HOME - Endodonzia
 
 
01 Novembre 2010

Correlazione tra parafunzioni orali, malocclusioni e disordini temporomandibolari in pazienti in dentizione primaria e mista

di F. Vierucci, C. Mongelli, T. Doldo


Obiettivi. Valutare l’esistenza di una correlazione tra alcune parafunzioni orali (deglutizione atipica e bruxismo) e alcuni tipi di malocclusioni (morso crociato posteriore monolaterale,morso profondo, seconda classe scheletrica) e i disturbi temporomandibolari e pertanto considerare tali fattori come predisponenti lo sviluppo della patologia articolare.
Materiali e metodi. Quattrocentododici bambini (201 femmine e 211 maschi) sono stati sottoposti a una visita specialistica e per ciascuno è stato compilato un questionario per indagare la presenza di mal occlusioni, parafunzioni orali e disturbi temporomandibolari. È stata condotta un’analisi statistica di tipo descrittivo ed è stato condotto il Test di Fisher.
Risultati. Nei ragazzi la deglutizione atipica è positivamente correlata con i disordini temporomandibolari (p=0,023). Tra i diversi tipi di malocclusione il morso crociato posteriore monolaterale è significativamente associato con i DTM sia nei ragazzi sia nelle ragazze (p=0,013; p=0,05). La malocclusione di seconda classe è associata con i DTM solo nelle ragazze (p=0,036).
Conclusioni. Nel gruppo di bambini oggetto dello studio le parafunzioni orali, fatta eccezione per la deglutizione atipica nei ragazzi, non sono fattori determinanti la presenza di segni e sintomi dei disordini temporomandibolari. Nelle bambine il morso crociato e la seconda classe sono associate ai dirsturbi articolari. Nei bambini c’è un’associazione tra disordini temporomandibolari e morso crociato.



Articoli correlati

Allo stato attuale i disordini temporomandibolari (TMDs) risultano avere una prevalenza che varia dal 5% al 12%. Il 65% dei pazienti affetti da tali disturbi riportano dolore associato, spesso anche...


Secondo l'American Association for Dental Research (AADR), la diagnosi differenziale dei disordini temporomandibolari e del dolore orofacciale è primariamente clinica, basata sulle...


ObiettiviL’obiettivo dello studio è approfondire le conoscenze sulla possibilità di definire il protocollo di riferimento nell’artrocentesi dell’articolazione temporomandibolare (ATM)...


ObiettiviValutare l’effetto della terapia conservativa per il trattamento di pazienti con disordini temporomandibolari (DTM).Materiali e metodiIn questi studio clinico retrospettivo, a un campione...


Obiettivi. Numerosi autori affermano che il trattamento ortodontico debba essere considerato il gold standard tra le opzioni riabilitative per l’agenesia degli incisivi laterali superiori (AILS)....


Altri Articoli

La considerazione del prof. Massimo Gagliani partendo dal fatto che stanno aumentano le lesioni dentali di origine non cariosa

di Massimo Gagliani


La notizia della settimana è certamente quella “dell’Italia che riapre”, come hanno titolato molti quotidiani. In realtà, come oramai tradizione in questo anno abbondante...

di Norberto Maccagno


Oltre il 59% della popolazione spagnola tra i 35 e i 44 anni necessita di un qualche tipo di protesi dentale


Come verificare se le certificazioni dei Dispositivi medici sono corrette, quali le responsabilità se non lo fossero ed in caso di “incedente” come ci si deve comportare? I consigli...


Firmato il protocollo di intesa tra Governo, Regioni e Province Autonome e FNO TRSM PSTRP per la somministrazione dei vaccini da parte di tutti i professionisti sanitari, compresi gli igienisti...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente