HOME - Endodonzia
 
 
27 Giugno 2017

Nuovi perni traslucidi: studi in vitro sulla profondità di polimerizzazione

di Lara Figini


La decementazione dei perni endocanalari purtroppo è un'evenienza non così rara.

La difficoltà di cementare i perni nei canali radicolari con sistemi adesivi è indiscutibilmente obiettiva per le seguenti cause:

  • accesso e visibilità limitati;
  • capacità di posizionamento limitata;
  • difficoltà nell'ottenimento di una polimerizzazione adeguata del cemento;
  • per la densità e la struttura dei tubuli dentinali a livello della porzione apicale della radice;
  • configurazione della cavità sfavorevole per l'adesione ( fattore C) all'interno dello spazio;
  • per l'alloggiamento del perno.

La difficoltà principale legata alla polimerizzazione è quella di riuscire a veicolare la luce fin nella porzione più apicale. Un modo per ovviare a questa problematica è l'utilizzo di perni traslucidi che veicolano la luce all'interno del canale, aumentandone la ritenzione e le proprietà meccaniche del cemento.

In uno studio in vitro pubblicato sul Journal of Prosthetic Dentistry di gennaio 2017 vengono analizzate e confrontate le profondità di polimerizzazione determinate da due perni traslucidi, uno tradizionale e uno di recente acquisizione. Lo scopo di questo studio in vitro è stato quello di confrontare la capacità di polimerizzazione del cemento, analizzarne la microstruttura e la radiopacità di un nuovo perno in fibra trasparente (ilumi fibra ottica Post) a paragone con un perno traslucido di comune uso da svariati anni (DT Light Post).

Gli autori hanno costruito uno stampo di alluminio con un foro cilindrico di 12 mm di lunghezza e con diametro di 4.7 mm, riempito con cemento a base di resina fotopolimerizzante (Variolink Estetica LC). Ogni perno in fibra traslucido (n = 12) vi è stato posizionato all'interno ed è stata eseguita la fotopolimerizzazione all'estremità coronale per 60 secondi con una lampada a LED. Conseguentemente la resina non polimerizzata è stata sciolta con un solvente organico, e ne sono stati misurati peso e lunghezza del cemento- resina polimerizzato. Sono state ricavate sezioni verticali e orizzontali e esaminate al microscopio elettronico a scansione.

I risultati ottenuti dagli autori sono stati i seguenti:

Il peso e la lunghezza del cemento polimerizzato sono risultati significativamente maggiore (P <.05) nei casi in cui è stato introdotto l'innovativo perno (ilumi fibra ottica Post), e alla microscopia elettronica a scansione ha dimostrato di avere una maggiore densità di fibre parallele. Il post ilumi ha dimostrato inoltre una maggiore radiopacità fra i perni in fibra testati.

 

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

 

Per approfondire:

Light-transmitting fiber optic posts: An in vitro evaluation. Antigoni Stylianou, John O. Burgess, Perng-Ru Liu, Daniel A. Givan, and Nathaniel C. Lawson. J Prosthet Dent. 2017 Jan;117(1):116-123

Articoli correlati

Uno studio condotto da ricercatori italiani pubblicato su JPD, tenta di valutare la rugosità superficiale e la resistenza alla frattura (con o senza invecchiamento meccanico) dei materiali...

di Lorenzo Breschi


Per il restauro di denti trattati endodonticamente gravemente danneggiati vengono largamente utilizzati i perni in fibra, in quanto il loro modulo elastico simile a quello della...

di Lara Figini


Per ottenere una buona longevità del restauro protesico è importante considerare diversi fattori, come il tipo e il grado di adattamento del restauro protesico, la preparazione...

di Lara Figini


I denti mancanti nella regione estetica anteriore rappresentano quasi sempre un'urgente necessità per il paziente di ricorrere ad interventi dentali dovendo ripristinare sia l'aspetto estetico...


I perni intracanalari risultano essere spesso necessari per la riabilitazione dei denti trattati endodonticamente a causa dell'indebolimento di quest'ultimo per le estese lesioni cariose, per la...


Altri Articoli

FESPA denuncia la mancanza di dotazione minima strutturale degli ambulatori Odontoiatrici del Verbano Cusio Ossola che ora rischiano la chiusura


A rischio 17 mila posti di lavoro, emendamento che impedirebbe ad una fascia considerevole di popolazione di accedere a cure odontoiatriche di qualità e a costi accessibili


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Un evento che si conferma punto di riferimento dell’aggiornamento culturale del Sud Italia che ha fatto della sinergia tra le componenti del settore il punto di forza


Associazione Italiana Odontoiatri plaude la presentazione dell’emendamento che abilita le sole StP a esercitare l’odontoiatria


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi