HOME - Endodonzia
 
 
15 Dicembre 2006

Endodonzia preventiva. Carie e risposte pulpari (I parte)

di D. Ricucci


Sono descritte le risposte pulpari alla progressione della patologia cariosa, dagli stadi iniziali fino all’instaurarsi della necrosi nel tessuto pulpare. Viene dimostrato come la polpa risponda precocemente all’aggressione cariosa con una reazione infiammatoria che per lungo tempo si mantiene reversibile, se i tessuti disintegrati sono meticolosamente rimossi e la sostanza persa reintegrata con materiali restaurativi ermetici. Con l’avanzare della carie in profondità e larghezza nello spessore dentinale, la risposta flogistica e le calcificazioni distrofiche sono via via quantitativamente maggiori. L’instaurarsi di un focolaio di necrosi nel tessuto pulpare è l’evento che determina la transizione da una situazione di reversibilità a una di irreversibilità del coinvolgimento pulpare infiammatorio.
Si mette in evidenza come il clinico debba valutare attentamente i dati anamnestici, i risultati dei test di sensitività, le modificazioni radiologiche, per porre una diagnosi di reversibilità o irreversibilità della patologia pulpare. Vengono infine rimarcate le difficoltà e le possibilità di errore insite in questa valutazione diagnostica.

Preventive endodontics. Pulp response to caries (1st part)

In this article pulp response to caries progression is described from initial reaction to shallow caries to caries penetrating in the pulp. It is demonstrated how pulp inflammation remains reversible for a long time, provided that infected tissues are removed and a hermetic restoration is carried out. It is stressed that a pulpitis becomes histologically irreversible only when a minor area of necrosis colonised by bacteria is established in pulp tissue. Clinical and radiographic signs that can help the clinician to make a diagnosis of reversible inflammation are discussed, bearing in mind difficulties and risks of errors arising in this evaluation.

Qualifiche Autore:
Libero professionista - Roma



Articoli correlati

In una revisione con meta-analisi, pubblicata su JADA di agosto 2020, gli autori hanno voluto valutare i fattori di rischio della carie in ogni trimestre della gravidanza 

di Lara Figini


In una ricerca su JAMA, valutate le prove scientifiche dell’efficacia di questionari/interviste motivazionali per la riduzione clinica della carie della prima infanzia 

di Lara Figini


La carie dentale è una delle malattie croniche più diffuse al mondo. Colpisce dal 60% al 90% dei bambini e gran parte della popolazione adulta (dati dell'Organizzazione Mondiale...

di Lorenzo Breschi


Una scoperta USA potrebbe permettere ai dentisti di identificare i materiali di restauro più adatti ai tessuti e al microbioma orale di ciascun paziente.


Nella pratica quotidiana, la carie è considerata la ragione più comune per la sostituzione o il rifacimento di un restauro dentale e, per il dentista generico, il rilevamento di...

di Lorenzo Breschi


Altri Articoli

La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Il Governo al lavoro per sitarlo e garantire la somministrazione al maggior numero di persone in tempi rapidi. Anelli (FNOMCeO) pensa di coinvolgere anche i dentisti


Il dott. Azzalin di Varese ci racconta la sua esperienza, diretta, di una visita nei NAS per verifiche igienico sanitarie ed amministrative


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Il presidente dell’Ente di previdenza di medici e dentisti interviene durante la presentazione del 2° Rapporto Censis - Tendercapital sui buoni investimenti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina