HOME - Endodonzia
 
 
20 Febbraio 2019

Quando è necessario utilizzare la CBCT invece della radiografia periapicale?

di Simona Chirico


La radiografia periapicale è utilizzata come strumento di indagine primaria in endodonzia, sia per la diagnosi che per la valutazione dell'esito di una terapia endodontica. Ma siamo sicuri che possa sempre essere sufficiente?

L'introduzione della tomografia computerizzata a fascio conico (CBCT) in endodonzia ha portato molti dentisti a preferire il suo uso, data la migliore efficacia e precisione, in particolare per il rilevamento delle lesioni.

Quindi, quale delle due sarebbe preferibile utilizzare per la valutazione delle lesioni periapicali? Una recensione pubblicata sul Journal of Endodontics ha cercato di rispondere alla domanda, con lo scopo di confrontare le due metodiche per identificare il rapporto di probabilità e quantificare i risultati endodontici.

Materiali e metodi
Sono state analizzate due review presenti in letteratura, ricavate da ricerche su database Medline, Embase, Cochrane e PubMed.

Risultati
Le probabilità di diagnosticare una lesione mediante l’utilizzo della CBCT sono di 2,04 volte maggiori rispetto alle probabilità della radiografia periapicale di individuare la stessa lesione (intervallo di confidenza del 95%, 1,52-2,73).
Ciò può non essere motivo di preoccupazione per una lesione ovvia in cui può essere fatta una diagnosi chiara, ma quando quest’ultima è clinicamente messa in discussione la CBCT potrebbe fornire una quantità maggiore di informazioni necessarie per stabilire una diagnosi accurata.

Conclusioni
Sebbene la CBCT possa superare diverse limitazioni della radiografia bidimensionale, ci sono altre questioni da considerare, come radiazioni, alti livelli di dispersione e rumore, variazioni nella distribuzione della dose all'interno di un volume di interesse e costo.

Per questi motivi, la CBCT deve essere usata quando la storia e l'esame clinico mostrano chiaramente che i benefici superano i potenziali rischi e quando la radiografia periapicale bidimensionale non è conclusiva.

Per approfondire
Aminoshariae A, Kulild JC, Syed A. Cone-beam Computed Tomography compared with intraoral radiographic lesions in Eedodontic outcome studies: A systematic review. JOE 2018;44(11):1626-31.

Al link l'approfondimento in lingua inglese pubblicato su Dentistry33

Articoli correlati

Dopo un trattamento canalare (primario o secondario) la prognosi per la guarigione endodontica è influenzata da diversi fattori:l’anatomia radicolare;la qualità e adeguatezza...

di Lara Figini


I trattamenti endodontici vantano ormai successi prevedibili. Talvolta però può verificarsi un fallimento come conseguenza di un’infezione persistente o di una...

di Lara Figini


In questo Agorà del Lunedì, seconda parte, il prof. Gagliani suggerisce un semplice e banale stratagemma che rende migliore la visuale dell’endodonto facilitando il trattamento...

di Massimo Gagliani


Un Agorà del Lunedì a puntate. In questa, il prof. Gagliani parla di come la Seconda Guerra Mondiale abbia cambiato l’endodonzia e della Scuola di Odontoiatri Generici 

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

“L’odontoiatria in salute per la salute” il filo conduttore di questa edizione. Disponibili online e gratuitamente tutte le video relazioni e i 602 poster


Il Centro Europeo per il Controllo delle Malattie ha pubblicato una guida per la prevenzione al contagio dei vaccinati


Quelli che hanno ottenuto la dose prima di marzo potrebbero non poterlo utilizzare per gli spostamenti durante le vacanze estive. I dubbi sulla “validità semestrale”


Per l’EMA i benefici superano i rischi. AIFa e Ministero della salute autorizza le inoculazioni anche in Italia, ma per gli over 60


Immagine di repertorio

Riguarderebbe solamente la scadenza legata alla possibilità di assumere ASO non qualificate. Intanto il Ministro avrebbe dato il via libera per avviare l’iter per la modifica del DPCM


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente