HOME - Endodonzia
 
 
11 Maggio 2015

Nei canali ovali è meglio inserire perni ovali o perni circolari? Dalla letteratura i consigli per la scelta giusta

di Lara Figini


Sin dal 1925, dagli studi di Hess & Zurcher che si ha cognizione del fatto che i denti non presentano canali semplificati, ma piuttosto sistemi canalari complessi. Esistono dei canali principali e canali secondari ed accessori, per cui si parla più correttamente di sistema canalare. E quanto alle anatomie dei canalari principali anch'esse possono essere tra le più variegate, da circolari a ovalari, canali a C, nastriformi etc. In seguito a un trattamento canalare molto spesso si ha la necessità di inserire un perno nel canale per poter dare ritenzione alla ricostruzione sovrastante, ma la domanda più dibattuta in letteratura da tempo è: qual è il perno migliore e meno traumatico per le nostre radici?e poi la scelta del perno deve essere influenzata dall'anatomia canalare?

Sicuramente ci si è sempre chiesti se fosse meglio un perno in metallo o un perno in carbonio, in silicio etc..., e di conseguenza in ogni studio odontoiatrico si è adottata una di queste metodiche appena citate, ma meno frequentemente si pensa ad inserire nel canale un perno della forma più conforme al canale in questione. In uno studio in vitro pubblicato sul Journal of Endodontics di Aprile 2015 gli autori hanno selezionati settanta premolari mandibolari con canali ovali e decoronati. Li hanno suddivisi quindi in 5 gruppi di 14 denti ciascuno:

Gruppo 1 : gruppo controllo in cui i canali non sono stati per nulla strumentati né sagomani.

In tutti gli altri denti è stata effettuata invece la sagomatura canalare secondo protocollo prestabilito fino a strumentazione con Pro Taper 30, inoltre:

Gruppo 2: il canale è stato ulteriormente preparato per l'alloggiamento del perno con drill a sezione circolare (size #2, 1.55 mm) (Unicore; Ultradent, Salt Lake City,UT). Non è stato inserito nessun perno.

Gruppo 3: il canale è stato ulteriormente preparato per l'alloggiamento del perno con drill ultrasonico a Sezione Ovale (Ellipson Tip). Non è stato inserito nessun perno.

Gruppo 4: è stata eseguita la medesima preparazione del gruppo 2 ed è stato inserito un perno circolare in fibra (size #2, 1.55 mm) (Unicore posts size 2, Ultradent)

Gruppo 5: è stata eseguita la medesima preparazione del gruppo 3 ed è stato inserito un perno ovale in fibra (diametro della punta del perno = 0.6 mm, spessore= 1.1 mm, width = 1.8 mm) (Ellipson Posts, RTD/Satelec).

Ciascun provino è stato sottoposto al test di resistenza alla frattura e i risultati sono stati i seguenti:

Nelle radici in cui è stata fatta una preparazione canalare utilizzando drill ultrasonici di forma ovale si ha avuto una riduzione significativa della resistenza alla frattura delle radici rispetto al gruppo di controllo (P <.001). Tuttavia, non si è registrata alcuna differenza significativa in resistenza alla frattura tra il gruppo di controllo e il gruppo 2 in cui è stata eseguita la preparazione per il perno con punte di forma circolare (P> .05). L'inserimento dei perni sia circolari che ovali aumenta significativamente la resistenza alla frattura delle radici rispetto al gruppo di controllo (P <.001), e la resistenza alla frattura delle radici con perni circolari si è dimostrata superiore a quella del gruppo con perni ovali (P <.001).

In base ai risultati di questo studio l'odontoiatra può tener presente che anche nei canali ovalari inserire perni di forma ovale non comporta alcun vantaggio rispetto ad inserire perni circolari, in termini di resistenza alla frattura delle radici in cui vengono inseriti.

Ovviamente sono necessari ulteriori studi analoghi in letteratura per confermare questi risultati

A cura di: Lara Figini, Coordinatrice scientifica Odontoiatria33

Bibliografia:

J Endod. 2015 Apr;41(4):539-43. Fracture Resistance of Endodontically Treated Roots with Oval Canals Restored with Oval and Circular Posts. Uzun Ý, Arslan H, Doðanay E, Güler B, Keskin C, Çapar ID.

Articoli correlati

Pubblicato uno dei primi lavori europei riguardante l’impatto che il Covid-19 ha avuto sugli odontoiatri. Ricerca condotta grazie alla collaborazione tra Federazione Regionale degli Ordini...


Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


La Guardia di Finanza ha denunciato a Nizza Monferrato (provincia di Asti) un diplomato odontotecnico, con trascorsi da imprenditore della ristorazione, per esercizio abusivo della professione di...


Altri Articoli

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION