HOME - Endodonzia
 
 
12 Dicembre 2018

Infezioni endodontiche da candida: una revisione sistematica chiarisce il suo ruolo


Giovanni MergoniGiovanni Mergoni

Più di un secolo fa Miller suggerì che l’origine delle patologie endodontiche e periapicali fosse riconducibile alla presenza di batteri all’interno del sistema canalare[1].

Da allora un crescente numero di studi ha approfondito gli aspetti di microbiologia endodontica, identificando i batteri che più frequentemente colonizzano tale sistema, verificando le modificazioni che avvengono nel corso della “maturazione” dell’infezione, individuando le basi microbiologiche che determinano i fallimenti dei trattamenti endodontici e individuando alcuni dei fattori di virulenza microbici in grado di determinare la patologia endodontica.

Oltre ai batteri, altri microrganismi appartenenti a regni differenti potrebbero svolgere un ruolo importante nell’ecosistema delle infezioni endodontiche.

La presenza di funghi, in particolare appartenenti al genere Candida, è stata spesso riscontrata all’interno di canali infetti; tuttavia, il loro ruolo come patogeni endodontici è ancora dibattuto.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
Per questo motivo il dottor Giovanni Mergoni e la professoressa Maddalena Manfredi, insieme ad altri ricercatori dell’Università di Parma, hanno effettuato una revisione sistematica della letteratura, recentemente pubblicata sul Journal of Endodontics[2], per calcolare la prevalenza di Candida spp. nelle infezioni endodontiche e individuare le variabili che possono influenzarne la presenza all’interno dei canali.

Gli autori hanno interrogato le principali banche dati biomediche e, dopo un processo di selezione degli articoli pertinenti, sono stati individuati 57 studi che riportavano la prevalenza di Candida spp. in canali infetti. La prevalenza cumulativa di Candida spp. è risultata essere pari all’8,20% (intervallo di confidenza al 95% = 5,56%-11,21%).

Tra le variabili considerate (indagini colturali/molecolari, origine geografica, anno di pubblicazione, presenza/assenza di sintomatologia, presenza/assenza di lesione radiografica, infezione primaria/secondaria, presenza/assenza di comunicazione diretta dei canali con la cavità orale) l’unica significativamente associata a una più alta prevalenza di Candida è stata la provenienza africana dei campioni (24,8%, intervallo di confidenza al 95% = 7,8-46,2%). C. albicans è stata la specie più frequentemente riscontrata nei canali endodontici (39 studi su 57), seguita da C. tropicalis, C. kefyr e C. parapsilosis.

I risultati di questa revisione evidenziano come Candida sia presente in una minoranza di infezioni endodontiche, inferiore al 10% dei casi, ponendo quindi alcuni dubbi circa l’importanza di questi miceti nella maggior parte delle patologie endodontiche.

Nonostante venga comunemente riportata una più alta prevalenza di Candida nei casi di fallimento endodontico, questa revisione non ha mostrato differenze statisticamente significative tra la prevalenza del micete nelle infezioni primarie e secondarie.

Conclusioni
Gli autori concludono che ulteriori studi saranno necessari per definire meglio il contributo di Candida nell’ecosistema microbico delle infezioni endodontiche e per valutare la necessità di implementare le procedure di disinfezione attraverso misure specificatamente rivolte contro i funghi.

Per approfondire

Articoli correlati

Gli strumenti rotanti in nichel-titanio (NiTi) possono presentare un rischio maggiore di frattura intra-operatoria all’interno del canale radicolare.Si può affermare che:la...

di Lara Figini


In questi anni sono stati creati diversi tipi di strumenti rotanti per la sagomatura del canale radicolare. Lo scopo dell’utilizzo di questi strumenti era quello di rispettare...

di Simona Chirico


In campo endodontico, i ritrattamenti stanno aumentando di numero. La percentuale media di successo è quasi dell’80%, ma la diversa impostazione clinica, le dimensioni della...

di Massimo Gagliani


ObiettiviIllustrare l’esecuzione di un intervento di endodonzia microchirurgica attraverso un approccio di tipo mininvasivo, accurato e sotto controllo operativo in tempo reale...


Antonella Polimeni

La prof.ssa Antonella Polimeni presenta la seconda edizione di un testo didattico in cui vengono esaminati tutti gli aspetti relativi al trattamento dei pazienti in età evolutiva


Altri Articoli

Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION