimensioni, oscillando tra 0.16 al 0,21 millimetri per la parte più coronale e tra 0.17-0.47 mm per la parte più apicale . Non si è rivelata differenza significativa tra gli operatori.


Da questo studio emerge che l'Endodonzia guidata consente un'accurata preparazione della cavità di accesso fino al terzo apicale grazie alla dima stampata in 3D, riducendo sensibilmente la variabile operatore e rendendo tutti i canali radicolari accessibili dopo la preparazione della stessa.

Se da un lato l'Endodonzia guidata ha lo svantaggio di avere costi e tempistiche elevate, dall'altro lato può essere di grande aiuto per l'endodontista soprattutto nei casi di canali calcificati anche in assenza di microscopio intraoperatorio.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Articoli correlati

Gli strumenti rotanti in nichel-titanio (NiTi) possono presentare un rischio maggiore di frattura intra-operatoria all’interno del canale radicolare.Si può affermare che:la...

di Lara Figini


In questi anni sono stati creati diversi tipi di strumenti rotanti per la sagomatura del canale radicolare. Lo scopo dell’utilizzo di questi strumenti era quello di rispettare...

di Simona Chirico


In campo endodontico, i ritrattamenti stanno aumentando di numero. La percentuale media di successo è quasi dell’80%, ma la diversa impostazione clinica, le dimensioni della...

di Massimo Gagliani


ObiettiviIllustrare l’esecuzione di un intervento di endodonzia microchirurgica attraverso un approccio di tipo mininvasivo, accurato e sotto controllo operativo in tempo reale...


Antonella Polimeni

La prof.ssa Antonella Polimeni presenta la seconda edizione di un testo didattico in cui vengono esaminati tutti gli aspetti relativi al trattamento dei pazienti in età evolutiva


Altri Articoli

La notizia è che dopo alcuni anni torna il dibattito sul numero dei posti per l’accesso al corso di laurea in odontoiatria e sugli italiani che si laureano all’estero. Da...

di Norberto Maccagno


Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION