HOME - Endodonzia
 
 
01 Novembre 2011

Contaminazione ematica sul distacco di tre differenti tipi di brackets autoleganti

di M.F. Sfondrini, A. Scribante, S. Gatti, P. Di Nicola, C. Piacentini


Obiettivi
Valutare l’influenza della contaminazione ematica sull’adesione e sul sito di distacco di tre differenti tipi di bracket self-ligating.
Materiali e metodi
Si sono suddivisi 240 incisivi inferiori bovini in modo random in 12 gruppi, ognuno contenente 20 campioni. Sono stati testati tre diversi tipi di brackets self-ligating (Smart Clip - 3 M Unitek, Monrovia, California, USA; Damon - Ormco, Glendora, California, USA; Quick - Forestadent, Pforzheim, Germania), incollati utilizzando primer Orthosolo (Ormco, Glendora, California, USA) e composito Trasbond XT (3 M Unitek, Monrovia, California, USA) in diverse condizioni di superficie smaltea: asciutta, contaminata con sangue prima del priming, contaminata con sangue dopo il priming, contaminata con sangue prima e dopo il priming. Dopo il bonding, tutti i campioni sono stati conservati in acqua distillata a temperatura ambiente per 24 ore e successivamente sottoposti al distacco al taglio mediante macchina da test universale (Mod. 4301, Instron Corp., Canton, Massachussets, USA). Dopo il distacco, la base dei brackets e le superfici smaltee sono state esaminate mediante microscopio ottico (Stereomicroscope SR, Zeiss, Oberkochen, Germany) a 10 x di ingrandimento. All’adesivo residuo sulla superficie vestibolare di ogni dente è stato assegnato un punteggio ARI (adhesive remnant index). Tutti i dati sono stati sottoposti ad analisi statistica (test del Chi-quadrato; significatività per p < 0,05).
Risultati e conclusioni
I campioni bondati su smalto asciutto hanno evidenziato una maggior frequenza di indici ARI “2”, mentre i campioni bondati su smalto contaminato prima, dopo, e prima e dopo il priming sono stati caratterizzati da una maggior frequenza di indici ARI “0”. Non sono state rilevate differenze significative nei punteggi ARI né tra i campioni bondati su smalto contaminato nei tre differenti momenti della procedura di bondaggio, né tra i tre tipi di attacchi autoleganti testati.



Articoli correlati

ObiettiviLo scopo del nostro lavoro è valutare i cambiamenti negli anni del concetto di spazio e come si siano evolute le tecniche per la risoluzione delle discrepanze dento-basali. In base ai...


Obiettivi: Confrontare i valori di frizione generati durante lo scorrimento di diversi tipi di archi ortodontici (0,014” NiTi, 0,018” NiTi, 0,018”¥0,025” NiTi, 0,014” SS, 0,018” SS,...


Il lavoro si propone di valutare in vitro la frizione che si sviluppa su un’intera arcata in 3 differenti sistemi low-friction (legature Slide, bracket Synergy, bracket autoleganti Time 2),...


Scopo del lavoro è stato quello di analizzare e confrontare sistemi autoleganti attivi e passivi e di proporre una sequenza archi adatta per l’utilizzo dei bracket Time2. Attraverso un’ampia...


Obiettivo del lavoro è quello di presentare i più recenti risultati ottenibili con l’applicazione della sistematica digitale ai modelli di studio ortodontici. Le possibilità applicative si...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi