HOME - Endodonzia
 
 
18 Ottobre 2018

Perni endocanalari e ritrattamenti

Quali soluzioni possono essere adottate?

di Massimo Gagliani


Non di rado i ritrattamenti endodontici devono essere effettuati su elementi dentali che abbiano avuto delle ricostruzioni con perni endocanalari. Questi sono di varia forma e misura, possono essere in metallo o in fibra; sovente un dente, con un perno, che presenti una lesione periapicale ha una compromissione del sigillo coronale. 

Questo rende le operazioni di rimozione del perno più semplici e, per conseguenza, le manovre endodontiche di sagomatura, disinfezione e otturazione più semplici. In alcuni casi, tuttavia, già dall’esame radiografico, è possibile individuare il grado di difficoltà che si incontrerà nel rimuovere il perno; qualora si paventi questa opportunità, sarà più indicato avviare il paziente all’endodonzia chirurgica che, se affrontata con i mezzi più raffinati, ovvero microscopia e microstrumentazione, può riservare prognosi altamente favorevoli. Il tutto senza dover rimuovere e rifare manufatti protesici ancora ben funzionanti. 

Da queste brevi considerazioni si può facilmente capire quanto articolata possa essere la decisione se rimuovere o meno un perno endocanalare. In linea generale, perni inseriti permeno di metà della lunghezza canalare, spesso della tipologia filettata (ovvero avvitati all’interno del comparto canalare), sono facilmente rimovibili proprio attraverso un movimento di svitamento. 

Altri perni del commercio, pre-formati, in titanio o in acciaio, sono rimovibili per mezzo di vibrazioni ultrasoniche, associate o meno a strumenti per l’estrazione dei perni. 

Sono infine sconsigliabili le estrazioni di perni con lunghezza superiore ai due-terzi della radice, specialmente quelli in cui sia intuibile, per morfologia, l’adattamento canalare a frizione, tipico dei perni realizzati in laboratorio odontotecnico. 

Da ultimo, ma non meno importante, i perni spesso sono responsabili di quadri patologici legati alle fratture radicolari e quindi, nella diagnosi differenziale, è sempre bene scongiurare questa evenienza che, se trascurata, porterebbe al paziente una sofferenza inutile e all’odontoiatra una perdita di tempo senza risultato. 

Un quadro esaustivo delle modalità di estrazione di perni endocanalari viene fornito nel testo, in prossima pubblicazione “Ritrattamenti”, edito con la collaborazione di Style Italiano Endodontics ed EDRA.

Articoli correlati

Quando la CBCT permette di salvare più denti e mettere meno impianti. Lo spiega il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì commentando una ricerca del BDJ

di Massimo Gagliani


Una ricerca italiana pubblicata sul Journal of Dentistry prende in esame le prestazioni cliniche dei restauri indiretti parziali in disilicato di litio utilizzate per restaurare premolari e...

di Lorenzo Breschi


Gli strumenti rotanti in nichel-titanio (NiTi) possono presentare un rischio maggiore di frattura intra-operatoria all’interno del canale radicolare.Si può affermare che:la...

di Lara Figini


In questi anni sono stati creati diversi tipi di strumenti rotanti per la sagomatura del canale radicolare. Lo scopo dell’utilizzo di questi strumenti era quello di rispettare...

di Simona Chirico


In campo endodontico, i ritrattamenti stanno aumentando di numero. La percentuale media di successo è quasi dell’80%, ma la diversa impostazione clinica, le dimensioni della...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Il Governo al lavoro per sitarlo e garantire la somministrazione al maggior numero di persone in tempi rapidi. Anelli (FNOMCeO) pensa di coinvolgere anche i dentisti


Il dott. Azzalin di Varese ci racconta la sua esperienza, diretta, di una visita nei NAS per verifiche igienico sanitarie ed amministrative


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Il presidente dell’Ente di previdenza di medici e dentisti interviene durante la presentazione del 2° Rapporto Censis - Tendercapital sui buoni investimenti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina