HOME - Endodonzia
 
 
15 Novembre 2018

Il dolore dopo trattamento endodontico. Quali metodiche ne riducono la comparsa 

di Lara Figini


Una delle principali complicanze in seguito a un trattamento canalare è il dolore post-operatorio che si manifesta, secondo dati di letteratura, con una frequenza che varia dal 3% al 58% (Sathorn et al., 2008) e risulta essere una complicanza indesiderata sia per l’odontoiatra che per il paziente in quanto influenza la qualità della vita di quest’ultimo nei giorni successivi al trattamento endodontico.

Il dolore post-operatorio è multifattoriale e nello specifico la manovra di strumentazione canalare viene considerata un importante fattore operatore-dipendente (Nagendrababu, Gutmann, 2017) che può portare a estrusione di detriti dentinali e batteri nei tessuti periapicali (Siqueira et al., 2002) con conseguente dolore. La sagomatura canalare può essere eseguita mediante strumenti manuali, rotanti o reciprocanti.

Diversi sono gli studi che documentano che i vari strumenti sono in grado di influenzare la comparsa e l’intensità del dolore post-operatorio dopo visita singola per un trattamento canalare in maniera diversa (Arias, de la Macorra, Azabal, Hidalgo e Peters, 2015; Cicek, Kocak, Kocak, Saglam e Turker, 2017; Gambarini et al., 2013; Kashefinejad, Harandi, Eram e Bijani, 2016 ecc.).

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In una revisione sistematica pubblicata su Oral Disease di settembre 2018 viene analizzato il dolore post-operatorio, dopo trattamento endodontico, associato alle varie metodiche di strumentazione canalare.

Il primo obiettivo di questa revisione sistematica e meta-analisi è stato quello di confrontare il dolore post-operatorio dopo visita singola associato alla strumentazione canalare manuale a paragone con quella rotante. Il secondo obiettivo è stato quello di confrontare il dolore post-operatorio dopo visita singola associato alla strumentazione rotante a paragone con quella reciprocante.

Gli autori hanno condotto un'ampia ricerca bibliografica su PubMed, Embase, Cochrane Library e Web of Science per identificare gli studi che hanno valutato gli effetti dei diversi strumenti canalari sul dolore post-endodontico. Sono state condotte quindi meta-analisi, analisi dei sottogruppi e analisi di sensibilità.

Risultati
Nella revisione finale sono stati inclusi diciassette studi. I risultati hanno rivelato che i pazienti trattati con strumenti rotanti hanno riscontrato un'incidenza significativamente inferiore di dolore post-operatorio (RR, 0,32; p = 0,005) e intensità del dolore ridotta rispetto ai soggetti trattati con strumenti manuali.

Inoltre, i pazienti trattati con sistemi rotanti hanno sperimentato un'incidenza significativamente inferiore di dolore post-operatorio rispetto a quelli trattati con sistemi reciprocanti (RR, 0,73; p <.0001).

Conclusioni
Dai dati emersi da questa revisione si può concludere che l'uso di strumenti rotanti contribuisce a sviluppare una minore incidenza e intensità del dolore post-operatorio dopo trattamento canalare eseguito in seduta singola rispetto all’utilizzo di file manuali o reciprocanti.

Implicazioni cliniche
Si devono sottolineare alcuni limiti a questa revisione:

  • i 17 studi inclusi nella revisione non sono esattamente coincidenti per caratteristiche quali genere, dati demografici dei pazienti, età, sesso e tipo di dente;
  • alcuni degli studi inclusi non sono randomizzati, il che può potenzialmente influenzare la direzione e la grandezza degli effetti osservati;
  • gli studi non sono stati eseguiti in doppio cieco in quanto facilmente risalibile allo strumento utilizzato da parte dell’operatore.

Sono necessari maggiori studi sull’argomento randomizzati controllati in cui sono state seguite le linee guida CONSORT, che forniscono maggior chiarezza sulla progettazione degli studi. Inoltre, servono più studi di alta qualità e basso rischio di bias per confermare i risultati della meta-analisi in questione.

Per approfondire

  • Arias A, de la Macorra JC, Azabal M, Hidalgo JJ, Peters OA. Prospective case controlled clinical study of post-endodontic pain after rotary root canal preparation performed by a single operator. Journal of dentistry 2015;43:389-95.
  • Cicek E, Kocak MM, Kocak S, Saglam BC, Turker SA. Postoperative pain intensity after using different instrumentation techniques: A randomized clinical study. Journal of Applied Oral Science 2017;25(1):20-6.
  • Gambarini G, Testarelli L, De Luca M, Milana V, Plotino G, Grande NM. Sannino G. The influence of three different instrumentation techniques on the incidence of postoperative pain after endodontic treatment. Annali di Stomatologia 2013;4:152-5.
  • Kashefinejad M, Harandi A, Eram S, Bijani A. (2016). Comparison of single visit post endodontic pain using Mtwo rotary and hand K-file instruments: A randomized clinical trial. Journal of dentistry 2016;13:107.
  • Sun C, Sun J, Tan M, Hu B, Gao X, Song J. Pain after root canal treatment with different instruments: A systematic review and meta-analysis. Oral Dis 2018 Sep;24(6):908-19.

Articoli correlati

Arnaldo Castellucci incontrerà venerdì a Bologna i lettori per presentare la sua nuova pubblicazione sull’Endodonzia Microchirurgica


Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


La domanda in odontoiatria è di quelle che possono fare discutere per mesi: è meglio provare a preservare un elemento dentale con ogni mezzo possibile o posizionare un impianto osteointegrato? Vi...

di Simona Chirico


aziende     24 Maggio 2019

Al via gli Study Club AIE

L’Accademia Italiana di Endodonzia presenta per l’anno 2019 una nuova iniziativa culturale: si tratta di una serie di serate, che avranno luogo in diverse città italiane, dedicate ad...


Altri Articoli

1200 cliniche dentali presenti su tutto il territorio spagnolo apriranno le loro porte alle future mamme. Questi gli aspetti chiave da seguire suggeriti alle donne in gravidanza


Collaboratori, titolari di studio e team odontoiatrico, visti dal consulente di gestione. Le criticità, i consigli e le “soluzioni”


Obbiettivo, supportare i professionisti del settore odontoiatrico con il servizio transizioni di studio dentistico


FESPA denuncia la mancanza di dotazione minima strutturale degli ambulatori Odontoiatrici del Verbano Cusio Ossola che ora rischiano la chiusura


A rischio 17 mila posti di lavoro, emendamento che impedirebbe ad una fascia considerevole di popolazione di accedere a cure odontoiatriche di qualità e a costi accessibili


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi