HOME - Endodonzia
 
 
20 Febbraio 2019

Quando è necessario utilizzare la CBCT invece della radiografia periapicale?

di Simona Chirico


La radiografia periapicale è utilizzata come strumento di indagine primaria in endodonzia, sia per la diagnosi che per la valutazione dell'esito di una terapia endodontica. Ma siamo sicuri che possa sempre essere sufficiente?

L'introduzione della tomografia computerizzata a fascio conico (CBCT) in endodonzia ha portato molti dentisti a preferire il suo uso, data la migliore efficacia e precisione, in particolare per il rilevamento delle lesioni.

Quindi, quale delle due sarebbe preferibile utilizzare per la valutazione delle lesioni periapicali? Una recensione pubblicata sul Journal of Endodontics ha cercato di rispondere alla domanda, con lo scopo di confrontare le due metodiche per identificare il rapporto di probabilità e quantificare i risultati endodontici.

Materiali e metodi
Sono state analizzate due review presenti in letteratura, ricavate da ricerche su database Medline, Embase, Cochrane e PubMed.

Risultati
Le probabilità di diagnosticare una lesione mediante l’utilizzo della CBCT sono di 2,04 volte maggiori rispetto alle probabilità della radiografia periapicale di individuare la stessa lesione (intervallo di confidenza del 95%, 1,52-2,73).
Ciò può non essere motivo di preoccupazione per una lesione ovvia in cui può essere fatta una diagnosi chiara, ma quando quest’ultima è clinicamente messa in discussione la CBCT potrebbe fornire una quantità maggiore di informazioni necessarie per stabilire una diagnosi accurata.

Conclusioni
Sebbene la CBCT possa superare diverse limitazioni della radiografia bidimensionale, ci sono altre questioni da considerare, come radiazioni, alti livelli di dispersione e rumore, variazioni nella distribuzione della dose all'interno di un volume di interesse e costo.

Per questi motivi, la CBCT deve essere usata quando la storia e l'esame clinico mostrano chiaramente che i benefici superano i potenziali rischi e quando la radiografia periapicale bidimensionale non è conclusiva.

Per approfondire
Aminoshariae A, Kulild JC, Syed A. Cone-beam Computed Tomography compared with intraoral radiographic lesions in Eedodontic outcome studies: A systematic review. JOE 2018;44(11):1626-31.

Al link l'approfondimento in lingua inglese pubblicato su Dentistry33

Articoli correlati

aziende     24 Maggio 2019

Al via gli Study Club AIE

L’Accademia Italiana di Endodonzia presenta per l’anno 2019 una nuova iniziativa culturale: si tratta di una serie di serate, che avranno luogo in diverse città italiane, dedicate ad...


Root Cause è il titolo del film inchiesta che vorrebbe dimostrare che i trattamenti endodontici possono essere causa di cancro, malattie al cuore e varie patologie croniche, ed il suggerimento...


I denti trattati endodonticamente sono più suscettibili al fallimento biomeccanico rispetto ai denti vitali, principalmente a causa della quantità di struttura interna del dente...

di Lorenzo Breschi


L’uso eccessivo di antibiotici e l’emergere di ceppi batterici resistenti agli antibiotici è una preoccupazione globale. Poiché i dentisti prescrivono circa il 10% di...

di Simona Chirico


Dati di uno studio in vitro su corone in disilicato di litio con preparazione endocrown e metodica CAD/CAM

di Lara Figini


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi