HOME - Endodonzia
 
 
21 Ottobre 2014

Successo della terapia endodontica: come cambia la prognosi quando si frattura uno strumento

di Matteo Grassi


Nel corso del 2013 un'importante revisione della letteratura pubblicata sul British Dental Journal  (The impact of fractured endodontic instruments on treatment outcome ;Br Dent J. 2013 Mar;214(6):285-9 McGuigan MB, Louca C, Duncan HF), rivista di riferimento nel panorama odontoiatrico anglosassone, fa il punto attuale sull'influenza della frattura di uno strumento endodontico durante l'esecuzione della terapia canalare.

L'articolo si pone come scopo quello di fornire al clinico le linee guida per affrontare correttamente la scelta dell'iter terapeutico più idoneo.

Nello studio viene evidenziato come La presenza iniziale di lesione periapicale sia il fattore prognostico più determinante: le percentuali di successo della terapia si riducono considerevolmente, a causa dell'inadeguata disinfezione dello spazio endodontico (dal 5% al 42% in meno di probabilità di successo).

A supporto di questo dato, tutti gli articoli analizzati concordano che, in assenza di lesione periapicale iniziale la presenza di un frammento non influenza in modo statisticamente significativo il successo della terapia endodontica. Risulta quindi evidente come la rimozione del frammento od il suo bypass sia un passaggio cruciale in presenza di una lesione periapicale mentre assume importanza secondaria nel caso opposto.

L'importanza strategica del dente nel piano di trattamento, la dimensione del frammento, la sede anatomica dove avviene la separazione dello strumento (conformazione anatomica della radice) e la fase della terapia canalare nella quale si verifica l'evento, sono tutti elementi che devono essere attentamente considerati in fase decisionale. È altresì evidente che qualora il frammento non venga rimosso, controlli radiografici periodici si rendono necessari per valutare l'evoluzione dello stato clinico.

La corretta valutazione dei rischi e benefici rispetto la rimozione del frammento, la gestione dello stress che deriva dall'evento e la concertazione del piano di cure con il paziente diventano fondamentali, oltre che deontologici, che preservano il clinico dal prendere una decisione affrettata e controproducente oltre che all'incorrere in controversie medico-legali.

A cura di: Matteo Grassi, odontoiatra

Articoli correlati

Sabato 22 ottobre 2016 si è tenuto a Orta San Giulio (NO) la 28 edizione dello storico congresso Piemontese organizzato da ANDI Novara. Durante la giornata, dedicata alla protesi fissa che ha...


Gentili ColleghiLeggo con interesse l'iniziativa formativa basata su in peculiare caso clinico da titolo "Neoformazione sviluppatasi dopo estrazione dentale" a firma M. Viviano, G. Lorenzini, A....


Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito l'aggiornamento delle "Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età adulta"...


Le fistole odontogene drenanti a livello extraorale di frequente non vengono riconosciute come tali. In letteratura è stato evidenziato che circa la metà dei pazienti, affetti da questa...


Il quarto modulo del secondo corso FAD (Dental Cadmos 9/2014) descrivere l'eziologia, gli aspetti clinici e le caratteristiche istopatologiche della leucoplachia.La definizione di leucoplachia,...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi