HOME - Endodonzia
 
 
15 Settembre 2007

Il laser utilizzato per pulire i canali radicolari

di Debora Bellinzani


Le tecniche laser ad alta tecnologia stanno per avere un nuovo destino nell’ambito dell’odontoiatria. Si sono dimostrate efficaci anche nell’eliminare i batteri che si trovano nei canali radicolari; questa nuova evidenza potrebbe aprire un innovativo campo di applicazione del laser nella pratica clinica.
Gli esperimenti sono stati condotti da Ulrich Loop, ricercatore della Facoltà di odontoiatria dell’Università di Vienna, in Austria, e i risultati ottenuti sono stati pubblicati dal Journal of the American Dental Association.

“Abbiamo utilizzato 60 denti umani estratti con una radice ciascuno per testare gli effetti dell’irradiazione utilizzando il tipo di laser chiamato Er,Cr:YSGG, ossia Erbio-Cromo: Ittrio (Y) Scandio Gallio Granato”, spiega Loop; “per poterne verificare l’efficacia, abbiamo inoculato nelle radici dei denti due tipi di batteri, Enterococcus faecalis ed Escherichia coli, e li abbiamo quindi irradiati sperimentando potenze di 1 e 1,5 watt.”

Dai risultati ottenuti gli autori hanno concluso che il laser Er,Cr:YSGG potrebbe essere adatto in futuro per pulire e disinfettare i canali radicolari; “noi pensiamo che questo tipo di irradiazione possa essere utilizzata in sicurezza se vengono seguite le più comuni raccomandazioni adottate per l’utilizzo di laser e se la potenza e i tempi dell’irradiazione utilizzati sono compresi nei limiti che indicano la gamma considerata priva di rischio”, conclude il ricercatore; “i risultati del nostro studio sono stati inoltre recentemente confermati da esperimenti del gruppo di lavoro di Roy Stevens della Temple University di Philadelphia, negli Stati Uniti, attraverso i quali è stata dimostrata la riduzione di Enterococcus faecalis con lo stesso tipo di laser, ma a radiazione radiale; riteniamo, però, che per una migliore definizione delle reali future possibilità offerte da questa tecnica siano necessari studi clinici che confermino i risultati degli esperimenti condotti in laboratorio.”

GdO 2007; 12

Articoli correlati

La pigmentazione grigio-bluastra del tessuto gengivale, definita tatuaggio da metallo o amalgama, è stata riscontrata nel 3,3% degli adulti negli Stati Uniti ed è causata dalla...

di Lara Figini


La perimplantite è stata definita “una condizione patologica” che si verifica nei tessuti intorno agli impianti dentali, caratterizzata da infiammazione del tessuto...

di Lara Figini


Fondazione Querini Stampalia

Il 2° Simposio Internazionale Gardalaser – dal titolo “Laser e odontoiatria d’eccellenza: lo stato dell’arte e prospettive future” – avrà luogo a Venezia il 20 e 21...


Negli ultimi due decenni, l’usura dello smalto antagonista ai nuovi materiali dentali è diventato un criterio importante nella valutazione di questi stessi materiali.Il...

di Lara Figini


Altri Articoli

L’acquisizione apre significative opportunità per Dentsply Sirona all’interno del segmento dei bio-materiali.


Slitta a settembre la scadenza dell’invio dei dati del primo semestre al Sistema Tessera Sanitaria. Il MEF accolgie le richieste di alcune associazioni di categoria


ANTLO e SNO/CNA, in incontri separati, si sono confrontati con la senatrice Boldrini in merito al disegno di legge sul nuovo profilo degli odontotecnici


Gli odontoiatri forensi: presenta ancora dei punti oscuri che evidenziano prospettive di timide innovazioni di diritto e di tutela, soprattutto in tema di formazione specifica


L’evoluzione passa attraverso l’evoluzione e la ricerca della NewTom. Ne abbiamo parlato con il prof. Pierluigi Mozzo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio