HOME - Endodonzia
 
 
26 Settembre 2018

Qual è il miglior strumento endodontico per ottenere il glide path?

Uno studio comparativo ha cercado di rispondere

di Davis Cussotto


Il preflaring è la fase di esplorazione e allargamento preliminari del canale e risulta determinante nel garantire una sagomatura in armonia con l’anatomia originaria del canale radicolare e per prevenire la rottura degli strumenti rotanti.

Fino a quando questa fase veniva eseguita con i file manuali, l’esperienza dell’operatore ne influenzava fortemente la qualità e il rischio di errori e complicanze. I nuovi strumenti rotanti in nickel-titanio hanno notevolmente standardizzato il preflaring, consentendo a tutti gli operatori di ottenere un allargamento preliminare e un glide path, ovverosia un sentiero di percorribilità con pareti canalari lisce lungo le quali gli strumenti in NiTi possano facilmente scivolare per raggiungere la lunghezza di lavoro.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
Sul numero di agosto di BMC Oral Health, Linxia Zheng, del Department of Conservative Dentistry and Endodontics presso la Nanjing Medical University School of Stomatology di Jiangsu (Cina), ha pubblicato uno studio comparativo tra glide path realizzati con strumenti diversi. I ricercatori hanno studiato 60 canali radicolari di primi molari inferiori estratti.

La preparazione del glide path è stata realizzata con 3 gruppi di strumenti (20 canali per gruppo): K-file (strumenti manuali tradizionali in acciaio), PathFile e ProGlider (strumenti rotanti in NiTi).

È stato inoltre testato il sistema WaveOne (Dentsply Sirona) costituito da strumenti rotanti NiTi reciprocanti che abbinato ai ProGlider consente di modellare completamente il canali radicolari anche ricurvi.

Secondo Zheng quest’abbinata di strumenti riduce il trasporto canalare e i tempi di lavorazione rispetto ai K-file e ai PathFile. Il trasporto canalare - ovvero la riduzione della parete canalare sul lato esterno nel tratto apicale a causa della tendenza degli strumenti canalari di ritornare alla loro forma originale - è stato misurato nei tre gruppi campione con rx in 3D a 1, 3 e 5 mm dall’apice radicolare.

Con un algoritmo è stato calcolato il volume radicolare (tab. I).

Tabella I  

Transportation level K-file PathFile ProGlider
1 mm 0,0280 ± 0,0041 mm 0,0201 ± 0,0045 mm 0,0181 ± 0,0036 mm
3 mm 0,0205 ± 0,0023 mm 0,0164 ± 0,0031 mm 0,0148 ± 0,0027 mm
5 mm 0,0117 ± 0,0033 mm 0,0070 ± 0,0021 mm 0,0056 ± 0,0022 mm
Aumento volume 0,4771 ± 0,0987 mm3 0,4467 ± 0,1187 mm3 0,5530 ± 0,0710 mm3


Risultati e conclusioni
In base ai dati emersi dallo studio i ricercatori hanno tratto le seguenti conclusioni finali:

  • i gruppi ProGlider e PathFile hanno mostrato un trasporto del canale significativamente inferiore rispetto al gruppo K-file a tutti i livelli;
  • il gruppo ProGlider evidenzia un aumento del volume del canale significativamente maggiore rispetto agli altri gruppi;
  • il tempo di lavoro più breve si ottiene in caso di utilizzo dei ProGlider e il più lungo con i K-file;
  • ProGlider e PathFile hanno prodotto meno detriti estrusi oltre apice rispetto ai K-file;
  • la successiva preparazione con il sistema WaveOne elimina le differenze negli aumenti di volume del canale causati dalla preparazione del glide path.

Per approfondire:

Linxia Zheng, Xiongfei Ji, Chengxi Li, Lulu Zuo, Xin Wei. Comparison of glide paths created with K-files, PathFiles, and the ProGlider file, and their effects on subsequent WaveOne preparation in curved canals. BMC Oral Health 2018;18:152.  

Articoli correlati

Quali soluzioni possono essere adottate?

di Massimo Gagliani


Uno studio pilota americano ne ha indagato proprietà meccaniche ed efficacia antibatterica

di Lara Figini


endodonzia     04 Ottobre 2018

Ritrattamenti in endodonzia

Una scelta obbligata nella moderna odontoiatria

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

E’ lunedì 15 ottobre, a Palazzo Chigi si riunisce il Consiglio dei Ministri numero 23 per visionare, eventualmente discutere e poi approvare, tutti gli articoli contenuti nel Decreto fiscale,...


Focus sulle giornate romane di odontoiatria protesica Sweden & Martina


Il Ministro della salute spagnolo promette interventi legislativi, mentre nasce il problema “finanziamenti”


L’analisi e lo scenario (pratico) secondo l’ex segretario AIO Raffaele Sodano


 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


15 Ottobre 2018
Cerco odontoiatri esperti in conservativa e protesi a San Benedetto del Tronto (AP)

Primario centro odontoiatrico, in forte sviluppo sul territorio nazionale, è alla continua ricerca di personale motivato, qualificato e pronto a far parte del proprio progetto.
Nello specifico ricerca:
ODONTOIATRI principalmente per le seguenti discipline:
CONSERVATIVA ED ODONTOIATRIA
PROTESI
Requisiti richiesti:
-Laurea attinente all'esercizio dell'attività di Medico Odontoiatra.
-Comprovata esperienza nel ruolo.
-Attinenza e disponibilità al lavoro in TEAM.
E' richiesta una disponibilità di almeno 1/2 giorni a settimana.
Zona di riferimento: San Benedetto del Tronto ( AP )
CONTATTI: lifecoach@teletu.it (inviare il curriculum con relativo recapito telefonico per esser contattati dalla direzione )

 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi