HOME - Endodonzia
 
 
01 Novembre 2010

Correlazione tra parafunzioni orali, malocclusioni e disordini temporomandibolari in pazienti in dentizione primaria e mista

di F. Vierucci, C. Mongelli, T. Doldo


Obiettivi. Valutare l’esistenza di una correlazione tra alcune parafunzioni orali (deglutizione atipica e bruxismo) e alcuni tipi di malocclusioni (morso crociato posteriore monolaterale,morso profondo, seconda classe scheletrica) e i disturbi temporomandibolari e pertanto considerare tali fattori come predisponenti lo sviluppo della patologia articolare.
Materiali e metodi. Quattrocentododici bambini (201 femmine e 211 maschi) sono stati sottoposti a una visita specialistica e per ciascuno è stato compilato un questionario per indagare la presenza di mal occlusioni, parafunzioni orali e disturbi temporomandibolari. È stata condotta un’analisi statistica di tipo descrittivo ed è stato condotto il Test di Fisher.
Risultati. Nei ragazzi la deglutizione atipica è positivamente correlata con i disordini temporomandibolari (p=0,023). Tra i diversi tipi di malocclusione il morso crociato posteriore monolaterale è significativamente associato con i DTM sia nei ragazzi sia nelle ragazze (p=0,013; p=0,05). La malocclusione di seconda classe è associata con i DTM solo nelle ragazze (p=0,036).
Conclusioni. Nel gruppo di bambini oggetto dello studio le parafunzioni orali, fatta eccezione per la deglutizione atipica nei ragazzi, non sono fattori determinanti la presenza di segni e sintomi dei disordini temporomandibolari. Nelle bambine il morso crociato e la seconda classe sono associate ai dirsturbi articolari. Nei bambini c’è un’associazione tra disordini temporomandibolari e morso crociato.



Articoli correlati

Allo stato attuale i disordini temporomandibolari (TMDs) risultano avere una prevalenza che varia dal 5% al 12%. Il 65% dei pazienti affetti da tali disturbi riportano dolore associato, spesso anche...


Secondo l'American Association for Dental Research (AADR), la diagnosi differenziale dei disordini temporomandibolari e del dolore orofacciale è primariamente clinica, basata sulle...


ObiettiviL’obiettivo dello studio è approfondire le conoscenze sulla possibilità di definire il protocollo di riferimento nell’artrocentesi dell’articolazione temporomandibolare (ATM)...


ObiettiviValutare l’effetto della terapia conservativa per il trattamento di pazienti con disordini temporomandibolari (DTM).Materiali e metodiIn questi studio clinico retrospettivo, a un campione...


Obiettivi. Numerosi autori affermano che il trattamento ortodontico debba essere considerato il gold standard tra le opzioni riabilitative per l’agenesia degli incisivi laterali superiori (AILS)....


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi