HOME - Endodonzia
 
 
01 Maggio 2010

Le modificazioni emocoagulative farmacologicamente indotte in chirurgia odontostomatologica

di C. Calabrese, R. La Mancusa, F. De Santis, L. Calabrese


Obiettivi. La terapia anticoagulante e quella antiaggregante trovano attualmente indicazioni relativamente ampie poiché comprendono tutte le situazioni cliniche (arteriose e venose) in cui l’evento tromboembolico rappresenta il fattore principale. L’obiettivo del trattamento farmacologico è di mantenere bassi i livelli della coagulabilità ematica con un rischio minimo e controllato di eventuali complicanze emorragiche.
Materiali e metodi. Lo studio preliminare permette l’identificazione di un eventuale pericolo correlato alla procedura chirurgica e anestesiologica prescelta e alle condizioni cliniche del paziente, consentendo il coordinamento di tutti i provvedimenti in grado di ridurre sia la morbilità sia la mortalità operatoria.
Risultati. In relazione ai valori riscontrati sono previste tre diverse procedure cliniche, ossia il mantenimento, la riduzione o la sostituzione dell’anticoagulante orale.
Conclusioni. Moltissimi farmaci presentano interazioni di rilevanza clinica; pertanto, a scopo esemplificativo sono riportate molecole relativamente sicure che esercitano in pratica un trascurabile effetto interferente.



Articoli correlati

Le osteonecrosi dei mascellari indotte da terapia con bifosfonati rappresentano al momento una patologia di grande interesse clinico e scientifico, in quanto non esiste attualmente una terapia medica...


Il numero di pazienti odontoiatrici chirurgici in trattamento anticoagulante orale è in continuo aumento e ciò è dovuto soprattutto al continuo aumento delle malattie cardiovascolari. Per il...


ObiettiviScopo di questo lavoro è di valutare l’incidenza di complicanze postoperatorie in seguito a estrazioni dentarie complesse in pazienti con patologie sistemiche rispetto a pazienti...


L’incremento della diffusione delle patologie cardiocircolatorie ha condotto un sempre maggior numero di pazienti adulti ad assumere una terapia con anticoagulanti orali. Conseguentemente spesso...


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Altri Articoli

La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


Per l’Ospedale Fatebenefratelli all’Isola Tiberina di Roma sono 9700 nuovi casi in un anno in Italia. Attivata campagna di prevenzione con visite gratuite


Intelligenza artificiali, immagini e stampanti in 3D, staminali rigeneratrici. Come cambiano gli specialisti che curano e riabilitano il cavo orale. Anche la prevenzione dei danni da fumo trova nuove...


Il punteggio medio nazionale registrato tra gli idonei è di 35,23. Ecco le previsioni dei punteggi minimi necessari per entrare senza aspettare i "ripescaggi" a medicina ed odontoiatria 


I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi