HOME - Endodonzia
 
 
21 Ottobre 2014

Successo della terapia endodontica: come cambia la prognosi quando si frattura uno strumento

di Matteo Grassi


Nel corso del 2013 un'importante revisione della letteratura pubblicata sul British Dental Journal  (The impact of fractured endodontic instruments on treatment outcome ;Br Dent J. 2013 Mar;214(6):285-9 McGuigan MB, Louca C, Duncan HF), rivista di riferimento nel panorama odontoiatrico anglosassone, fa il punto attuale sull'influenza della frattura di uno strumento endodontico durante l'esecuzione della terapia canalare.

L'articolo si pone come scopo quello di fornire al clinico le linee guida per affrontare correttamente la scelta dell'iter terapeutico più idoneo.

Nello studio viene evidenziato come La presenza iniziale di lesione periapicale sia il fattore prognostico più determinante: le percentuali di successo della terapia si riducono considerevolmente, a causa dell'inadeguata disinfezione dello spazio endodontico (dal 5% al 42% in meno di probabilità di successo).

A supporto di questo dato, tutti gli articoli analizzati concordano che, in assenza di lesione periapicale iniziale la presenza di un frammento non influenza in modo statisticamente significativo il successo della terapia endodontica. Risulta quindi evidente come la rimozione del frammento od il suo bypass sia un passaggio cruciale in presenza di una lesione periapicale mentre assume importanza secondaria nel caso opposto.

L'importanza strategica del dente nel piano di trattamento, la dimensione del frammento, la sede anatomica dove avviene la separazione dello strumento (conformazione anatomica della radice) e la fase della terapia canalare nella quale si verifica l'evento, sono tutti elementi che devono essere attentamente considerati in fase decisionale. È altresì evidente che qualora il frammento non venga rimosso, controlli radiografici periodici si rendono necessari per valutare l'evoluzione dello stato clinico.

La corretta valutazione dei rischi e benefici rispetto la rimozione del frammento, la gestione dello stress che deriva dall'evento e la concertazione del piano di cure con il paziente diventano fondamentali, oltre che deontologici, che preservano il clinico dal prendere una decisione affrettata e controproducente oltre che all'incorrere in controversie medico-legali.

A cura di: Matteo Grassi, odontoiatra

Articoli correlati

Sabato 22 ottobre 2016 si è tenuto a Orta San Giulio (NO) la 28 edizione dello storico congresso Piemontese organizzato da ANDI Novara. Durante la giornata, dedicata alla protesi fissa che ha...


La fibrosi sottomucosa orale, OSMF, è una malattia infiammatoria cronica e immunomediata, associata a un aumento dello stress ossidativo, il quale è attribuito a un alto tasso...

di Lara Figini


Lesione fortemente invalidante che a seconda della natura può essere trattata. Queste le indicazioni ed i consigli del prof. Biglioli


L’enucleazione, con o senza innesto osseo allogenico, è la principale procedura chirurgica per trattare le piccole cisti odontogene. Tuttavia l'approccio alle cisti di grandi...

di Lara Figini


Le lesioni al nervo alveolare inferiore (IAN) sono purtroppo complicanze non trascurabili in chirurgia orale e maxillo-facciale e possono incorrere durante trattamenti quali la...

di Lara Figini


Altri Articoli

L’evoluzione passa attraverso l’evoluzione e la ricerca della NewTom. Ne abbiamo parlato con il prof. Pierluigi Mozzo


I crediti da recuperare entro la fine del triennio, le novità, quali le modifiche sulle quali si sta lavorando, la questione sanzioni tra i temi toccati con il componente odontoiatra della...


Il dott. Mele commenta la motivazione data dal Garante alla pubblicazione del nome del dentista che avrebbe violato la privacy chiedendo al paziente se fosse sieropositivo e poi rifiutandosi di...


Agorà del Lunedì     26 Luglio 2021

L’anno che verrà

Riflessioni del prof. Gagliani sul periodo trascorso e quello che verrà dal punto di vista dell’aggiornamento culturale e della professione


Secondo uno studio realizzato da un team di ricercatori americani guidati da Kara Law, l'Italia è al nono posto nel mondo per produzione di rifiuti di plastica pro capite: gli italiani generano...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio